Antico fossile di ornitorinco fornisce nuove informazioni sull’evoluzione dei monotremi

Il fossile di un parente di ornitorinco di 70 milioni di anni chiamato Patagorhynchus pascuali trovato in Sud America, mostra che i mammiferi che depongono le uova si sono evoluti in più di un continente.

Circa 70 milioni di anni fa, una piccola creatura pelosa simile a un ornitorinco si trascinava lungo le rive di un antico lago. Questo non sarebbe stato un evento straordinario, tranne per una cosa: il lago era nell’odierna Argentina, non in Australia.

La creatura, soprannominata Patagorhynchus pascuali, è il fossile più antico del gruppo di mammiferi che depongono le uova noto come monotremi mai scoperto in Sud America. La scoperta potrebbe riscrivere la storia di dove si sono evoluti questi strani primi mammiferi. Oggi, tutte e cinque le specie di monotremi viventi – che includono l’ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus), l’echidna dal becco corto (Tachyglossus aculeatus) e tre specie di echidna dal becco lungo (Zaglossus) – si trovano esclusivamente in Australia.

Allora come ha fatto un antenato dell’ornitorinco a finire così lontano da Down Under?

Milioni di anni fa, l’Australia, il Sud America e l’Antartide (così come parti dell’Africa e dell’Asia), si fondevano insieme in un supercontinente chiamato Gondwana. Questa mega massa continentale iniziò a disgregarsi circa 180 milioni di anni fa, durante il periodo Giurassico, ma non si separò completamente fino a circa 66 milioni di anni fa, alla fine del periodo Cretaceo.

Poiché fossili monotremi più recenti sono stati trovati in Sud America, gli scienziati in precedenza avevano ipotizzato che il gruppo si fosse evoluto sulla massa continentale australiana dopo questa disgregazione continentale e successivamente fosse tornato in Sud America attraverso un ponte terrestre.

Ma il fatto che Patagorhynchus pascualii esistesse in Argentina prima della disgregazione continentale racconta una storia diversa.

“La nostra scoperta dimostra chiaramente che i monotremi non si sono evoluti in modo univoco nel continente australiano, ma anche in altre parti del Gondwana meridionale”, ha dichiarato il coautore dello studio Fernando Novas, un paleontologo del Museo di scienze naturali Bernardino Rivadavia di Buenos Aires, in Argentina.

Un primo piano del molare fossilizzato dell'antico parente dell'ornitorinco Patagorhynchus pascuali .(Credito immagine: per gentile concessione di Fernando Novas)
Un primo piano del molare fossilizzato dell’antico parente dell’ornitorinco Patagorhynchus pascuali .(Credito immagine: per gentile concessione di Fernando Novas)

L’esemplare è stato identificato da un frammento di mascella inferiore contenente un molare. Quando si tratta di studiare resti di mammiferi fossilizzati, “i denti ci danno un’enorme quantità di informazioni”, ha affermato Robin Beck, un biologo evoluzionista dell’Università di Salford nel Regno Unito che non è stato coinvolto nello studio. Nel caso dei monotremi, tuttavia, l’identificazione dentale è un po’ più complicata.

“Gli ornitorinchi viventi mancano di denti”, ha aggiunto Novas. Ma un altro parente estinto dell’ornitorinco, l’Obdurodon di 30 milioni di anni fa, conservava i denti sia nella mascella superiore che in quella inferiore. Il molare di Patagorhynchus pascuali somigliava molto a questi denti, così come i denti molto piccoli e imperfetti che possiedono i piccoli ornitorinchi appena nati.

Sulla base dei suoi denti e dell’habitat apparente, Patagorhynchus pascuali probabilmente aveva una dieta simile a quella di un moderno ornitorinco: principalmente piccoli invertebrati acquatici, comprese larve di insetti e lumache. Novas sostiene di aver trovato insetti e gusci di lumaca nei sedimenti intorno a Patagorhynchus pascuali. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto i resti fossilizzati di altri primi mammiferi, tartarughe, rane, serpenti, piante acquatiche e una varietà di dinosauri.

Sebbene la scoperta costituisca un nuovo tassello importante e interessante del puzzle evolutivo monotremo, i ricercatori sono ancora lontani da un quadro completo. “Ci sono ancora enormi lacune nella documentazione sui fossili monotremi”, ha detto Beck. Ad esempio, sebbene in Antartide non siano stati scoperti fossili monotremi, data la sua precedente vicinanza all’Australia e al Sud America, probabilmente ci sono antiche ossa di ornitorinco nelle profondità del ghiaccio.

Fonte: Communications Biology

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Articoli correlati

Popular Categories