Il trapianto di cervello è realmente possibile?

Il trapianto di cervello è un intervento chirurgico molto complesso e dalle innumerevoli implicazioni etiche. L’elenco delle speculazioni è infinito. Il soggetto riprenderà conoscenza ? Sarà in grado di pensare? Respirare? Come reagirà il corpo al nuovo cervello?

0
273
Sinapsi, identificata una funzione chiave nel cervello

Il neurochirurgo Sergio Canavero ha annunciato nel 2015 che presto sarebbe stato in grado di eseguire il primo trapianto di cervello al mondo, insieme a tutta la testa. Questo significherebbe che sarebbe possibile rimuovere la testa di qualcuno e innestarla sul collo e sulle spalle di un’altra persona. Finora, questo procedimento è stato eseguito solo su cadaveri e non su esseri umani viventi.

Sinapsi, identificata una funzione chiave nel cervello, trapianto di cervello
Trapianto di cervello

Come andrebbe eseguito un trapianto di cervello

(ALLERTA SPOLER!)
Emma Stone ha recentemente vinto il suo secondo Oscar per la sua interpretazione nella commedia brillantemente surreale Poor Things. Nel film, il personaggio di Stone, Bella Baxter, riceve un trapianto di cervello espiantato a sua volta dal corpo del suo bambino non ancora nato sopravvissuto dopo essersi suicidata. L’intervento viene eseguito dallo scienziato sperimentale Dr. Godwin Baxter (interpretato da Willem Dafoe).

Il dottor Baxter rimuove il cervello dalla parte posteriore del cranio, sgusciandolo con la stessa facilità con cui si fa con un pisello da un baccello. Per ragioni scientifiche, questa scena non è anatomicamente corretta, ma solleva la domanda: quanto è fattibile eseguire un trapianto di cervello? Quali sono gli aspetti pratici dell’operazione forse più impegnativa mai concepita?

Il cervello vivo ha la consistenza di un budino ed è protetto dal cranio da eventuali traumi. Nonostante sia una struttura dura da intaccare, l’osso si rivelerebbe probabilmente il materiale più semplice da trattare. Le moderne tecniche neurochirurgiche utilizzano seghe per craniotomia per rimuovere una zona del cranio e accedere così al cervello.

demenza ad esordio giovanile (YOD), Trapianto di cervello
Trapianto di cervello

È importante specificare che non tutte le operazioni neurochirurgiche raggiungono il cervello in questo modo. La ghiandola pituitaria, grande quanto un pisello, si trova alla base del cervello, proprio dietro uno dei seni nella parte posteriore della cavità nasale. In questo caso, ha senso introdursi dal naso per un intervento chirurgico all’ipofisi.



Anche se il naso non sarebbe abbastanza grande per inserire un nuovo cervello, può certamente fungere da percorso per rimuoverne uno, anche se a pezzi. Durante il processo di mummificazione, gli antichi egizi, che consideravano il cervello poco importante, ne rimuovevano pezzi attraverso i passaggi nasali.

Oltre il cranio si raggiunge la fascia del cervello: tre membrane protettive, o meningi. Il primo, la dura, è solido. La seconda, l’aracnoide, giustamente chiamata, è come una tela di ragno, mentre la pia, la terza, è delicata e invisibilmente sottile. Sono queste strutture che si infiammano nella meningite.

Queste membrane forniscono stabilità e impediscono al cervello di spostarsi. Segregano anche le viscere del cranio in compartimenti. Il primo fornisce una fascia protettiva di fluido attorno alla parte esterna del cervello. Conosciuto come liquido cerebrospinale (CSF), è costituito da sangue filtrato ed è incolore.

Le meningi creano anche canali tra cervello e cranio. Queste sono le vie attraverso le quali sia il sangue che il liquido cerebrospinale dalla testa vengono restituiti al cuore. Aprendo il cranio e le meningi, ci sarà una finestra sufficiente per rimuovere il cervello. Questa si rivelerebbe la parte più semplice dell’operazione.

Le oggettive difficoltà di un trapianto di cervello

Il cervello riceve informazioni sensoriali da tutto il corpo e gli invia istruzioni, facendo contrarre i muscoli, battere il cuore e le ghiandole secernere ormoni. Per rimuovere un cervello è necessario tagliare le 12 paia di nervi cranici che ne derivano direttamente e il midollo spinale. Le informazioni entrano ed escono dal cervello attraverso tutte queste strutture.

I nervi non si ricongiungono semplicemente insieme. Non appena vengono recisi, in genere iniziano a disintegrarsi e a morire, sebbene alcuni siano più resistenti ai danni di altri. Gruppi di ricerca in tutto il mondo hanno sperimentato come promuovere la ricrescita delle cellule nervose dopo un danno per evitare sintomi neurologici. Le idee a riguardo potrebbero essere molteplici, ma includono l’uso di sostanze chimiche o l’innesto di cellule che stimolano il recupero neuronale.

I ricercatori hanno anche suggerito che una speciale colla biologica potrebbe essere utilizzata per riattaccare due estremità tagliate di un nervo o di un midollo spinale reciso. La rimozione del vecchio cervello richiederà anche il taglio delle arterie che forniscono il sangue. Questo procedimento avrà anche tagliato l’ossigeno e la nutrizione essenziali, il che richiederà anche il riaccoppiamento.

Ondata di morte
Trapianto di cervello

Il periodo finale e più incerto è quello successivo. E l’elenco delle speculazioni è infinito. Il soggetto riprenderà conoscenza ? Sarà in grado di pensare? Respirare? Come reagirà il corpo al nuovo cervello?

La maggior parte degli interventi di trapianto richiedono che i donatori siano compatibili ai riceventi, poiché la normale reazione del corpo ai tessuti sconosciuti è di rigettarli. Il sistema immunitario invia una cavalleria di globuli bianchi e anticorpi per attaccare e distruggere, convinto che questa nuova presenza significhi danno.

Normalmente il cervello è protetto da questo assalto da un altro scudo, chiamato barriera emato-encefalica. Se non adeguatamente ricostruito durante l’operazione, il cervello del donatore potrebbe essere esposto ad attacchi.

È altrettanto importante considerare come il cervello reagirà alla sua nuova sede. In Poor Things, si dice che il cervello e il corpo di Bella Baxter “non siano del tutto sincronizzati“. Ma il cervello può imparare a crescere. Quindi, proprio come i bambini acquisiscono un arsenale di pensieri, comportamenti, abilità e capacità durante il loro sviluppo infantile, un cervello trapiantato potrebbe fare lo stesso.

Conclusioni

Quindi, il trapianto di cervello rimane attualmente materia di fantascienza e di cinema pluripremiato. La fattibilità secondo l’anatomia e la fisiologia di base rende improbabile lo sviluppo di una procedura così complessa.

Brainoware: un cervello 2.0 con parti umane e robotiche, cellule cerebrali
Trapianto di cervello

Più tempo, strumenti, tecnologie, competenze e, naturalmente, denaro lo renderanno mai fattibile? Se Poor Things offre uno sguardo sull’etica dello scambio di cervelli, allora è un pensiero spaventoso.

2