Eruzione vulcano Islanda 2023: quanto è pericoloso?

L'ennesima eruzione vulcanica ha colpito l"Islanda, dopo un susseguirsi di piccoli terremoti iniziati nel mese di Novembre

0
323
Eruzione vulcano Islanda 2023

Nella tarda notte del 18 Dicembre, dopo un susseguirsi di numerosi terremoti di lieve entità che hanno coinvolto la costa sud-occidentale, un’eruzione vulcanica è iniziata alle 22:17 a circa 4 km a nord-est di Grindavik, in islanda.

Eruzione vulcano Islanda 2023

Eruzione vulcanica in islanda: un fenomeno diffuso?

L’eruzione ha così iniziato il suo corso con un’evidente colata di magma, o roccia semifusa, che ha tracciato il suo percorso lungo il crinale di una collina. Secondo l’ufficio meteorologico islandese, l’intensità dell’eruzione è diminuita nelle prime ore di martedì mattina, anche se questa informazione non è indicativa su quanto il fenomeno naturale persisterà nei prossimi giorni.

Potrebbe finire in una settimana, o potrebbe volerci un po’ più di tempo”, ha dichiarato lo scienziato Magnus Tumi Gudmundsson, che ha sorvolato il sito martedì mattina a bordo di un volo di ricerca della guardia costiera.

Nonostante si trovi a soli 20 km a nord del luogo dell’eruzione, l’aeroporto internazionale di Keflavik, il principale aeroporto internazionale dell’Islanda, non è stato chiuso e i voli hanno continuato a susseguirsi. La strada tra l’aeroporto e Grindavik è invece stata bloccata.



Le autorità islandesi hanno dichiarato lo stato di emergenza a novembre proprio a causa dell’allarme terremoti che ha preceduto, come un allarme, l’eruzione vera e propria. I terremoti si sono verificati nella penisola di Reykjanes, la regione più popolata della nazione insulare.

Poiché il mese scorso è montata la paura di un’eruzione, 4.000 persone sono state evacuate dalla zona. Questo ha significato che poche abitazioni sono locate vicino all’area interessata: “Questa non è un’attrazione turistica e bisogna guardarla a debita distanza“, ha specificato all’emittente nazionale RUV Vidir Reynisson, capo della protezione civile islandese e della gestione delle emergenze.

Eruzione vulcano Islanda 2023

La fessura eruttiva è lunga circa 4 km, con l’estremità settentrionale appena ad est di Stóra-Skógfell e l’estremità meridionale appena ad est di Sundhnúk. Paradossalmente però, è risultato difficile per le persone resistere alla spettacolare eruzione.

Per i residenti le emozioni sono contrastanti. “La città coinvolta potrebbe finire sotto la Lava”, ha detto Ael Kermarec, una guida turistica francese che vive in Islanda. “È incredibile da vedere, ma al momento le sensazioni sono contrastanti”.

Il Ministero degli Esteri del Regno Unito non ha ancora aggiornato i suoi consigli di viaggio per l’Islanda, ma in precedenza ha indirizzato i viaggiatori all’ufficio meteorologico islandese e a Safe Travel Island per gli ultimi consigli.

È stato affermato che l’area dell’eruzione sarà chiusa fino a nuovo avviso e invitano le persone a rispettare la chiusura. Tuttavia non hanno sconsigliato del tutto il viaggio nel paese. Si consiglia ai visitatori di stare lontani dalla città di Grindavík e dai dintorni e di seguire le indicazioni delle autorità locali.

Eruzione vulcano Islanda 2023

L’Islanda è tra i luoghi più attivi dal punto di vista vulcanico al mondo, con circa un’eruzione ogni cinque anni, escluse le eruzioni sottomarine. L’attività vulcanica è una realtà della vita in Islanda, dove le persone hanno imparato a convivere sia con i suoi svantaggi, sia con i considerevoli vantaggi, come l’energia geotermica e la straordinaria bellezza del fenomeno naturale.

L’Islanda si trova sulla dorsale medio atlantica, lunga 40.000 chilometri e per lo più sottomarina. Questa cresta è il punto d’incontro delle placche tettoniche eurasiatica e nordamericana. Quando le due placche tettoniche si allontanano, il magma dal mantello terrestre risale in superficie. Ancora oggi il Paese cresce di circa 2,5 cm all’anno, poiché si divide maggiormente nei punti in cui si incontrano le due placche tettoniche.

L’Islanda si trova in un punto dove il magma è particolarmente vicino alla superficie, il che spiega perché la terra si è formata in questo punto nel mezzo dell’oceano e non altrove lungo la cresta tettonica. Sin dal Medioevo, un terzo di tutta la lava che ha ricoperto la superficie terrestre è eruttata in Islanda.

L’intera superficie dell’Islanda è costituita da roccia vulcanica, in gran parte basalto, la roccia che si forma quando la lava si raffredda. Le imponenti scogliere, le isole e le barriere coralline frastagliate sono tutte costituite da basalto. Quando il basalto si raffredda, lo fa in modi particolari, come la forma delle colonne rocciose esagonali che si possono osservare vedere sulla costa meridionale.

Dei circa 130 vulcani islandesi, il tipo più comune è lo stratovulcano, il classico picco a forma di cono con eruzione esplosiva che forma un cratere nella parte più alta (come Hekla e Katla, sulla costa meridionale). Ci sono anche alcuni vulcani a scudo dormienti, con colate di lava a basso profilo e ad ampia diffusione. Anche le eruzioni provenienti da lunghe fessure nella crosta terrestre sono abbastanza comuni.

Eruzioni vulcaniche e terremoti si susseguono: sezioni territoriali dell’Islanda sono spesso scosse da terremoti a volte catastrofici che si verificano a intervalli più lunghi rispetto alle eruzioni vulcaniche. Alcuni dei peggiori terremoti hanno devastato vaste aree dell’Islanda meridionale nel 1784 e nel 1896.

Ci sono più di cento vulcani sull’altopiano centrale che non hanno eruttato negli ultimi mille anni e tra i 30 ei 40 sono attivi, il che significa che hanno eruttato negli ultimi secoli. Il vulcano più famoso e attivo dell’Islanda è il Monte Hekla, che ha eruttato 18 volte dal 1104, l’ultima volta nel 2000.

Una tipica eruzione sottomarina si è verificata sulla cresta di Reykjanes nel 1963, dando origine a una nuova isola, Surtsey, che fa parte dell’Islanda. lo stesso arcipelago di Heimaey, è emerso da una profondità di 130 m durante un’eruzione che è durata fino al 1967. Nel momento della sua massima estensione, questa nuova isola aveva una superficie di 2,8 km², ma ora è stata ridotta dall’azione delle onde a 1,5 km².

Nel corso della storia dell’Islanda, i vulcani hanno significato disastri. La più grande eruzione registrata nella storia del mondo si è verificata nell’estate del 1783, quando 25 km di crateri hanno riversato 14 km cubi di lava. È stata rilasciata così tanta cenere che il sole è stato oscurato per un certo periodo e centinaia di migliaia di pecore e bovini sono purtroppo morti a causa dei gas velenosi.

Eruzione vulcano Islanda 2023

La conseguente carestia causata da questa eruzione ha portato al decesso del 20% della popolazione, ovvero circa 10.000 persone. Il campo lavico creato dall’eruzione ha coperto 580 km², per un volume totale di 12 km³.

Durante l’estate del 1783, una foschia bluastra dovuta all’eruzione ha coperto l’Europa e l’Asia occidentale, causando difficoltà all’agricoltura.

È importante specificare che La stessa attività geologica che crea i vulcani fornisce una fornitura infinita di energia geotermica. Oltre il 90% delle abitazioni in Islanda è riscaldato dal calore geotermico naturale.

2