Tumori polmone, al via campagna consapevolezza ‘Nuove opzioni. Nuovi percorsi’

0
30

(Adnkronos) – Fare awareness sul tumore al polmone, sensibilizzare la popolazione sull'esistenza e sull'importanza dello screening come forma di prevenzione, informarla sulla possibilità di effettuare test di genetica molecolare per individuare l'eventuale presenza di mutazioni e sui benefici delle terapie adiuvanti per la malattia operabile e delle terapie farmacologiche innovative per i tumori non resecabili. Sono gli obiettivi della campagna di sensibilizzazione 'Nuove opzioni. Nuovi percorsi', promossa da AstraZeneca con la collaborazione dell'Associazione Walce, Women against lung cancer in Europe. Il tumore al polmone è oggi il big killer oncologico in Italia con oltre 30mila decessi ogni anno, che spesso non presenta sintomi nelle fasi iniziali di malattia.  Nel 2022 – ricorda una nota – nel nostro Paese sono state stimate circa 43.900 nuove diagnosi di tumore al polmone (29.300 riguardavano uomini; 14.600 le donne). E' la seconda neoplasia più frequente negli uomini (15%) e la terza nelle donne (6%). La sopravvivenza netta a 5 anni dalla diagnosi è del 16% negli uomini e del 23% nelle donne e sono 117.800 le persone viventi in Italia dopo una diagnosi di tumore del polmone (77.200 uomini; 40.600 donne). "Il fattore di rischio principale di questa neoplasia è il fumo ed è quindi fondamentale focalizzare l'attenzione sulla prevenzione primaria e sulla consapevolezza della popolazione che uno stile di vita scorretto influisca fortemente sullo sviluppo della malattia – afferma Giorgio Vittorio Scagliotti, direttore Oncologia medica Aou San Luigi Gonzaga di Orbassano (Torino) e professore ordinario dell'Università degli Studi di Torino – E' ugualmente importante anche la prevenzione secondaria, perché le diagnosi che avvengono a seguito di interventi di screening permettono di individuare il tumore nelle fasi iniziali della malattia e di allungare così l'aspettativa di vita dei pazienti". Pazienti spesso inconsapevoli delle innovazioni terapeutiche disponibili, come le terapie adiuvanti o le alternative non chirurgiche con finalità curative, e che spesso equiparano l'operazione chirurgica alla guarigione. In caso di diagnosi di tumore non resecabile – evidenzia la nota – la scarsa consapevolezza del paziente sull'esistenza di opzioni terapeutiche alternative può generare falsi miti come la non operabilità come sinonimo di condanna. "Fino a poco tempo fa – spiega Silvia Novello, professore ordinario di Oncologia medica presso l'Università degli Studi di Torino e presidente Walce – la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia rappresentavano le uniche opzioni terapeutiche disponibili per il trattamento del tumore al polmone. Grazie ad alcuni intensi programmi di ricerca e sviluppo, oggi operatori sanitari e pazienti hanno a disposizione terapie farmacologiche innovative che consolidano i risultati della chirurgia (terapie adiuvanti), che migliorano l'efficacia della chirurgia anche somministrate prima dell'intervento stesso, oppure che possono costituire un approccio potenzialmente curativo nel caso in cui il tumore non sia operabile".  "Tra queste importanti innovazioni terapeutiche – precisa Novello – ci sono i nuovi farmaci a bersaglio molecolare e l'immunoterapia che sono considerati trattamenti di prima scelta del tumore al polmone non a piccole cellule (Nsclc). E' fondamentale, quindi, che le persone siano a conoscenza di tutte le opzioni terapeutiche a disposizione e la campagna 'Nuove opzioni. Nuovi percorsi' si prefigge l'obiettivo di focalizzare l'attenzione sull'importanza di una corretta informazione sul percorso di cura personalizzato per ciascun paziente. Ogni tumore al polmone è una storia a sé ed è necessario identificare percorsi ad hoc per ogni singolo paziente".  Pochi – prosegue la nota – sono a conoscenza dell'impatto di questa patologia, e ancor meno sono le persone consapevoli dell'esistenza e dell'importanza dello screening che, se diffuso, potrebbe ridurre la mortalità del 20% nei soggetti più a rischio e che è in grado di individuare in anticipo la malattia permettendo l’accesso precoce alle terapie. 
Risp, Rete italiana screening polmonare – dettaglia la nota – è un programma multicentrico gratuito di diagnosi precoce del tumore al polmone che ha l'obiettivo di coinvolgere persone ad alto rischio, tra cui i forti fumatori per individuare precocemente la malattia. Approvato e finanziato dal ministero della Salute nel 2021 con 2 milioni di euro, il programma ha completato il primo anno di attività nei 18 centri partecipanti.  "Al 20 ottobre 2023, il database nazionale che raccoglie le adesioni di tutti i volontari ha registrato 18.857 forti fumatori candidati al programma Risp e 8.023 hanno già eseguito la prima Tc del torace – riferisce Ugo Pastorino, direttore Chirurgia toracica della Fondazione Irccs Istituto nazionale tumori di Milano – L'Italia è l'unico Paese dell'Ue ad avere un programma attivo su tutto il territorio nazionale, che unisce la diagnosi precoce dei tumori polmonari e della patologia cardio-polmonare cronica con il supporto farmacologico alla cessazione del fumo. Per questo siamo stati scelti in due programmi di coordinamento e implementazione dello screening polmonare in Europa: 4-ITLR e Solace. Risp potrà ottenere nuovi finanziamenti europei nel 2024, ma è essenziale che la macchina organizzativa e l'attività di screening proseguano nei prossimi 2 anni".  "Nell'ottica di ridefinire il paradigma di trattamento delle patologie oncologiche, la pipeline innovativa di AstraZeneca si pone l'obiettivo di offrire una cura per le principali neoplasie nei diversi setting terapeutici – dichiara Alessandra Dorigo, Head of Oncology di AstraZeneca Italia – Questo significa ricercare nuovi standard di cura che, grazie alle nuove classi di farmaci e ai nuovi meccanismi d'azione, migliorino la qualità di vita delle persone con patologie oncologiche. La sfida per i prossimi anni sarà accelerare il nostro impegno nel progresso scientifico e nella ricerca clinica superando gli ottimi risultati raggiunti nel 2023: 166 studi clinici attivi di cui 90 in oncologia, 220 gli ospedali coinvolti e 1.179 i centri di sperimentazione attivi".  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2