Giraffa immacolata scoperta in Africa

Un nuovo e raro esemplare di giraffa immacolata, senza macchie, è stato avvistato in Africa

0
621
Giraffa immacolata scoperta in Africa
Giraffa immacolata scoperta in Africa

La Giraffe Conservation Foundation ha annunciato che una la giraffa immacolata è stata trovata in giro per il Mount Etjo Safari Lodge, una riserva di caccia privata in Namibia. In un primo momento si è pensato che la giraffa angolana è la prima giraffa senza macchia che sia stata trovata in natura.

Giraffa immacolata

Giraffa immacolata: quanti esemplari ne esistono al mondo?

La notizia della giraffa immacolata ha fatto il giro del mondo ma purtroppo non ha aiutato a sensibilizzare sul reale problema che affligge questo splendido animale: un’estinzione silenziosa. In tutta l‘Africa sono rimaste circa 117.000 giraffe, quest’ significa che c’è solo UNA giraffa ogni QUATTRO elefanti africani rimasti allo stato brado. Le giraffe si sono già estinte in almeno sette paesi africani. E, come se non bastasse, sappiamo che in Africa esistono quattro specie distinte di giraffe.

Sebbene non sia raro osservare variazioni di colore o cambiamenti nei motivi a macchie o strisce in varie specie, la causa della variazione della giraffa immacolata è sconosciuta: “La mancanza di macchie potrebbe essere causata da mutazioni genetiche o da genotipo recessivo in uno o più geni correlati al modello, ma senza un’analisi genetica dettagliata, queste sono semplici speculazioni”.

GCF, insieme al nostro partner, il Senckenberg Biodiversity and Climate Research Centre, ha condotto la ricerca più dettagliata sulla genetica delle giraffe in natura, ma sarebbe difficile commentare le specifiche di queste due giraffe“, ha dichiarato il dottor Julian Fennessy.



Forse non sempre abbiamo bisogno di avere spiegazioni su tutto. Perché non ci meravigliamo semplicemente delle meraviglie della natura?” ha aggiunto Stephanie Fennessy, Direttrice Esecutivo e Co-fondatrice di GCF. “Le giraffe sono in via di estinzione e se non agiamo adesso, i nostri nipoti potrebbero non essere più in grado di vedere nessuna giraffa in natura quando cresceranno. Questo è ciò che mi preoccupa davvero! Ma la buona notizia è che non è troppo tardi. Se agiamo ora, possiamo tutti proteggere le giraffe e garantire un futuro a questi giganti buoni in natura”.

Giraffa immacolata

Prima della scoperta della giraffa immacolata della Namibia, c’erano solo due esemplari di una giraffa marrone, entrambi negli zoo in Giappone nel 1972 e più recentemente negli Stati Uniti“.

Un cucciolo di giraffa immacolata in uno zoo del Tennessee ha fatto notizia a livello internazionale quando si è sparsa la voce che fosse nata senza macchie. Si pensava che fosse l’unica giraffa immacolata vivente al mondo a detenere il titolo, almeno fino a quando un’altra giraffa con le stesse caratteristiche non è stata avvistata in una riserva in Africa.

Kipekee, che significa “unico” in swahili, è il cucciolo di giraffa immacolata nato il 31 luglio allo zoo di Brights nel Tennessee. Secondo la fondazione, è una giraffa reticolata che si trova nel Kenya settentrionale e nord-orientale, e forse in parti della Somalia meridionale e dell’Etiopia meridionale.

La giraffa immacolata trovata in Namibia è una giraffa angolana, che costituisce circa la metà della popolazione di giraffe africane e si trova nel Botswana centrale e in gran parte della Namibia, con popolazioni sparse in tutto lo Zimbabwe.

Sfortunatamente, sette delle nove sottospecie di giraffe figurano nella Lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, molte delle quali sono vulnerabili, in pericolo critico.

Sono state intraprese ricerche limitate sulla conservazione delle giraffe in tutta l’Africa. Mentre la Lista Rossa IUCN attualmente riconosce una specie di giraffa e nove sottospecie, le nuove scoperte di GCF e dei suoi partner mostrano chiaramente quattro specie e cinque sottospecie di giraffa.

Queste informazioni aggiornate sono attualmente in fase di ulteriore revisione e, si spera, verranno presto prese in considerazione dalla IUCN per future valutazioni sulla conservazione, conferendo a ciascuna giraffa il proprio status tassonomico e il mandato per una maggiore conservazione.

Nel 2016, la giraffa come specie è stata inserita nella Lista Rossa IUCN come specie vulnerabile a rischio minimo. Nel 2018, sette delle nove sottospecie attualmente riconosciute sono state valutate e sono ora elencate nella Lista Rossa IUCN.

Giraffa immacolata

Due sottospecie (la giraffa del Kordofan e la nubiana) sono ora elencate come in pericolo critico , la giraffa reticolata come in pericolo , la giraffa di Thornicroft come vulnerabile , mentre la giraffa dell’Angola è elencata come a rischio minimo.

Sia la giraffa dell’Africa occidentale che quella di Rothschild sono state declassate rispettivamente da In pericolo a Vulnerabile e Quasi minacciata , a causa degli sforzi di conservazione mirati nei loro habitat principali.

2