Cos’è il Metaverso?

L'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha recentemente annunciato che il gigante della tecnologia passerà dall'essere una società di social media a diventare "una società del metaverso", operando in un "internet incarnato" che unisce il mondo reale e virtuale più che mai

0
3885

L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha recentemente annunciato che il gigante della tecnologia passerà dall’essere una società di social media a diventare “una società del metaverso”, operando in un “internet incarnato” che unisce il mondo reale e virtuale più che mai.

Allora, cos’è “il metaverso”?

Sembra il genere di cose di cui parlano i miliardari per guadagnare titoli, come il capo di Tesla Elon Musk che spruica “pizzerie” su Marte. Tuttavia, dato che quasi tre miliardi di persone usano Facebook ogni mese, il suggerimento di Zuckerberg di un cambio di direzione merita un po’ di attenzione.

Il termine “metaverso” non è nuovo, ma recentemente ha visto un’impennata di popolarità e speculazioni su cosa tutto questo possa significare in pratica.

L’idea del metaverso è utile ed è probabile che sia con noi per un po’ di tempo. È un concetto che vale la pena capire anche se, come me, sei critico nei confronti di un futuro che i suoi sostenitori suggeriscono.

Il Metaverso: un nome il cui tempo è arrivato?

Gli esseri umani hanno sviluppato molte tecnologie per ingannare i nostri sensi, da altoparlanti e televisori audio a videogiochi interattivi e realtà virtuale, e in futuro potremmo sviluppare strumenti per ingannare i nostri altri sensi come il tatto e l’olfatto.



Abbiamo molte parole per queste tecnologie, ma ancora nessuna parola popolare che si riferisca alla totalità del mash-up di realtà vecchio stile (il mondo fisico) e le nostre estensioni fabbricate alla realtà (il mondo virtuale).

Parole come “Internet” e “ciberspazio” sono state associate ai luoghi a cui accediamo attraverso gli schermi. Non catturano del tutto il costante intreccio di Internet con le realtà virtuali e la realtà aumentata.

Altrettanto importante, i vecchi nomi non catturano le nuove relazioni sociali, esperienze sensoriali e comportamenti economici che stanno emergendo insieme a queste estensioni al virtuale. Ad esempio, Upland combina un riflesso virtuale del nostro mondo con token non fungibili (NFT) e mercati immobiliari.

Aiuta anche il fatto che “metaverso” sia un termine poetico. Gli accademici scrivono da anni di un’idea simile sotto il nome di “realtà estesa”, ma è un nome piuttosto noioso. “Metaverse”, coniato dallo scrittore di fantascienza Neal Stephenson nel suo romanzo del 1992 “Snow Crash”, ha un fascino molto più romantico.

Gli scrittori hanno l’abitudine di riconoscere le tendenze che necessitano di un nome: “Cyberspace” viene da un libro del 1982 di William Gibson; “robot” è tratto da un’opera teatrale del 1920 di Karel Čapek.

Neologismi recenti come “the cloud” o “Internet of Things” ci sono rimasti impressi proprio perché sono modi pratici per fare riferimento a tecnologie che stavano diventando sempre più importanti. Il metaverso si trova in questa stessa categoria.

Chi trae vantaggio dal Metaverso?

Se passi troppo tempo a leggere di grandi aziende tecnologiche come Apple, Facebook, Google e Microsoft, potresti finire per sentire che i progressi tecnologici (come l’ascesa del metaverso) sono inevitabili.

È difficile non iniziare a pensare a come queste nuove tecnologie modelleranno la nostra società, politica e cultura e come potremmo inserirci in quel futuro. Questa idea è chiamata “determinismo tecnologico”: il senso che avanza nella tecnologia modella le nostre relazioni sociali, le relazioni di potere e la cultura, con noi come semplici passeggeri.

Tralascia il fatto che in una società democratica abbiamo voce in capitolo su come si svolge tutto questo.

Per Facebook e altre grandi aziende, determinate ad abbracciare la “prossima grande novità” prima dei loro concorrenti, il metaverso è entusiasmante perché presenta un’opportunità per nuovi mercati, nuovi tipi di social network, nuova elettronica di consumo e nuovi brevetti.

Nel mondo ordinario, la maggior parte di noi è alle prese con cose come una pandemia, un’emergenza climatica e l’estinzione di massa di specie indotta dall’uomo. Facciamo fatica a capire come sia una bella vita con la tecnologia che abbiamo già adottato.

Allora perché dovremmo essere entusiasti delle aziende tecnologiche che investono incalcolabili miliardi in nuovi modi per distrarci dal mondo di tutti i giorni che ci dà aria da respirare, cibo da mangiare e acqua da bere?

Le idee in stile Metaverso potrebbero aiutarci a organizzare le nostre società in modo più produttivo. Standard e protocolli condivisi che uniscono mondi virtuali disparati e realtà aumentate in un unico metaverso aperto potrebbero aiutare le persone a lavorare insieme e ridurre la duplicazione degli sforzi.

In Corea del Sud, ad esempio, una “alleanza del metaverso” sta lavorando per convincere le aziende e il governo a lavorare insieme per sviluppare una piattaforma VR nazionale aperta. Gran parte di questo è trovare modi per fondere smartphone, reti 5G, realtà aumentata, valute virtuali e social network per risolvere i problemi della società (e, più cinicamente, realizzare profitti).

Affermazioni simili per la condivisione e la collaborazione sono state fatte nei primi giorni di Internet. Ma nel tempo la promessa iniziale è stata spazzata via dal dominio delle grandi piattaforme e dal capitalismo della sorveglianza.

Internet ha avuto un enorme successo nel connettere tra loro persone di tutto il mondo e funzionare come una sorta di moderna Biblioteca di Alessandria per ospitare vaste riserve di conoscenza.

Eppure ha anche aumentato la privatizzazione degli spazi pubblici, ha invitato la pubblicità in ogni angolo della nostra vita, ci ha legati a una manciata di aziende giganti più potenti di molti paesi e ha portato il mondo virtuale a consumare il mondo fisico attraverso danni ambientali.

Oltre il mondo unico

I problemi più profondi con il metaverso riguardano il tipo di visione del mondo che rappresenterebbe. In una visione del mondo, possiamo pensare a noi stessi come passeggeri all’interno di una realtà singolare che è come un contenitore per le nostre vite.

Questa visualizzazione è probabilmente familiare alla maggior parte dei lettori e descrive anche ciò che si vede su qualcosa come Facebook: una “piattaforma” che esiste indipendentemente dai suoi utenti.

In un’altra visione del mondo, che i sociologi suggeriscono sia comune nelle culture indigene, ognuno di noi crea la realtà in cui vive attraverso ciò che fa. Pratiche come il lavoro e i rituali collegano le persone, la terra, la vita e la spiritualità e insieme creano la realtà.

Un problema chiave con la prima visione è che conduce a un “mondo unico”: una realtà che non ammette altre realtà. Questo è ciò che vediamo già sulle piattaforme esistenti.

L’attuale versione di Facebook potrebbe aumentare la tua capacità di connetterti ad altre persone e comunità. Ma allo stesso tempo limita il modo in cui ti connetti ad essi: funzionalità come sei “reazioni” preimpostate ai post e contenuti scelti da algoritmi invisibili modellano l’intera esperienza.

Allo stesso modo, un gioco come Battlegrounds di PlayerUnknown (con oltre 100 milioni di utenti attivi) offre possibilità illimitate su come potrebbe svolgersi un gioco, ma definisce le regole in base alle quali il gioco può essere giocato.

L’idea di un metaverso, spostando ancora di più le nostre vite su una piattaforma universale, estende questo problema a un livello più profondo. Ci offre possibilità illimitate per superare i vincoli del mondo fisico; tuttavia, così facendo, li sostituisce solo con i vincoli imposti da ciò che consentirà il metaverso.

2