Farfarout: l’oggetto spaziale più lontano

Farfarout è un planetoide, il più lontano mai osservato nel nostro sistema solare, che ruota attorno al sole ogni mille anni

0
1231

Glia stronomi hanno scoperto un nuovo oggetto spaziale, denominato Farfarout. Questo piccolo corpo celeste sembrerebbe ruotare attorno al sole ogni mille anni. Si tratta dell’oggetto più distante che abbiamo individuato nel nostro sistema solare.

Il planetoide deve tale nome al precedente detentore del record, “Farout“, scoperto dagli stessi astronomi nel 2018. Dopo anni di osservazione della traiettoria dell’oggetto nel cielo, il team di ricercatori ha annunciato lo scorso mercoledì che si può tranquillamente affermare che Farfarout è molto più lontano di qualsiasi altro oggetto del sistema solare visto in precedenza.

Dove si trova Farfarout

Farfarout è a 132 unità astronomiche (UA) dal Sole, il che significa che è 132 volte più lontano dal Sole della Terra e circa quattro volte più lontano da Plutone. Ci vogliono circa mille anni perché il planetoide completi un’orbita attorno al sole. I ricercatori stimano che Farfarout abbia un diametro di circa 250 miglia (400 chilometri), il che lo collocherebbe all’estremità inferiore dell’essere un pianeta nano come Plutone. Scott Sheppard, uno degli astronomi che hanno scoperto l’oggetto, ha riferito in un comunicato stampa: “La scoperta di Farfarout mostra la nostra crescente capacità di mappare il sistema solare esterno e osservare sempre più lontano verso i margini del nostro sistema solare”. Sheppard lavora come ricercatore presso la Carnegie Institution for Science.

Come è stato possibile scoprire l’oggetto spaziale

Scott Sheppard ha dichiarato: “Solo con i progressi negli ultimi anni delle grandi fotocamere digitali su telescopi molto grandi è stato possibile scoprire in modo efficiente oggetti molto distanti come Farfarout” e ancora: “Anche se alcuni di questi oggetti distanti sono abbastanza grandi – le dimensioni dei pianeti nani – sono molto deboli a causa delle loro distanze estreme dal Sole. Farfarout è solo la punta dell’iceberg degli oggetti del sistema solare nel sistema solare molto distante”.

Trovare e studiare altri oggetti simili distanti potrebbe aiutare gli scienziati a determinare se c’è un enorme pianeta non identificato nascosto alla periferia del nostro sistema solare. Gli scienziati hanno trovato indizi di un simile pianeta, spesso indicato come Pianeta 9 o Pianeta X, nell’oscurità lontana. Questi indizi si presentano sotto forma di oggetti più piccoli i cui percorsi orbitali appaiono distorti. Molto probabilmente Farfarout non può contribuire a questo sforzo, tuttavia, perché Nettuno sembra aver alterato in modo significativo la sua orbita.



Cosa sappiamo sul Pianeta 9

Ai margini del nostro sistema solare qualche oggetto sconosciuto sta manipolando i percorsi di pezzi di ghiaccio circondanti il Sole. Le orbite ovali di questi oggetti puntano tutte nella stessa direzione e si inclinano allo stesso modo, suggerendo che una forza invisibile li sta guidando. All’inizio, gli scienziati pensavano che il colpevole fosse un pianeta misterioso, che hanno soprannominato Pianeta 9 (anche se alcuni lo chiamano Pianeta X). Ma un nuovo documento suggerisce che l’attrazione gravitazionale potrebbe provenire da un buco nero primordiale, un tipo di piccolo buco nero che gli scienziati hanno teorizzato si sia formato durante il Big Bang.

Buchi neri primordiali

Sebbene l’esistenza di buchi neri primordiali non sia stata confermata, alcuni scienziati pensano che l’universo ne sia pieno. Se esistono, tali buchi neri potrebbero costituire l’80% dell’universo che gli scienziati non possono vedere. Sanno che questa “materia oscura” esiste perché la sua gravità attira le cose in tutto l’universo. Un documento pubblicato recentemente su Arxiv suggerisce che il Pianeta 9 potrebbe essere uno di questi antichi buchi neri. I ricercatori hanno proposto nuovi modi per scovare questo misterioso pezzo mancante.

Dove trovarli?

James Unwin, fisico, teorico e co autore dell’articolo menzionato in precedenza, intervistato a Gizmodo, ha dichiarato: “Una volta che inizi a pensare a oggetti più esotici, come i buchi neri primordiali, pensi in modi diversi” e poi ancora: “Noi sosteniamo che invece di cercarlo solo nella luce visibile, magari sarebbe opportuno cercarlo nei raggi gamma. O nei raggi cosmici”. Ai margini del nostro sistema solare ci sono migliaia di piccoli corpi ghiacciati che compongono una regione che gli astronomi chiamano Cintura di Kuiper. Sei di questi oggetti sembrano avere orbite bizzarre che indicano che una fonte sconosciuta di gravità li sta trascinando.

Le simulazioni

Nel 2016, simulazioni al computer e modelli matematici hanno rivelato che il colpevole di tali anomalie potrebbe essere un misterioso pianeta lontano che non abbiamo mai visto: il Pianeta 9. In quello studio, gli scienziati planetari Konstantin Batygin e Michael Brown hanno calcolato che l’attrazione gravitazionale del Pianeta Nove dimostra che potrebbe avere fino a dieci volte la massa della Terra. In media, il misterioso corpo orbita attorno al sole a una distanza venti volte superiore a Nettuno, circa 18,6 miliardi di miglia. Potrebbero essere necessari tra diecimila e i ventimila anni per completare un viaggio intorno al Sole (Plutone, in confronto, impiega 248 anni per completare la sua orbita).

2