Antiche impronte rivelano la presenza dell’uomo in Europa 200.000 anni prima di quanto si pensasse

Jorge Rivera, ricercatore e tecnico del dipartimento di radioisotopi GRS dell'Università di Siviglia, ha fatto una scoperta significativa in Europa riguardante le impronte di ominini trovate a Matalascañas

912
Antiche impronte rivelano la presenza dell'uomo 200.000 anni prima di quanto si pensasse

Jorge Rivera, ricercatore e tecnico del dipartimento di radioisotopi GRS dell’Università di Siviglia, ha fatto una scoperta significativa in Europa riguardante le impronte di ominini trovate a Matalascañas.

Il team ha utilizzato tecniche di luminescenza stimolate otticamente presso il Centro per la ricerca, la tecnologia e l’innovazione (CITIUS) e CENIEH dell’Università di Siviglia, per determinare che le impronte sono 200.000 anni più vecchie di quanto si pensasse in precedenza, risalenti a 295.800 anni fa nel Pleistocene medio periodo.

Ciò suggerisce che i pre-Neanderthal vivevano nell’area di Doñana durante questo periodo. La ricerca è stata guidata dal professore di paleontologia Eduardo Mayoral presso l’Università di Huelva.

La luminescenza stimolata otticamente è un metodo utilizzato per trovare l’età assoluta dei sedimenti che sono stati completamente esposti alla luce solare.

Pietra miliare scientifica

La scoperta nel giugno 2020 di impronte di ominini di oltre 106.000 anni accanto a El Asperillo (Matalascañas, Huelva), è stata una rivoluzione per il mondo scientifico, tanto da essere considerata una delle scoperte più importanti di quell’anno. Ma ora, la pubblicazione di questo nuovo articolo ha confermato ciò che alcuni esperti sospettavano all’epoca: quelle impronte erano molto più antiche e in realtà sono 200.000 anni più vecchie di quanto si pensasse in precedenza.

Mentre in precedenza era collocato nel Pleistocene superiore, le prove ora indicano chiaramente il Pleistocene medio e la sua età di 295.800 anni, rendendolo un record unico in Europa, dal momento che non esiste un sito migliore al mondo in termini di numero, età e area rispetto a quella della spiaggia di El Asperillo per impronte fossili di ominini.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dopo aver raccolto campioni dai vari livelli, e altri due successivamente per confrontare i primi risultati, è stata stabilita l’età dei resti fossili che punta al Pleistocene medio, momento cruciale tra le diverse fasi climatiche, tra un periodo caldo, MIS 9 (360.000 -300.000 anni fa), in transizione verso MIS 8 (300.000-240.000 anni fa), in cui ebbe luogo una grande glaciazione.

L’età è quindi specificata in 295.800 anni, con un margine di errore di 17.800 anni, secondo i dati raccolti dai quattro campioni di livelli sedimentari nelle scogliere di El Asperillo dove è stato trovato il sito, inizialmente 87 impronte, che ora ha un record di oltre 300 impronte, di cui il 10% sono considerate ben conservate. Ad eccezione di quelle di Matalascañas, si nota che non sono note altre impronte di ominini tra le fasi climatiche MIS9 e MIS 8 del Pleistocene medio. Ecco perché ci si chiede se appartengano ai Neanderthal.

Ma sono Neanderthal?

All’inizio si pensava che fossero uomini di Neanderthal, ma ora questo è in dubbio. L’ipotesi principale tra gli scienziati è che si tratti di individui del lignaggio Neanderthal, tra i quali sono stati associati Homo heidelbergensis e Homo neanderthalensis. L’ipotesi che si tratti di ominini pre-neanderthal è possibile.

Proprio per questo motivo, le impronte di Matalascañas sono ora più preziose per il loro contributo ai reperti fossili di ominidi nel Pleistocene medio, che è molto povero in Europa a causa della scarsità di depositi con impronte. Fino ad ora, secondo il documento, impronte di questo periodo sono state trovate solo a Terra Amata e Roccamonfina (Italia), che sono state datate tra 380.000 e 345.000 anni fa, con registrazioni di Homo heidelbergensis.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sono gli unici più vecchi di quello di Huelva in quest’epoca. Dopo questi, i siti di Biache-Vaast (Francia) e Theopetra (Grecia), da 236.000 a 130.000 anni fa, sono attribuiti a Homo neanderthalensis. In questo contesto, l’intervallo di lunghezza di tutte le impronte trovate a Matalascañas, da 14 a 29 centimetri, è simile a quello trovato nei siti europei, come Theopetra (14-15 centimetri), Roccamonfina (24-27 cm) e Terra Amata (24 centimetri).

In ogni caso, gli esperti sottolineano la singolarità della scoperta di Matalascañas, la cui nuova datazione ha messo in discussione i paradigmi esistenti e ha richiesto un’analisi approfondita prima di accettarne le conclusioni.

La nuova cronologia stabilisce ora un cambiamento nello scenario che allora prevaleva sulla costa del Golfo di Cadice, con insediamenti umani in un clima più temperato e umido rispetto al resto d’Europa, con falde acquifere alte e vegetazione abbondante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In questo stesso periodo il livello del mare sarebbe stato di circa 60 metri sotto il livello attuale. Ciò implica che la costa si trovava a più di 20 chilometri da dove si trova oggi, ed è così che ci sarebbe stata una grande pianura costiera, con ampie aree soggette a inondazioni, in cui sarebbero state fatte le impronte scoperte a metà del 2020.

La nuova datazione del sito riguarda anche gli animali vertebrati trovati, poiché le tracce di ominidi includevano anche impronte di grandi mammiferi come elefanti dalle zanne dritte, tori giganteschi (uri) e cinghiali. Era la fauna che abitava Doñana 300.000 anni fa e non 100.000 anni fa, come affermano altre indagini.

Fonte: Scientific Reports

---L'articolo continua dopo la pubblicità---