Secondo un fisico olandese la gravità non è un forza fondamentale e la materia oscura non esiste

Secondo il professor Erik Verlinde la gravità funziona in modo diverso da come l'abbiamo capita in precedenza e la creazione del concetto di materia oscura è irrilevante

0
82713
Secondo un fisico olandese la gravità non è un forza fondamentale e la materia oscura non esiste

L’enciclopedia Treccani online così definisce la gravità:

In fisica, tendenza dei corpi materiali a cadere verticalmente al suolo, dovuta all’attrazione che la Terra esercita su di essi; più propriamente, la forza (detta anche forza di g. o forza peso) che provoca tale caduta, risultante dell’attrazione gravitazionale terrestre (diretta, con buona approssimazione, verso il centro di massa della Terra) e della forza centrifuga (normale all’asse della Terra), conseguenza della rotazione terrestre“.

La gravità è qualcosa che tutti noi conosciamo fin da bambini. Lasci cadere qualcosa e cade a terra. E anche il modo in cui i fisici descrivono la gravità è piuttosto coerente: è considerata una delle quattro forze o “interazioni” principali della natura e il modo in cui funziona è stato descritto dalla teoria generale della relatività di Albert Einstein nel lontano 1915.

La gravità non sarebbe una forza fondamentale

Ma il professor Erik Verlinde, un esperto di teoria delle stringhe dell’Università di Amsterdam e del Delta Institute of Theoretical Physics, pensa che la gravità non sia una forza fondamentale della natura. Invece è “emergente“, cioè nasce dai cambiamenti in microscopici bit di informazione nella struttura dello spaziotempo.

Verlinde per primo ha articolato questa rivoluzionaria teoria in un suo documento del 2010, in cui ha adottato le leggi di Newton e ha sostenuto che la gravità è “una forza entropica causata da cambiamenti nelle informazioni associate alle posizioni dei corpi materiali“.  Ha poi affermato che “la gravità è un’illusione“, elaborando ulteriormente che:



Naturalmente non è un’illusione nel senso che sappiamo che le cose cadono. Certamente in fisica La maggior parte delle persone pensa che possiamo descrivere la gravità in modo perfettamente adeguato usando la relatività generale di Einstein. Ma ora sembra che possiamo anche iniziare da una formulazione microscopica in cui possiamo ignorarla per cominciare, ma è possibile derivarla. Questo si chiama emergenza“.

Ciò che Verlinde propone è che la gravità funzioni in modo diverso da come l’abbiamo capita in precedenza e la creazione del concetto di materia oscura è irrilevante. Verlinde afferma di essere in grado di prevedere la velocità delle stelle del bordo esterno e la loro “gravità in eccesso” nell’ambito della sua nuova teoria.

“Abbiamo prove che questa nuova visione della gravità sia effettivamente in accordo con le osservazioni”, ha affermato Verlinde“A grande scala, a quanto pare, la gravità non si comporta proprio come prevede la teoria di Einstein”.

Questo aspetto della teoria di Verlinde è stato recentemente testato con successo da un team di scienziati olandesi.

Un grande risultato del lavoro di Verlinde è che ci spinge ulteriormente verso la riconciliazione della fisica quantistica con la relatività generale.

Molti fisici teorici come me stanno lavorando su una revisione della teoria e sono stati fatti alcuni importanti progressi. Potremmo essere sull’orlo di una nuova rivoluzione scientifica che cambierà radicalmente le nostre opinioni sulla natura stessa dello spazio, del tempo e della gravità“, ha concluso Verlinde.

Fonte: ArxIv

2