2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeEconomia e FinanzaIl mining di criptovalute

Il mining di criptovalute

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il mining è il processo attraverso il quale speciali algoritmi riescono a generare le nuove monete di Bitcoin ed altre criptovalute. Inoltre, il processo di mining permette anche di verificare e validare l’integrità della blockchain e le nuove transazioni in criptovalute.

Il mining coinvolge vaste reti decentralizzate di computer in tutto il mondo che verificano e proteggono le blockchain, i registri virtuali che documentano le transazioni di criptovaluta. In cambio del contributo alla loro potenza di elaborazione, i computer in rete vengono ricompensati con nuove monete.

È un circolo virtuoso: i minatori mantengono e proteggono la blockchain, la blockchain assegna le monete, le monete forniscono un incentivo ai minatori per mantenere la blockchain.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come funziona il mining?

Esistono tre modi principali per ottenere bitcoin e altre criptovalute. Puoi acquistarli su un exchange come Coinbase, riceverli come pagamento per beni o servizi, o virtualmente “estrarli”. È proprio questa terza categoria quella di cui stiamo parlando in questo articolo, usando il Bitcoin come esempio di un processo che si applica perfettamente a tutte le altre criptovalute.

Potresti aver preso in considerazione l’idea di provare da solo il mining di bitcoin. Un decennio fa, chiunque avesse avuto in casa un computer avrebbe potuto provarci. Ma con la crescita della blockchain, la potenza di calcolo necessaria per mantenerla è aumentata (nell’ottobre 2019, era necessaria 12 trilioni di volte più potenza di calcolo per estrarre un bitcoin rispetto a quando i primi blocchi furono estratti nel gennaio 2009).

La conseguenza di ciò è che è ora estremamente improbabile che l’estrazione di bitcoin amatoriale riesca ad essere redditizia. Praticamente tutto il mining è ora svolto da società specializzate o gruppi di persone che uniscono le proprie risorse. Ma è comunque bene sapere come funziona.

  • Computer specializzati eseguono i calcoli necessari per verificare e registrare ogni nuova transazione bitcoin e garantire che la blockchain sia sicura. La verifica della blockchain richiede una grande quantità di potenza di calcolo, che viene fornita volontariamente dai minatori.
  • Il mining di bitcoin è molto simile alla gestione di un grande data center. Le aziende acquistano l’hardware di mining e pagano l’elettricità necessaria per mantenerlo in funzione (e fresco). Affinché ciò sia redditizio, il valore delle monete guadagnate deve essere superiore al costo per estrarre quelle monete.
  • Cosa motiva i minatori? La rete, in sostanza, tiene una lotteria. Ogni computer della rete gareggia per essere il primo a indovinare un numero esadecimale di 64 cifre noto come “hash”. Più velocemente un computer può tirare fuori ipotesi, più è probabile che il minatore guadagni la ricompensa.
  • Il vincitore aggiorna il registro blockchain con tutte le transazioni appena verificate – aggiungendo così un “blocco” appena verificato contenente tutte quelle transazioni alla catena – e gli viene concessa una quantità predeterminata di bitcoin appena coniato, cosa che, in media, accade ogni dieci minuti). Alla fine del 2020, la ricompensa era di 6,25 bitcoin, ma sarà ridotta della metà nel 2024 e poi altri quattro anni dopo e così via, finché, con l’aumentare della difficoltà di mining, la ricompensa continuerà a diminuire fino a quando non ci saranno più bitcoin da minare.
  • Alla fine, ci saranno complessivamente solo 21 milioni di bitcoin. Il blocco finale dovrebbe teoricamente essere estratto nel 2140. Da quel momento in poi, i miner non faranno più affidamento sui bitcoin di nuova emissione come ricompensa, ma si affideranno invece alle commissioni che addebitano per effettuare transazioni.

Il cloud mining

Il cloud mining è un sistema di guadagno legato alle criptovalute che permette di partecipare ai profitti dei principali servizi di mining senza dover necessariamente acquistare del costoso hardware e pagare le spese di manutenzione. E’ un servizio di noleggio nato per generare criptovalute in maniera professionale e senza obbligo di conoscenze tecniche di mining o di acquisto macchinari da usare in casa. Il cloud mining è un sistema di guadagno legato alle criptovalute che permette di partecipare ai profitti dei principali servizi di mining senza dover necessariamente acquistare del costoso hardware e pagare le spese di manutenzione. E’ un servizio di noleggio nato per generare criptovalute in maniera professionale e senza obbligo di conoscenze tecniche di mining o di acquisto macchinari da usare in casa.

Attenzione però, non tutte le aziende che offrono questo servizio sono profittevoli e sicure. Capita di incontrare aziende dove le commissioni di gestione (leggi costo della corrente elettrica per far funzionare le apparecchiature o delle commissioni di prelievo) sono piuttosto alte, al punto da rendere poco profittevole il vostro investimento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cos’è il cloud mining e come funziona

il Cloud mining più che una azione diretta con hardware è un servizio remoto. Mentre nel normale mining solo siamo noi stessi tramite macchinari di nostra proprietà a generare moneta digitale, nel cloud mining sono delle grandi società che mettono a disposizione potenza hash enorme a pagamento per i singoli clienti.

Questo significa che noi non dobbiamo più preoccuparci della profittabilità o di pagare corrente elettrica e computer accesi ma semplicemente dobbiamo pagare una quota fissa nel tempo e riceveremo i nostri profitti. Una volta acquistata una certa potenza di mining inizieremo a ricevere compensi in criptovaluta proprozionati alla quantità di potenza di calcolo acquistata, i risultati del nostro investimento saranno visibili quasi immediatamente.

Attualmente il mining di criptovalute in cloud più diffuso è quello dei Bitcoin che sono sempre più difficili da minare ma possono essere ancora minati in maniera soddisfacente da grandi potenze di calcolo in cloud.

Come utilizzare una cloud mining al meglio

Per effettuare mining di criptovalute la prima cosa da fare è effettuare l’iscrizione, in questo modo vedrete quanto vi serve per fare il primo acquisto di potenza mining. Considerate che il range dei prezzi può andare da pochi dollari a migliaia di dollari, in funzione della potenza hash di calcolo che intendete acquistare.

Solitamente i contratti vanno da uno a due anni con un unico pagamento anticipato ma, come detto, è possibile iniziare davvero con una spesa di pochi dollari, pagabili o in criptovalute oppure in denaro reale tramite carta di credito o Paypal.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Buon cloud mining a tutti.

Articoli più letti