I marsupiali potrebbero essere i mammiferi più evoluti

Stimando il modo in cui l’antenato comune dei mammiferi si riproduceva e si sviluppava, gli scienziati hanno ribaltato la convinzione di lunga data che i marsupiali siano più primitivi dei placentali.

I marsupiali sono stati a lungo considerati il ​​passaggio intermedio nell’evoluzione tra i mammiferi che depongono le uova e quelli placentari, poiché danno alla luce giovani altamente sottosviluppati simili a uno stato embrionale per i placentari.

Tuttavia, una nuova ricerca ha rivelato che l’antenato di entrambi i gruppi era più simile ai placentali che ai marsupiali, il che significa che i marsupiali hanno modificato il loro metodo di riproduzione più dei placentali.

Lo studio ha analizzato i crani durante diverse fasi di sviluppo in 22 specie di mammiferi viventi. Le scansioni micro-TC di 165 esemplari hanno aiutato il team di ricerca a ricostruire i cambiamenti del cranio di queste specie durante questa prima fase.

Usando questi dati, i ricercatori hanno stimato come si sarebbe sviluppato l’antenato comune di marsupiali e placentali e lo hanno confrontato con entrambi i gruppi per vedere quale fosse il più simile.

“Utilizzando questo grande set di dati comparativi generato dalle collezioni storiche del museo, siamo stati in grado di capovolgere ciò che sappiamo sull’evoluzione dei mammiferi”, ha dichiarato il professor Anjali Goswami, leader della ricerca presso il Museo e autore senior dello studio.

Utilizzando i dati delle scansioni micro-TC di esemplari marsupiali e placentari che vanno dagli embrioni agli adulti, il team ha misurato come la loro forma del cranio cambia durante lo sviluppo e ha ricostruito come si sarebbe sviluppato il loro antenato. Ciò ha dimostrato che i marsupiali sono cambiati di più rispetto ai placentali.

“Per molto tempo si è pensato che rappresentassero lo stadio intermedio tra i mammiferi placentari e gli strati di uova£, ha spiegato Anjali. “Ma è stato scoperto che i marsupiali sono molto più evoluti rispetto alla forma ancestrale”.

“Come membri dei mammiferi placentari, spesso abbiamo la convinzione che il nostro sia il gruppo verso cui è diretta l’evoluzione, ma non è così che funziona l’evoluzione”, ha aggiunto.

Come si sono evoluti i mammiferi marsupiali e placentari?

I mammiferi possono essere suddivisi in tre gruppi: mammiferi placentari, marsupiali e monotremi. Quest’ultimi sono facilmente distinguibili dai loro metodi di riproduzione.

I monotremi sono mammiferi che depongono le uova e sono il più piccolo dei tre gruppi. Il gruppo contiene solo cinque specie viventi oggi suddivise in due famiglie: l’ornitorinco e gli echidna.

I marsupiali hanno un periodo di gestazione molto breve e quindi la prole è sottosviluppata e deve essere accudita da un genitore in un marsupio.

I mammiferi placentari costituiscono circa il 95% di tutti i mammiferi viventi, compreso l’uomo.

Secondo i ricercatori i mammiferi viventi discendono tutti da un antenato comune che deponeva le uova e che visse circa 180 milioni di anni fa. Si pensa che i therian, che è il gruppo contenente marsupiali e mammiferi placentari, si siano discostati l’uno dall’altro abbastanza presto, circa 160 milioni di anni fa.

Poiché i therian si sono evoluti allontanandosi dalla nascita dei giovani attraverso un uovo, originariamente si pensava che la nascita di una prole sottosviluppata come nei moderni marsupiali fosse lo stadio intermedio naturale. Tuttavia, questo studio ha rilevato che questo non è il caso.

“Il modo in cui i marsupiali si riproducono non è una forma intermedia tra la deposizione delle uova e i mammiferi placentari. È solo un modo completamente diverso di svilupparsi che hanno evoluto nel tempo”, ha affermato Anjali.

Perché i marsupiali danno alla luce una prole sottosviluppata?

I mammiferi placentari nascono con gli arti e crani già ben sviluppati, che crescono di dimensioni man mano che l’animale invecchia. Il periodo di gestazione varia a seconda delle dimensioni del corpo, ma può arrivare fino a 22 mesi negli elefanti africani.

Al contrario, i marsupiali nascono essenzialmente in uno stato embrionale. Ad esempio, il canguro rosso dà alla luce un cucciolo delle dimensioni di una gelatina appena un mese dopo il concepimento prima di allattare i suoi piccoli per sei mesi. Gli arti posteriori e il cranio non sono completamente formati, mentre gli arti anteriori e le ossa della bocca sono leggermente più sviluppati. I marsupiali sono dotati di un marsupio che aiuta a proteggere i giovani sottosviluppati mentre si trovano in questa fase molto vulnerabile.

Ma il motivo per cui i marsupiali abbiano sviluppato questa strategia riproduttiva non è ancora del tutto chiaro.

Mentre oggi circa i due terzi dei marsupiali viventi si trova in Australia, si pensa che i primi esemplari abbiano avuto origine nel Nord America. Da lì, si sono diffusi attraverso il Sud America per poi arrivare in Australia attraverso l’Antartide.

Fonte: Current Biology

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Articoli correlati

Popular Categories