I segreti geologici di Venere

Una nuova analisi della superficie di Venere mostra prove di movimento tettonico sotto forma di blocchi crostali che si sono scontrati l'uno contro l'altro come pezzi rotti di banchisa

0
643

Una nuova analisi della superficie di Venere mostra prove di movimento tettonico sotto forma di blocchi crostali che si sono scontrati l’uno contro l’altro come pezzi rotti di banchisa.

Il movimento di questi blocchi potrebbe indicare che Venere è ancora geologicamente attiva e fornire agli scienziati informazioni sulla tettonica degli esopianeti e sulla prima attività tettonica sulla Terra.

Abbiamo identificato un modello di deformazione tettonica precedentemente non riconosciuto su Venere, guidato dal movimento interno proprio come sulla Terra“, afferma Paul Byrne, professore associato di scienze planetarie presso la North Carolina State University e autore principale e corrispondente di il lavoro.

Sebbene sia diversa dalla tettonica che vediamo attualmente sulla Terra, è ancora la prova di un movimento interno che si trasmette sulla superficie del pianeta“.

La scoperta è importante perché è stato a lungo ipotizzato che Venere abbia un guscio esterno solido immobile, o litosfera, proprio come Marte o la luna della Terra. Al contrario, la litosfera terrestre è suddivisa in placche tettoniche, che scivolano l’una contro l’altra, spinte dai movimenti dello strato di mantello caldo.



Venere è ancora geologicamente attivo

Byrne e un gruppo internazionale di ricercatori hanno utilizzato le immagini radar della missione Magellan della NASA per mappare la superficie di Venere.

Nell’esaminare le vaste pianure venusiane che costituiscono la maggior parte della superficie del pianeta, hanno visto aree in cui i grandi blocchi della litosfera sembrano essersi spostati: separandosi, spingendosi insieme, ruotando e scivolando l’uno sull’altro come una banchisa rotta su un lago ghiacciato.

Il team ha creato un modello al computer di questa deformazione e ha scoperto che il lento movimento dell’interno del pianeta può spiegare lo stile della tettonica vista in superficie.

Queste osservazioni ci dicono che il movimento interno sta guidando la deformazione della superficie su Venere, in modo simile a ciò che accade sulla Terra“, afferma Byrne.

La tettonica a zolle sulla Terra è guidata dalla convezione nel mantello. Il mantello è caldo o freddo in luoghi diversi, si muove e parte di quel movimento si trasferisce sulla superficie terrestre sotto forma di movimento delle placche”.

Una variazione su questo tema sembra svolgersi anche su Venere. Non è la tettonica a placche come sulla Terra – non ci sono enormi catene montuose che vengono create qui, o sistemi di subduzione giganti – ma è la prova della deformazione dovuta al mantello interno. Un flusso che non è mai stato dimostrato su scala globale prima“.

La deformazione associata a questi blocchi crostali potrebbe anche indicare che Venere è ancora geologicamente attiva.

Sappiamo che gran parte di Venere è riemersa vulcanicamente nel tempo, quindi alcune parti del pianeta potrebbero essere davvero giovani, geologicamente parlando“, afferma Byrne.

Ma molti dei blocchi spinti si sono formati e deformati in queste giovani pianure laviche, il che significa che la litosfera si è frammentata dopo che quelle pianure sono state deposte. Questo ci dà motivo di pensare che alcuni di questi blocchi potrebbero essersi spostati geologicamente molto di recente, forse anche fino ad oggi“.

I ricercatori sono ottimisti sul fatto che il modello “branco di ghiaccio” recentemente riconosciuto di Venere possa offrire indizi per comprendere la deformazione tettonica sui pianeti al di fuori del nostro sistema solare, così come su una Terra molto più giovane.

Lo spessore della litosfera di un pianeta dipende principalmente da quanto è caldo, sia all’interno che in superficie“, afferma Byrne.

Il flusso di calore dall’interno della giovane Terra era fino a tre volte maggiore di quello attuale, quindi la sua litosfera potrebbe essere stata simile a quella che vediamo oggi su Venere: non abbastanza spessa da formare placche, ma abbastanza spessa da essersi frammentata in blocchi“.

La NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno recentemente approvato tre nuove missioni spaziali su Venere che acquisiranno osservazioni della superficie del pianeta a una risoluzione molto più alta di quella di Magellano.

È bello vedere un rinnovato interesse per l’esplorazione di Venere, e sono particolarmente entusiasta che queste missioni saranno in grado di testare la nostra scoperta chiave secondo cui le pianure del pianeta si sono frammentate in blocchi crostali“, afferma Byrne.

2