13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaLa stella più luminosa di 47 Tucanae

La stella più luminosa di 47 Tucanae

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli astronomi hanno ispezionato la stella più brillante di un ammasso globulare noto come 47 Tucanae, 47 Tuc o NGC 104. I risultati dello studio, pubblicati il ​​3 agosto su arXiv.org, forniscono importanti informazioni sulle proprietà e sulla composizione chimica di questa stella, cosa che potrebbe migliorare la nostra comprensione della natura dell’ammasso.

Gli ammassi globulari (GC) sono raccolte di stelle strettamente legate in orbita attorno a galassie. Gli astronomi li percepiscono come laboratori naturali che consentono studi sull’evoluzione di stelle e galassie.

In particolare, gli ammassi globulari potrebbero aiutare i ricercatori a comprendere meglio la storia della formazione e l’evoluzione delle galassie di primo tipo, poiché l’origine dei GC sembra essere strettamente legata a periodi di intensa formazione stellare.

Situato a circa 13.000 anni luce di distanza nella costellazione di Tucana, 47 Tucanae o 47 Tuc in breve, è un ammasso globulare con un diametro di circa 120 anni luce. È il secondo GC più luminoso nel cielo e può essere visto ad occhio nudo.

La stella più brillante di 47 Tuc sia alla lunghezza d’onda ultravioletta che ottica è la cosiddetta “Bright Star” (BS). È una stella gigante blu di tipo spettrale B8 III con una temperatura effettiva di circa 11.000 K.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, la stella luminosa è una stella di ramo gigante post-asintotica (post-AGB), che si sta muovendo attraverso il diagramma colore-magnitudine verso la punta della sequenza di raffreddamento della nana bianca.

Sebbene siano stati condotti molti studi sulla stella luminosa, la sua composizione chimica è ancora poco conosciuta.

Dato che la Bright Star rappresenta una finestra unica sulla chimica di 47 Tuc, un team di astronomi guidato da William V. Dixon dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, ha studiato questa stella utilizzando il Far Ultraviolet Spectroscopic Explorer (FUSE), il telescopio spaziale Hubble (HST) e il telescopio Magellano.

Le osservazioni hanno permesso al team di determinare le abbondanze fotosferiche di 26 elementi della stella luminosa. I dati mostrano che gli elementi di massa intermedia generalmente scalano con il ferro, mentre gli elementi più pesanti hanno approssimativamente abbondanze solari.

È stato scoperto che la stella ha un rapporto carbonio/azoto relativamente basso, il che suggerisce che appartenga alla seconda generazione di stelle a grappolo. Inoltre, risulta avere anche un basso rapporto carbonio/ossigeno, indicando che non è stato sottoposto a un terzo dragaggio sull’AGB.

Lo studio ha determinato i parametri fondamentali della stella luminosa. Secondo la ricerca, ha un raggio di circa 9,63 raggi solari, una massa di circa 0,54 masse solari e una temperatura effettiva a un livello di 10.850 K.

La massa derivata della stella luminosa suggerisce che le singole stelle in 47 Tuc perdano tra 0,1– 0,2 masse solari sull’AGB, che è solo leggermente inferiore alla massa che le stesse stelle perdono sul ramo della gigante rossa (RGB).

Riassumendo i risultati, i ricercatori hanno concluso che la stella luminosa non ha subito cambiamenti significativi nelle sue abbondanze fotosferiche mentre scalava l’AGB.

“Se è così, allora le sue abbondanze di elementi pesanti sono tipiche dei valori dei cluster”, hanno aggiunto gli autori dell’articolo.

Articoli più letti