Alzheimer: vaccino nasale inizierà per la prima volta la sperimentazione umana

Il Brigham and Women's Hospital di Boston, nel Massachusetts, inizierà presto gli studi di Fase I di un vaccino nasale progettato per prevenire o rallentare la progressione della malattia di Alzheimer (AD)

0
1050

Il Brigham and Women’s Hospital di Boston, nel Massachusetts, inizierà presto gli studi di Fase I di un vaccino nasale progettato per prevenire o rallentare la progressione della malattia di Alzheimer (AD), ha affermato un comunicato stampaQuesta è la prima occasione in cui viene tentato un vaccino nasale per la malattia, che colpisce più di sei milioni di persone nei soli Stati Uniti. 

Visto per la prima volta in un paziente nel lontano 1906 dal Dr. Alois Alzheimer, la malattia è una malattia del cervello caratterizzata dalla presenza di grumi (placche amiloidi) e fibre aggrovigliate (grovigli tau) tra le cellule nervose (neuroni) nel cervello. I sintomi della malattia, che di solito si osservano negli adulti sulla sessantina, variano da problemi di memoria alla perdita della vista e persino al ragionamento alterato.

La causa della malattia è stata a lungo messa in dubbio e solo di recente i ricercatori hanno creduto di essere arrivati ​​alla radice di essa. La ricerca per una cura è in corso da decenni, tuttavia, la maggior parte degli interventi mira a ridurre la gravità dei sintomi. Il vaccino da sperimentare mira a cambiare questa situazione

La sperimentazione del vaccino nasale

Howard L. Weiner, co-direttore di un centro che studia le malattie neurologiche a Brigham, ha svolto ricerche sullo sviluppo dell’AD per oltre 20 anni. Precedenti studi hanno dimostrato che le cellule immunitarie del corpo svolgono un ruolo nella rimozione delle placche amiloidi dal cervello. Pertanto, i ricercatori stanno utilizzando un modulatore immunitario chiamato Protollin per stimolare il sistema immunitario e rimuovere le placche. 

La protollina è un agente intranasale derivato dalla miscelazione di componenti cellulari specifici di diversi batteri ed è già utilizzato come adiuvante, per generare una maggiore risposta immunitaria per altri vaccini. I ricercatori sperano che attivando il sistema immunitario, in particolare i globuli bianchi del linfonodo situato nella zona del collo, il vaccino elimini le placche anche nei pazienti con AD. 



Il processo includerà 16 partecipanti di età compresa tra 60 e 85 anni a cui è stato diagnosticato un AD sintomatico in fase iniziale, ha affermato il comunicato stampa. I partecipanti alla sperimentazione riceveranno due dosi del vaccino, a distanza di una settimana. L’obiettivo principale della sperimentazione è determinare se il vaccino è sicuro e può essere tollerato ai dosaggi pianificati. In caso di successo, la stessa modalità di trattamento potrebbe essere utilizzata per altre malattie neurodegenerative, afferma il comunicato stampa. 

È interessante notare che un’altra possibile strategia di trattamento e vaccino per l’AD è stata pubblicata all’inizio di questo mese e presto passerà alla sperimentazione umana

2