Terza palpebra: ecco perché è presente in molte specie animali

Diversi animali hanno la cosiddetta terza palpebra che tecnicamente viene chiamata “membrana nittitante”

0
172
Terza palpebra: ecco perché è presente in molte specie animali

Diversi animali hanno la cosiddetta terza palpebra che tecnicamente viene chiamata “membrana nittitante”. La parola nittante deriva dal latino nictare, che significa sbattere le palpebre. Sbattere le palpebre è un’azione fisiologica di cui alcuni animali hanno bisogno per diversi motivi. In questo caso si tratta di una membrana in più rispetto alle famose palpebre.

Terza palpebra

La funzione della terza palpebra

La terza palpebra ha il compito di proteggere e lubrificare. La dimensione, lo spessore e la velocità di movimento sono variabili a seconda delle esigenze dell’animale. La sua funzione è proteggerla dalle aggressioni ambientali e fornire lubrificazione alla cornea distribuendo la pellicola precorneale.

Terza palpebra

La terza palpebra si muove in una direzione generalmente orizzontale attraverso l’occhio, invece che verticalmente come fanno le palpebre superiore e inferiore. In realtà è una piega specializzata della congiuntiva, la sottile membrana umida che ricopre le altre palpebre e la parte bianca esposta dell’occhio (la sclera).



Si trova in molte specie di mammiferi, ma non è esclusiva di queste. Anche uccelli, rettili, anfibi e pesci possono avere una terza palpebra.

La struttura

Anche la struttura varia: in molte specie uno scheletro cartilagineo fornisce supporto, mentre altre contengono ghiandole che secernono lacrime. Questa variazione probabilmente aiuta gli animali ad adattarsi a molteplici ambienti diversi: al mare, all’aria e persino agli habitat arborei.

Diversi studi hanno esaminato la terza palpebra per aiutare a comprendere il suo ruolo nei ricci, nei canguri e negli orsi bruni, e la ricerca ha dimostrato che la terza palpebra funziona in modo molto simile alle palpebre superiore e inferiore. Protegge l’occhio e spazza via eventuali detriti invasori.

Inoltre distribuisce le lacrime sulla superficie dell’occhio, mantenendolo umido e prevenendo la formazione di ulcere. Questo è particolarmente importante nei cani brachicefali, come i carlini e gli spaniel King Charles, i cui occhi sporgenti non sono così ben protetti rispetto ad altre razze.

Sia gli animali domestici che quelli selvatici (comprese le specie delle famiglie canina, felina ed equina) necessitano di protezione per gli occhi e protezione da corpi estranei. Gli animali selvatici potrebbero averne ancora più bisogno, dal momento che potrebbero esplorare praterie o lottare con morsi e graffi di prede o animali rivali.

Prevenire, intrappolare e rimuovere i detriti è fondamentale per gli animali del deserto come i cammelli, dove sabbia e sporco potrebbero danneggiare gli occhi. La loro terza palpebra è parzialmente trasparente e questo aiuta i cammelli a mantenere una certa vista nel mezzo di una tempesta di sabbia, coprendosi gli occhi.

Nelle zone boschive, gli aardvark hanno la terza palpebra, forse per proteggere i loro occhi mentre frugano in cerca di insetti.

La terza palpebra può offrire protezione dall’acqua e una membrana traslucida può aiutare la visione subacquea degli animali acquatici, compresi i lamantini, che provengono dall’ordine Afrotheria, che comprende anche gli aardvark. Le specie più grandi di squali (ad esempio i blu) in genere proteggono i loro occhi con la terza palpebra durante la caccia e l’alimentazione.

Per gli uccelli, le correnti d’aria veloci possono rivelarsi altrettanto dannose. Quindi, nei rapaci come i falchi, la terza palpebra viene utilizzata durante il volo rapido nella caccia. Spesso in questi uccelli, compresi i gufi, le raffiche d’aria provocano il battito delle terze palpebre come riflesso protettivo naturale.

Terza palpebra

In altre specie aviarie, potrebbe proteggere dai danni causati dalla prole dal becco aguzzo. Immaginate un uccello che ritorna con un premio in cibo a un nido di pulcini voracemente affamati, tutti che beccano e raspano per ottenere la loro parte.

Gli studi hanno indicato che la terza palpebra svolge un ruolo unico nei picchi, i cui crani subiscono traumi da vibrazione quando perforano il tronco di un albero con il becco. Due problemi sorgono come risultato di questo forte colpo alla testa: danni al tessuto oculare più morbido e segatura che viene gettata al loro interno. In questo caso la terza palpebra può fungere da visiera.

Nelle regioni polari, dove il paesaggio bianco riflette la luce solare, i raggi ultravioletti possono danneggiare l’occhio. Questo può portare alla perdita temporanea della vista, una condizione nota come cecità da neve. Quindi è possibile che alcuni animali artici come gli orsi polari abbiano le terze palpebre che assorbono la luce UV. Non ci sono ancora prove certe, ma le loro terze palpebre sono chiare, il che li aiuta a diventare abili cacciatori marini.

Perdita evolutiva

Gli esseri umani e la maggior parte dei primati, ad eccezione dei lemuri e del calabar angwantibo, della famiglia Lorisidae, si sono evoluti al punto che una terza palpebra adeguata non fosse più necessaria. Gli occhi degli esseri umani e dei primati hanno meno probabilità di essere danneggiati dalla caccia, dalla rivalità e dall’ambiente. Inoltre, gli occhi umani sono altamente sensibili e in grado di riconoscere e rispondere al pericolo chiudendosi più rapidamente.

La terza palpebra non è scomparsa del tutto. Gli esseri umani ne hanno un residuo chiamato plica semilunaris. Questa piega a mezzaluna può essere vista anche con la coda dell’occhio.

Terza palpebra

Alcuni scienziati hanno sostenuto che la plica può ancora aiutare a drenare le lacrime. Ci sono due piccoli condotti all’angolo delle nostre palpebre, che permettono alle lacrime in eccesso e vecchie di fuoriuscire nella cavità nasale.

Riavere la nostra vera terza palpebra ci sarebbe di qualche utilità? Forse potrebbe permetterci di mantenere naturalmente i nostri occhi più puliti, meno irritati o di rimuovere quelle lenti a contatto che non escono.

Dovremo solo accettare che non condividiamo la natura intelligente delle terze palpebre dei nostri animali domestici, ma non possiamo competere nemmeno con la loro visione notturna, il loro udito acuto e il loro senso dell’olfatto.

2