Faglia islandese si è risvegliata dopo 800 anni: è ufficiale

La faglia islandese si è risvegliata: a provarlo l'eruzione vulcanica che ha travolto le case presso un porto dell'isola del nord Europa

0
204
Faglia islandese si è risvegliata dopo 800 anni: è ufficiale
Faglia islandese si è risvegliata dopo 800 anni: è ufficiale

Dopo 800 anni la faglia islandese si è risvegliata: a confermarlo gli esperti che hanno esaminato gli eventi dell’ultimo periodo.

Un’eruzione vulcanica che ha travolto le case in un porto di pescatori della grande isola del Nord Europa è una prova concreta di ciò che sta accadendo. Domenica la lava incandescente ha inghiottito diverse case alla periferia della città di Grindavik, a sud-ovest della capitale Reykjavik.

La città di pescatori è stata in gran parte evacuata a causa della minaccia di un’eruzione il mese scorso e da allora l’attività vulcanica più recente si è attenuata, hanno detto lunedì le autorità della nazione del Nord Atlantico.

L’isola si trova a cavallo della dorsale medio atlantica, una fessura nel fondale oceanico che separa le placche tettoniche eurasiatica e nordamericana.

Faglia islandese si risveglia: l’eruzione è un segnale

L’eruzione di domenica è stata la quinta in meno di tre anni nella penisola di Reykjanes, che non ne vedeva una da secoli. “Dopo otto secoli di relativa rottura e di completa cessazione dell’attività superficiale, siamo entrati in un nuovo episodio di separazione delle placche che potrebbe durare diversi anni, forse decenni”, ha detto all’AFP il vulcanologo Patrick Allard dell’Institut de Physique du Globe de Paris.



Anche prima della prima delle cinque eruzioni del marzo 2021 , gli scienziati “hanno visto il terreno deformarsi, con il magma che saliva dalle profondità e filtrava” in un’area da tre a dieci chilometri (da due a sei miglia) sotto la superficie, ha detto. Mentre il magma ribolliva verso l’alto attraverso le fessure della Terra, iniziavano a verificarsi le eruzioni.

La situazione peggiorerà?

Le due eruzioni più recenti – il mese scorso e quella di domenica, entrambe minacciose per Grindavik – sono state brevi e precedute da pochissima attività sismica. Ciò dimostra che “il magma è molto vicino alla superficie, pronto a eruttare”, ha detto Allard. La sottigliezza della crosta terrestre vicino alla linea di faglia sotto l’Islanda contribuirà a stimolare questi “rilasci di pressione” del magma, ha aggiunto. Ma non si prevede che la quantità che uscirà effettivamente dalla superficie terrestre sarà enorme, ha precisato. È probabile comunque che la localizzazione di questa fragile linea di faglia continui a rappresentare un problema.

La minaccia comunque c’è

Come informa Science Alert, la situazione rappresenta ad ogni modo una minaccia per il vicino impianto geotermico di Svartsengi, che fornisce elettricità e acqua ai 30.000 residenti della penisola di Reykjanes, un decimo della popolazione islandese.

Le eruzioni hanno anche costretto alla chiusura della Laguna Blu, una popolare destinazione turistica vicino a Grindavik famosa per le sue terme geotermiche. Allard ha detto che Grindavik è stata costruita su colate laviche di 800 anni fa, il che “solleva la questione riguardo (la logica dietro) all’esistenza stessa della città”.

E probabilmente ci saranno pochi avvertimenti prima della prossima eruzione. Durante le ultime due eruzioni, ci sono state solo “poche ore di attività sismica critica” per avvertire che il magma stava rapidamente risalendo in superficie, ha detto. C’era anche il rischio di un’eruzione sottomarina, che potrebbe creare un “fenomeno esplosivo, liberando altra cenere vulcanica”.

È stata l’enorme quantità di cenere espulsa nell’atmosfera dal vulcano Eyjafjallajokull nel 2010 a causare il caos globale nei viaggi, costringendo alla cancellazione di circa 100.000 voli e lasciando a terra più di 10 milioni di viaggiatori. Tuttavia gli esperti hanno affermato che un evento così estremo è considerato improbabile che accada nella penisola di Reykjanes.

Scopriamo di più sulla faglia

La faglia islandese, o “rift islandese,” è una caratteristica geologica unica situata nell’Islanda e parte del sistema della dorsale medio-atlantica, una catena montuosa sottomarina che si estende per migliaia di chilometri attraverso l’Atlantico medio. Questo sistema di dorsali oceaniche è il punto in cui le placche tettoniche nordamericana e euroasiatica si stanno separando.

2