I 4 significati fondamentali del “nulla”, o niente, nella scienza

L’Universo, come lo vediamo oggi, è sicuramente pieno di “cose”. Tutto ciò che vediamo, sentiamo e con cui interagiamo è costituito da particelle subatomiche al livello più fondamentale che si sono assemblate in grandi strutture – esseri umani, pianeti, stelle, galassie e ammassi di galassie – nel corso della storia dell’Universo. Tutti obbediscono alle stesse leggi della fisica ed esistono nel contesto dello stesso spaziotempo che tutto occupa.

Tutte quelle cose che vediamo e sperimentiamo nell’Universo oggi esistono solo da un periodo di tempo limitato. L’Universo non ha sempre avuto galassie, stelle o atomi, che, però, ad un certo punto si sono formati. Da cosa sono venuti? Sebbene la risposta ovvia possa sembrare ” da qualcosa”, questo non è necessariamente vero; potrebbero essere sorti dal nulla. Cosa significa “niente” o “nulla” per uno scienziato in quel contesto? A seconda di chi chiedi, potresti ottenere una tra quattro diverse risposte.

Le definizioni di “nulla” in fisica

1) Una condizione in cui non esistevano gli ingredienti grezzi per creare il tuo “qualcosa” . Non puoi avere galassie, stelle, pianeti o esseri umani senza le particelle necessarie per costruirli. Tutto ciò che conosciamo e con cui interagiamo è fatto di particelle di materia subatomica; questi sono gli ingredienti grezzi da cui è costruito l’Universo come lo conosciamo.

Se inizi con un Universo pieno di materia, è facile capire come può espandersi, raffreddarsi e gravitare arrivando fino all’Universo come lo conosciamo oggi. Sappiamo come le stelle vivono e muoiono, portando agli elementi pesanti che consentono la creazione di stelle di piccola massa, pianeti rocciosi, molecole organiche e, infine, alla vita. Ma come siamo finiti con un Universo pieno di materia, invece di uno con uguali quantità di materia e antimateria? Questo è il primo significato scientifico di ottenere qualcosa dal nulla.

0*4g2uGf20mb4Hh4m9
Dopo che le coppie quark/antiquark si sono annichilate, le restanti particelle di materia si legano a formare protoni e neutroni, in uno sfondo di neutrini, antineutrini, fotoni e coppie elettrone/positrone. Ci sarà un eccesso di elettroni sui positroni per corrispondere esattamente al numero di protoni nell’Universo, mantenendolo elettricamente neutro. Come sia nata questa asimmetria materia-antimateria è una grande domanda senza risposta della fisica contemporanea. ( Credito : E. Siegel/Oltre la Galassia)

È anche uno dei più grandi enigmi della fisica: se le leggi della fisica sono tali che possiamo creare materia e antimateria solo in quantità uguali, come siamo arrivati ​​a un Universo in cui ogni struttura che vediamo è fatta di materia e non di antimateria? Ogni pianeta, stella e galassia che abbiamo mai visto è fatto di materia e non di antimateria. Allora come si è creato un eccesso di questi ingredienti grezzi necessari se l’Universo non è nato con un equilibrio tra materia ed antimateria?

Questo è ciò che si intende quando si sente dire che la materia nel nostro Universo è nata dal nulla. L’origine dell’asimmetria materia-antimateria – un enigma noto nella comunità dei fisici come bariogenesi – è uno dei più grandi problemi irrisolti della fisica odierna. Molte idee e meccanismi sono stati proposti e sono teoricamente plausibili, ma non sappiamo ancora la risposta. Non sappiamo perché ci sia qualcosa (più materia che antimateria) invece di niente (uguali quantità delle due forme che si sarebbero ormai annichilate).

0*FfJ4ynbUDFeRfz9p
Sebbene le nostre immagini più spettacolari dello spazio siano ricche di galassie, la maggior parte del volume dell’Universo è completamente priva di materia, galassie e luce. Possiamo solo immaginare un Universo in cui lo spazio è veramente vuoto. ( Crediti : NASA, ESA e The Hubble Heritage Team (STScI/AURA))

2.) Il nulla è il vuoto dello spazio vuoto. Forse preferisci una definizione di niente che non contenga letteralmente “nessuna cosa“. Se segui questa linea di pensiero, allora la prima definizione è inadeguata: contiene chiaramente “qualcosa”. Per raggiungere il nulla, dovrai sbarazzarti di ogni costituente fondamentale della materia. Ogni quanto di radiazione deve scomparire. Ogni particella e antiparticella, dal neutrino spettrale a qualunque cosa sia la materia oscura, deve essere rimossa.

Se potessi in qualche modo rimuovere tutto potresti assicurarti che l’unica cosa rimasta sia lo spazio vuoto stesso. Senza particelle o antiparticelle, senza materia o radiazioni, senza quanti identificabili di alcun tipo nel vostro Universo, tutto ciò che vi sarebbe rimasto è il vuoto dello spazio vuoto stesso. Per alcuni, questa è la vera definizione scientifica di “nulla”.

Visualizzazione di un calcolo della teoria quantistica dei campi che mostra particelle virtuali nel vuoto quantistico. (Specificamente, per le interazioni forti.) Anche nello spazio vuoto, questa energia del vuoto è diversa da zero, e quello che sembra essere lo “stato fondamentale” in una regione dello spazio curvo apparirà diverso dalla prospettiva di un osservatore in cui la curvatura dello spazio è diversa. Finché sono presenti campi quantistici, deve essere presente anche questa energia del vuoto (o una costante cosmologica). ( Credito : Derek Leinweber)

Ma alcune entità fisiche rimangono ancora, anche in quello scenario altamente restrittivo e fantasioso. Le leggi della fisica sono ancora lì, il che significa che i campi quantistici permeano ancora l’Universo. Ciò include il campo elettromagnetico, il campo gravitazionale, il campo di Higgs e i campi derivanti dalle forze nucleari. Lo spaziotempo è ancora lì, governato dalla Relatività Generale. Le costanti fondamentali sono tutte ancora al loro posto, tutte con gli stessi valori che osserviamo.

E, cosa forse più importante, l’energia di punto zero dello spazio è ancora lì, ed è ancora al suo valore attuale, positivo, diverso da zero. Oggi, questo si manifesta come energia oscura; prima del Big Bang, questa energia si è manifestata sotto forma di inflazione cosmica, la cui fine ha dato origine all’intero Universo. Da qui deriva la frase “un universo dal nulla“. Anche senza materia o radiazioni di alcun tipo, questa forma di “nulla” conduce comunque a un Universo affascinante.

0*S120F VpoJ iflYI
Una rappresentazione di uno spazio piatto e vuoto senza materia, energia o curvatura di alcun tipo. Questo spazio ha l’energia di punto zero più bassa possibile e non sarà possibile ridurla ulteriormente. ( Credito : Amber Stuver/Living LIGO)

3.) Il nulla come stato ideale di energia più bassa possibile per lo spaziotempo. In questo momento, il nostro Universo ha un’energia di punto zero, o un’energia inerente allo spazio stesso, che ha un valore positivo, diverso da zero. Non sappiamo se questo sia il vero “stato fondamentale” dell’Universo, cioè lo stato energetico più basso possibile, o se sia possibile scendere ancora. È possibile che ci troviamo in uno stato di falso vuoto e che il vero vuoto, o il vero stato di energia più bassa, sia più vicino allo zero o possa effettivamente arrivare fino allo zero (o al di sotto).

La transizione dal nostro stato attuale porterebbe probabilmente a una catastrofe che altererebbe per sempre l’Universo: uno scenario da incubo noto come decadimento del vuoto. Ciò comporterebbe molte cose sgradevoli per la nostra esistenza. Il fotone diventerebbe una particella massiccia, la forza elettromagnetica viaggerebbe solo per brevi distanze e praticamente tutta la luce solare emessa dalla nostra stella non riuscirebbe a raggiungere la Terra.

0*0lX3XQ9epmkKvQ6J
Un campo scalare φ in un falso vuoto. Si noti che l’energia E è superiore a quella nel vero vuoto o stato fondamentale, ma esiste una barriera che impedisce al campo di scivolare classicamente verso il vero vuoto. Si noti anche come lo stato di energia più bassa (vero vuoto) possa avere un valore finito, positivo, diverso da zero. È noto che l’energia di punto zero di molti sistemi quantistici è maggiore di zero. ( Credito : Stannered/Wikimedia Commons)

Ma in termini di immaginare questo come uno stato di vero nulla, è forse lo scenario ideale che mantiene ancora intatte le leggi della fisica (anche se alcune delle regole sarebbero diverse). Se tu fossi in grado di raggiungere il vero stato fondamentale dell’Universo – qualunque cosa possa sembrare quello stato – ed espellere dal tuo Universo tutta la materia, l’energia, la radiazione, la curvatura dello spaziotempo e le increspature, ecc., rimarresti con l’idea ultima del “nulla fisico”.

Almeno avresti ancora un palcoscenico su cui l’Universo può giocare, ma non ci sarebbero giocatori. Non ci sarebbe nessun cast, nessuna sceneggiatura e nessuna scena per la tua commedia, ma il vasto abisso del nulla fisico ti fornisce ancora un palcoscenico. Il vuoto cosmico sarebbe al suo minimo assoluto e non ci sarebbe modo di estrarre da esso lavoro, energia o particelle reali (o antiparticelle). Eppure, per alcuni, questo ha ancora il sapore di “qualcosa”, perché lo spazio, il tempo e le regole esistono ancora.

0*pLBP2pd4PJuMi8P7
La suite completa di ciò che è presente oggi nell’Universo deve le sue origini al caldo Big Bang. Più fondamentalmente, l’Universo che abbiamo oggi può nascere solo grazie alle proprietà dello spaziotempo e alle leggi della fisica. Senza di loro, non possiamo avere esistenza in nessuna forma. ( Credito : NASA / GSFC)

4.) Il nulla si verifica solo quando rimuovi l’intero Universo e le leggi che lo governano. Questo è il caso più estremo di tutti: un caso che esce dalla realtà – dallo spazio, dal tempo e dalla fisica stessa – per immaginare un ideale platonico del nulla. Possiamo concepire di rimuovere tutto ciò che possiamo immaginare: lo spazio, il tempo e le regole che governano la realtà. I fisici non hanno alcuna definizione per il nulla in questo caso; questo è puro nulla filosofico.

Nel contesto della fisica, questo crea un problema: non possiamo dare alcun senso a questo tipo di nulla. Saremmo costretti a presumere che esista una cosa come uno stato che può esistere al di fuori dello spazio e del tempo, e che lo spaziotempo stesso, così come le regole che governano tutte le entità fisiche che conosciamo, possano quindi emergere da questo stato ipotizzato e idealizzato.

0* JGpfuUeNrC5i7wp
Le fluttuazioni nello spaziotempo stesso su scala quantistica si estendono attraverso l’Universo durante l’inflazione, dando origine a imperfezioni sia nella densità che nelle onde gravitazionali. Mentre il gonfiaggio dello spazio può essere giustamente definito “niente” sotto molti aspetti, non tutti sono d’accordo. ( Crediti : E. Siegel; ESA/Planck e la task force interagenzia DOE/NASA/NSF sulla ricerca CMB)

Sfortunatamente, non abbiamo idea se questa linea di pensiero abbia un significato fisico. È possibile che sia semplicemente un esercizio della nostra capacità di immaginare cose al di fuori della nostra realtà, senza alcuna connessione con qualcosa che possa effettivamente esistere. Una serie di domande sorgono immediatamente quando iniziamo a pensare in questo modo, senza risposte definitive. Loro includono:

  • Come fa lo spaziotempo ad emergere in un particolare luogo o istante, quando non esiste qualcosa come “spazio” (per luogo) o “tempo” (per istante)?
  • Possiamo davvero immaginare che qualcosa sia “fuori” dall’Universo se non abbiamo spazio, o “avere un inizio” se non abbiamo tempo?
  • Da dove nascerebbero le regole che governano le particelle e le loro interazioni?

Questa definizione finale di nulla, sebbene sembri certamente la più soddisfacente dal punto di vista filosofico, potrebbe non avere alcun significato. Potrebbe essere solo un costrutto logico nato dalla nostra inadeguata intuizione umana.

0*av9QmzGGJwTkP8Qe
A un livello fondamentale, anche lo spazio puramente vuoto è ancora pieno di campi quantistici, che influenzano il valore dell’energia del punto zero dello spazio. Finché non sapremo come eseguire questo calcolo, dobbiamo fare un’ipotesi sul valore a cui arriviamo o ammettere che non sappiamo come eseguire questo calcolo. ( Crediti : NASA/CXC/M. Weiss)

Quando gli scienziati parlano di niente, o di nulla, spesso si parlano addosso, pensando che la loro definizione di “nulla” sia l’unica valida. Ma qui non c’è consenso: il linguaggio è ambiguo e il concetto di nulla significa cose diverse per persone in contesti diversi. “Qualcosa dal nulla” può essere una situazione in cui fondamentalmente sorge qualcosa dove prima non c’era, ma non tutti saranno d’accordo sul fatto che “nulla” è ciò da cui è nato.

Ognuna delle quattro definizioni è corretta a modo suo, ma la cosa più importante è capire cosa intende chi parla quando parla della sua particolare forma di nulla. Ogni definizione ha la sua portata e il suo ambito di validità, con applicazioni a un’ampia gamma di particolari problemi fisici, dall’origine della materia all’energia oscura, all’inflazione cosmica, all’energia del punto zero dello spazio stesso. Ma questi concetti hanno anche uno svantaggio: sono tutti costrutti delle nostre menti. Tutto ciò che sappiamo di certo è venuto dal nulla.

La chiave è capire come.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Articoli correlati

Popular Categories