Stampa 3D: in India realizzato il primo motore di un razzo

Un salto tecnologico per l’ISRO: quando la stampa 3D incontra l'infinito

0
124
Stampa 3D

L’India, una nazione che ha sempre guardato alle stelle con ambizione e determinazione, ha recentemente annunciato un progresso significativo nella stampa 3D che potrebbe accelerare i suoi sforzi per affermarsi come leader nell’esplorazione spaziale. Questa svolta non è solo un simbolo di progresso tecnologico, ma anche un segnale di speranza per una nazione che vede lo spazio come il prossimo grande confine da conquistare.

Stampa 3D

Lo scorso 9 maggio, l’Organizzazione Indiana per la Ricerca Spaziale (ISRO) ha raggiunto un traguardo storico eseguendo con successo un test di accensione di un motore a razzo a combustibile liquido; questo motore non è un semplice componente meccanico bensì è il risultato di anni di ricerca e sviluppo nel campo della produzione additiva, più comunemente nota come stampa 3D.

La stampa 3D, una volta relegata ai laboratori di ricerca e ai prototipi, si è ora evoluta fino a diventare una tecnologia capace di produrre componenti cruciali per le missioni spaziali.

Il motore in stampa 3D testato dall’ISRO brucia una miscela ipergolica di tetrossido di azoto e monometil idrazina, una combinazione che garantisce una reazione chimica spontanea al contatto dei due composti. La durata del test, 665 secondi, non è stata casuale: è stata calcolata per simulare le condizioni reali di una missione spaziale, garantendo che il motore possa funzionare in modo affidabile quando sarà il momento di lanciare un satellite in orbita.



Il motore in stampa 3D è destinato a essere utilizzato nella fase superiore del Polar Satellite Launch Vehicle (PSLV) indiano, un razzo che ha già dimostrato la sua affidabilità e versatilità in numerose missioni. L’ISRO, con questa innovazione, non solo ha migliorato l’efficienza del motore, ma ha anche ridotto drasticamente la complessità della sua produzione.

La tecnica di fusione laser a letto di polvere ha permesso di ridurre il numero di parti del motore da 14 a un unico pezzo monolitico, eliminando la necessità di 19 giunti saldati, e questo non solo semplifica il processo di assemblaggio, ma riduce anche il rischio di errori e guasti, un aspetto cruciale quando si tratta di lanciare satelliti nello spazio.

Il risparmio di materie prime con un motore a stampa 3D è altrettanto impressionante. Il nuovo processo richiede solo 13,7 chilogrammi di polvere metallica, rispetto ai 565 chilogrammi di forgiati e lamiere necessari con le tecniche convenzionali, e questo non solo rappresenta un risparmio significativo in termini di costi, ma anche un passo avanti verso la sostenibilità, riducendo l’impatto ambientale associato alla produzione di componenti spaziali.

motore a stampa 3D
https://x.com/isro/status/1788891338299289683/photo/2

La riduzione del tempo di produzione del 60% è un altro vantaggio notevole, ed in un settore dove il tempo è letteralmente denaro, la capacità di produrre componenti più rapidamente significa che l’ISRO può rispondere con maggiore agilità alle richieste del mercato e alle opportunità di lancio, mantenendo l’India in una posizione competitiva nel settore aerospaziale globale.

Dove verrà montato questo motore a stampa 3D

Il PSLV, con i suoi imponenti 44 metri di altezza, è uno dei lanciatori più potenti dell’India, insieme all’LVM-3, e la sua capacità di trasportare fino a 1.750 kg di carico utile su orbite polari sincrone al sole a un’altitudine di 600 km è fondamentale per una vasta gamma di applicazioni, dalla meteorologia all’osservazione della Terra, dalla navigazione alla ricerca scientifica.

Questo motore a stampa 3D non è solo un passo avanti per l’industria spaziale indiana, ma anche un catalizzatore per il futuro. Con l’obiettivo di aumentare il tasso di lancio, l’India guarda oltre i satelliti e punta al volo spaziale umano, con progetti ambiziosi come lo sbarco di un astronauta indiano sulla Luna e la creazione di una base lunare entro il 2047 non sono più sogni irraggiungibili, ma obiettivi tangibili verso i quali l’ISRO sta lavorando con dedizione e passione.

L’esplorazione spaziale è una metafora del viaggio dell’umanità: un percorso di scoperta, innovazione e speranza. L’India, con il suo recente successo, si è dimostrata pronta a giocare un ruolo di primo piano in questo viaggio, portando con sé la promessa di un futuro in cui le stelle non sono solo punti luminosi nel cielo, ma destinazioni da raggiungere e esplorare.

Con l’obiettivo di diventare una potenza spaziale, l’India non si limita a guardare al cielo, ma si impegna attivamente per raggiungere nuovi traguardi, ed il successo del test del motore a stampa 3D è un chiaro esempio di come l’innovazione tecnologica possa portare a miglioramenti significativi in termini di efficienza e sostenibilità, due aspetti fondamentali per il futuro dell’esplorazione spaziale.

Polar Satellite Launch Vehicle
Polar Satellite Launch Vehicle

La produzione additiva, che ha reso possibile questo progresso, è una tecnologia che sta rivoluzionando numerosi settori industriali, e nel contesto aerospaziale, la stampa 3D offre la possibilità di creare componenti più leggeri, più resistenti e più complessi rispetto a quelli prodotti con metodi tradizionali. Questo non solo riduce i costi e i tempi di produzione, ma apre anche la strada a design innovativi che erano impensabili fino a poco tempo fa.

L’ISRO, con la sua visione lungimirante, sta già esplorando le potenzialità di questa tecnologia per la realizzazione di habitat spaziali e altri componenti critici per le missioni lunari e marziane, per l’appunto non solo un motore a stampa 3D, bensì strutture abitative direttamente sulla superficie lunare o marziana, le quali potrebbero ridurre drasticamente i costi e i rischi associati al trasporto di materiali dal nostro pianeta.

Oltre a quanto precedentemente detto, la ricerca spaziale indiana non si ferma alla tecnologia dei motori a stampa 3D per i razzi, l’ISRO sta anche lavorando su satelliti sempre più sofisticati, capaci di fornire dati preziosi per il monitoraggio del clima, la gestione delle risorse naturali e la sicurezza nazionale. Questi satelliti sono gli occhi dell’India nello spazio, e il loro ruolo è cruciale per lo sviluppo sostenibile del Paese.

Il programma di volo spaziale umano dell’India, conosciuto come Gaganyaan, è un altro pilastro della strategia spaziale nazionale, e con l’obiettivo di inviare astronauti indiani nello spazio entro il 2025, il programma rappresenta un passo audace verso l’indipendenza tecnologica e la capacità di condurre ricerche scientifiche in microgravità. Queste missioni non solo aumenteranno il prestigio dell’India sulla scena internazionale, ma ispireranno anche le nuove generazioni di scienziati, ingegneri e sognatori.

Guardando al futuro, l’India ha in programma missioni ancora più ambiziose, il progetto Chandrayaan-3 mira a esplorare il polo sud della Luna, una regione che potrebbe nascondere risorse idriche sotto la sua superficie ghiacciata, risorse che potrebbero essere la chiave per sostenere future missioni umane e la creazione di una base lunare permanente.

Stampa 3D

La visione dell’India per il 2047, quando celebrerà il centenario della sua indipendenza, è quella di una nazione che non solo ha lasciato il segno nello spazio, ma che ha anche contribuito a plasmare il futuro dell’esplorazione spaziale, e con una base lunare, l’India potrebbe diventare un punto di partenza per missioni verso Marte e oltre, fungendo da trampolino di lancio per l’esplorazione del sistema solare.

In conclusione, l’India sta dimostrando al mondo che con la giusta combinazione di visione, innovazione e determinazione, i confini dell’esplorazione spaziale possono essere spostati sempre più in là. Il successo del test del motore a stampa 3D è solo l’inizio di una nuova era per l’India nello spazio, un’era che promette di essere ricca di scoperte, sfide e opportunità.

Con ogni lancio, con ogni missione, l’India si avvicina al suo obiettivo di diventare una potenza spaziale leader, pronta a lasciare un’impronta indelebile nella storia dell’umanità.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2