Evoluzione futura: dall’aspetto al cervello e alla personalità, come cambierà l’uomo nei prossimi 10.000 anni?

Probabilmente, le parti più interessanti dell'evoluzione non sono le origini della vita, i dinosauri o i Neanderthal, ma ciò che sta accadendo in questo momento, il nostro presente e il nostro futuro

4625

L’umanità è l’improbabile risultato di 4 miliardi di anni di evoluzione. Dalle molecole autoreplicanti nei mari Archeani, ai pesci senza occhi nelle profondità del Cambriano, ai mammiferi che si nascondevano dai dinosauri e poi, infine, noi stessi: l’evoluzione ci ha plasmato.

Organismi riprodotti in modo imperfetto. Gli errori commessi durante la copia dei geni a volte li hanno resi più adatti al loro ambiente, quindi quei geni tendevano a essere trasmessi. Sono seguite più riproduzioni e più errori, il processo si è ripetuto per miliardi di generazioni. Alla fine è apparso l’Homo sapiens. Ma non siamo la fine di quella storia. L’evoluzione non si fermerà con noi e potremmo continuare ad evolverci più velocemente che mai.

È difficile prevedere il futuro. Il mondo probabilmente cambierà in modi che non possiamo immaginare. Ma possiamo fare ipotesi plausibili. Paradossalmente, il modo migliore per prevedere il futuro è guardare indietro al passato e presumere che le tendenze passate continueranno ad andare avanti. Questo suggerisce alcune cose sorprendenti sul nostro futuro.

Probabilmente vivremo più a lungo e diventeremo più alti, oltre che più snelli. Probabilmente saremo meno aggressivi e più tranquilli, ma avremo un cervello più piccolo. Un po’ come un golden retriever, saremo amichevoli e allegri, ma forse non così interessanti. Almeno, questo è un possibile futuro. Ma per capire perché potrebbe essere probabile, dobbiamo guardare alla biologia.

La fine della selezione naturale?

Alcuni scienziati hanno affermato che l’ascesa della civiltà ha posto fine alla selezione naturale. È vero che le pressioni selettive che hanno dominato in passato – predatori, carestie, pestilenze, guerre – sono per lo più scomparse.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La fame e la carestia furono in gran parte risolte dai raccolti ad alto rendimento, fertilizzanti e pianificazione familiare. La violenza e la guerra sono meno comuni, nonostante i moderni eserciti con armi nucleari, o forse proprio per loro. I leoni, i lupi e i gatti dai denti a sciabola che ci davano la caccia nell’oscurità sono in via di estinzione o estinti. Le piaghe che hanno ucciso milioni di persone – vaiolo, peste nera, colera – sono state domate da vaccini, antibiotici, acqua pulita.

Ma l’evoluzione non si è fermata; altre cose la guidano ora. L’evoluzione non riguarda tanto la sopravvivenza del più adatto, quanto la riproduzione del più adatto. Anche se è meno probabile che la natura ci uccida, abbiamo comunque bisogno di trovare partner e crescere figli, quindi la selezione sessuale ora gioca un ruolo più importante nella nostra evoluzione.

Skyline di una città di notte, con grattacieli e luci intense.
Il mondo moderno che abbiamo creato ci costringe ad adattarci. alamy.it/Stockbym

E se la natura non controlla più la nostra evoluzione, l’ambiente innaturale che abbiamo creato – cultura, tecnologia, città – produce nuove pressioni selettive molto diverse da quelle che abbiamo affrontato nell’era glaciale. Siamo poco adattati a questo mondo moderno; ne consegue che dovremo adattarci.

E quel processo è già iniziato. Poiché le nostre diete sono cambiate per includere cereali e latticini, abbiamo sviluppato geni per aiutarci a digerire l’amido e il latte. Quando le città hanno creato le condizioni per la diffusione delle malattie, si sono diffuse anche le mutazioni per la resistenza alle malattie. E per qualche ragione, il nostro cervello è diventato più piccolo. Gli ambienti innaturali creano una selezione innaturale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per prevedere dove andrà a finire, esamineremo la nostra preistoria, studiando le tendenze negli ultimi 6 milioni di anni di evoluzione. Alcune tendenze continueranno, in particolare quelle emerse negli ultimi 10.000 anni, dopo l’invenzione dell’agricoltura e della civiltà.

Stiamo anche affrontando nuove pressioni selettive, come la riduzione della mortalità. Lo studio del passato non aiuta qui, ma possiamo vedere come altre specie hanno risposto a pressioni simili. L’evoluzione negli animali domestici può essere particolarmente rilevante: probabilmente stiamo diventando una specie di scimmia addomesticata, ma curiosamente, una scimmia addomesticata da noi stessi.

Vediamo qualche ipotesi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Longevità

Quasi certamente gli esseri umani si evolveranno per vivere più a lungo, molto più a lungo. I cicli vitali si evolvono in risposta ai tassi di mortalità, alla probabilità che i predatori e altre minacce ti uccidano. Quando i tassi di mortalità sono elevati, gli animali devono riprodursi giovani o potrebbero non riprodursi affatto. Inoltre, non c’è alcun vantaggio nell’evoluzione delle mutazioni che prevengono l’invecchiamento o il cancro: non vivrai abbastanza a lungo per usarle.

Quando i tassi di mortalità sono bassi, è vero il contrario. È meglio prendersi il proprio tempo per raggiungere la maturità sessuale. È anche utile avere adattamenti che prolungano la durata della vita e la fertilità, dandoti più tempo per riprodurti. Ecco perché gli animali con pochi predatori – animali che vivono su isole o nelle profondità oceaniche, o semplicemente grandi – sviluppano una vita più lunga. Gli squali della Groenlandia , le tartarughe delle Galapagos e le balene marine maturano tardi e possono vivere per secoli.

Anche prima della civiltà, le persone erano uniche tra le scimmie per avere una bassa mortalità e una lunga vita. I cacciatori-raccoglitori armati di lance e archi potevano difendersi dai predatori; la condivisione del cibo ha impedito la fame. Quindi abbiamo sviluppato una maturità sessuale ritardata e una lunga durata della vita – fino a 70 anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, la mortalità infantile era alta, avvicinandosi al 50% o più all’età di 15 anni. L’aspettativa di vita media era di soli 35 anni. Anche dopo l’ascesa della civiltà, la mortalità infantile è rimasta alta fino al 19° secolo, mentre l’aspettativa di vita è scesa – a 30 anni – a causa di pestilenze e carestie.

Poi, negli ultimi due secoli, una migliore alimentazione, medicina e igiene hanno ridotto la mortalità giovanile a meno dell’1% nella maggior parte dei paesi sviluppati. L’aspettativa di vita è salita a 70 anni in tutto il mondo e 80 nei paesi sviluppati. Questi aumenti sono dovuti al miglioramento della salute, non all’evoluzione, ma preparano il terreno affinché l’evoluzione prolunghi la nostra vita.

Ora, non c’è bisogno di riprodursi presto. Se non altro, gli anni di formazione necessari per essere un medico, amministratore delegato o falegname incentivano a rimandare. E poiché la nostra aspettativa di vita è raddoppiata, gli adattamenti per prolungare la durata della vita e gli anni fertili sono ora vantaggiosi. Dato che sempre più persone vivono fino a 100 o anche 110 anni – il record è di 122 anni – c’è motivo di pensare che i nostri geni potrebbero evolversi fino a quando una persona media vivrà abitualmente 100 anni o anche più.

Dimensioni e forza

Gli animali spesso evolvono verso dimensioni maggiori nel tempo; è una tendenza vista in tirannosauri, balene, cavalli e primati, compresi gli ominidi.

I primi ominidi come Australopithecus afarensis e Homo habilis erano piccoli, alti da 120 a 150 cm. Successivamente gli ominidi – Homo erectus, Neanderthal, Homo sapiens – divennero più alti. Abbiamo continuato a guadagnare terreno in tempi storici, in parte guidati da una migliore alimentazione, ma anche i geni sembrano evolversi.

Perché siamo diventati grandi non è chiaro. In parte, la mortalità può guidare l’evoluzione delle dimensioni; la crescita richiede tempo, quindi vite più lunghe significano più tempo per crescere. Ma anche le femmine umane preferiscono i maschi alti. Quindi sia la mortalità più bassa che le preferenze sessuali probabilmente faranno diventare gli esseri umani più alti. Oggi, le persone più alte del mondo sono in Europa, guidate dai Paesi Bassi. Qui, gli uomini hanno una media di 183 cm; donne 170 cm. Un giorno, la maggior parte delle persone potrebbe essere così alta o più alta.

di Leonardo Da Vinci
L’uomo vitruviano di Leonardo Da Vinci si basa sulla perfezione della forma umana, ma questo ideale potrebbe cambiare. alamy.it/incamerastock

Man mano che siamo diventati più alti, siamo diventati più gracili. Negli ultimi 2 milioni di anni, i nostri scheletri sono diventati più leggeri poiché abbiamo fatto meno affidamento sulla forza bruta e più su strumenti e armi. Quando l’agricoltura ci ha costretto a stabilirci fissi in un luogo, la nostra vita è diventata più sedentaria, quindi la nostra densità ossea è diminuita. Man mano che trascorriamo più tempo dietro scrivanie, tastiere e volanti, queste tendenze probabilmente continueranno.

Gli esseri umani hanno anche ridotto i muscoli rispetto ad altre scimmie, soprattutto nella parte superiore del nostro corpo. Probabilmente questa tendenza continuerà. I nostri antenati dovevano macellare le antilopi e scavare radici; più tardi lavoravano e mietevano nei campi. I lavori moderni richiedono sempre più di lavorare con persone, parole e codici: ci vogliono cervello, non muscoli. Anche per i lavoratori manuali – agricoltori, pescatori, boscaioli – macchinari come trattori, idraulici e motoseghe ora si fanno carico di molto del lavoro. Man mano che la forza fisica diventa meno necessaria, i nostri muscoli continueranno a contrarsi.

Anche le nostre mascelle e denti sono diventati più piccoli. I primi ominidi mangiatori di piante avevano enormi molari e mandibole robuste per macinare verdure fibrose. Quando siamo passati alla carne abbiamo iniziato a cucinare il cibo, mascelle e denti si sono ridotti. I moderni alimenti trasformati – bocconcini di pollo, Big Mac, gelato all’impasto dei biscotti – richiedono ancora meno masticazione, quindi le mascelle continueranno a restringersi e probabilmente perderemo i denti del giudizio.

Bellezza

Dopo che le persone hanno lasciato l’Africa 100.000 anni fa, le tribù sono rimaste isolate da deserti, oceani, montagne, ghiacciai e pura distanza. In varie parti del mondo, diverse pressioni selettive – diversi climi, stili di vita e standard di bellezza – hanno fatto evolvere il nostro aspetto in modi diversi. Le tribù hanno sviluppato un caratteristico colore della pelle, occhi, capelli e lineamenti del viso.

Con l’ascesa della civiltà e delle nuove tecnologie, queste popolazioni si sono nuovamente collegate. Guerre di conquista, costruzione di imperi, colonizzazione e commercio, incluso il commercio di altri umani, spostarono tutte le popolazioni, che si incrociarono. Oggi ci collegano anche strada, ferrovia e aerei. I Boscimani camminavano per 70 chilometri per trovare un partner; oggi ne possiamo fare senza problemi 6.000. Siamo sempre più una popolazione globale, che si mescola liberamente. Ciò creerà un mondo di ibridi: pelle marrone chiaro, capelli scuri, afro-euro-australi-americani-asiatici, il colore della pelle e i lineamenti del viso tendenti alla media globale.

La selezione sessuale accelererà ulteriormente l’evoluzione del nostro aspetto. Con la maggior parte delle forme di selezione naturale non più operative, la scelta del compagno giocherà un ruolo più importante. Gli esseri umani potrebbero diventare più attraenti, ma più uniformi nell’aspetto. I media globalizzati potrebbero creare standard di bellezza più uniformi, spingendo tutti gli esseri umani verso un unico ideale. Le differenze di sesso, tuttavia, potrebbero aumentare se l’ideale comune sarà rappresentato da uomini dall’aspetto virile e donne dall’aspetto femminile.

Intelligenza e personalità

Infine, il nostro cervello e la nostra mente, la nostra caratteristica più propriamente umana, si evolveranno, forse in modo drammatico. Negli ultimi 6 milioni di anni, le dimensioni del cervello degli ominidi sono quasi triplicate, suggerendo la selezione di grandi cervelli guidati dall’uso di strumenti, società complesse e linguaggio. Potrebbe sembrare inevitabile che questa tendenza continui, ma probabilmente non sarà così.

Cervello umano sospeso in un liquido in un barattolo.
I nostri cervelli, e quelli di molti altri animali, stanno diventando più piccoli. shutterstock.com/Keni

Invece, i nostri cervelli stanno diventando più piccoli. In Europa, le dimensioni del cervello hanno raggiunto il picco 10.000-20.000 anni fa, poco prima che inventassimo l’agricoltura. Poi, i cervelli sono diventati più piccoli. Gli esseri umani moderni hanno cervelli più piccoli dei nostri antichi predecessori, o persino delle persone medievali. Non è chiaro perché.

Potrebbe essere che grassi e proteine ​​scarseggiassero una volta passati all’agricoltura, il che rendeva più costoso coltivare e mantenere grandi cervelli. I cervelli sono anche energeticamente costosi: bruciano circa il 20% delle nostre calorie giornaliere. Nelle società agricole con frequenti carestie, un grande cervello potrebbe essere un ostacolo.

Forse la vita di cacciatori-raccoglitori era impegnativa in modi che l’agricoltura non lo è. Nella civiltà, non è necessario superare in astuzia leoni e antilopi, o memorizzare ogni albero da frutto e fonte entro 1.000 chilometri quadrati. Fare e usare archi e lance richiede anche un controllo motorio fine, coordinazione, la capacità di seguire gli animali e le traiettorie – forse le parti del nostro cervello usate per queste cose sono diventate più piccole quando abbiamo smesso di cacciare.

O forse vivere in una grande società di specialisti richiede meno cervello che vivere in una tribù di generalisti. Le persone dell’età della pietra padroneggiavano molte abilità: cacciare, rintracciare, cercare piante, produrre medicinali a base di erbe e veleni, creare strumenti, fare guerre, creare musica e magia. Gli esseri umani moderni svolgono ruoli meno e più specializzati come parte di vaste reti sociali, sfruttando la divisione del lavoro. In una civiltà, siamo specializzati in un mestiere, quindi ci affidiamo agli altri per tutto il resto.

Detto questo, le dimensioni del cervello non sono tutto: elefanti e orche hanno cervelli più grandi di noi e il cervello di Einstein era più piccolo della media. I Neanderthal avevano cervelli paragonabili al nostro, ma una parte maggiore del cervello era dedicata alla vista e al controllo del corpo, suggerendo una minore capacità di cose come il linguaggio e l’uso degli strumenti. Quindi non è chiaro quanto la perdita di massa cerebrale influisca sull’intelligenza generale. Forse abbiamo perso alcune abilità, migliorandone altre che sono più rilevanti per la vita moderna. È possibile che abbiamo mantenuto la potenza di elaborazione pur avendo neuroni più piccoli.

Curiosamente, anche gli animali domestici hanno sviluppato cervelli più piccoli. Le pecore hanno perso il 24% della loro massa cerebrale dopo l’addomesticamento; per le mucche è del 26%; cani, 30%. Ciò solleva una possibilità inquietante. Forse l’essere più disposti ad andare passivamente con il flusso (magari anche pensando di meno), come un animale domestico, è stato allevato in noi, come lo è stato per loro.

Anche le nostre personalità devono evolversi. La vita dei cacciatori-raccoglitori richiedeva aggressività. Hanno cacciato grandi mammiferi, ucciso per i partner e combattuto con le tribù vicine. Oggi prendiamo la carne inun negozio e ci rivolgiamo alla polizia e ai tribunali per risolvere le controversie. Se la guerra non è scomparsa, ora conta meno morti, rispetto alla popolazione, che in qualsiasi momento della storia. L’aggressività, ora un tratto disadattivo, potrebbe tendere a scomparire.

Cambiare i modelli sociali cambierà anche le personalità. Gli esseri umani vivevano in gruppi molto più grandi delle altre scimmie, formando tribù di circa 1.000 cacciatori-raccoglitori. Ma nel mondo di oggi le persone vivono in vaste città di milioni di persone. In passato, le nostre relazioni erano necessariamente poche e spesso durature. Ora coabitiamo con pletore di persone, spostandoci spesso per lavoro, e in questo processo formando migliaia di relazioni, molte fugaci e, sempre più, virtuali. Questo mondo ci spingerà a diventare più estroversi, aperti e tolleranti. Tuttavia, navigare in reti sociali così vaste può anche richiedere che diventiamo più disposti ad adattarci ad esse, per essere più conformisti.

Non tutti sono psicologicamente ben adattati a questa esistenza. I nostri istinti, desideri e paure sono in gran parte quelli degli antenati dell’età della pietra, che trovavano un significato nella caccia e nel foraggiamento per le loro famiglie, combattendo con i loro vicini e pregando gli spiriti degli antenati nell’oscurità. La società moderna soddisfa bene i nostri bisogni materiali, ma è meno in grado di soddisfare i bisogni psicologici dei nostri primitivi cervelli di cavernicoli.

Forse per questo, un numero crescente di persone soffre di problemi psicologici come solitudine, ansia e depressione. Molti si rivolgono all’alcol e ad altre sostanze per farvi fronte. La selezione contro la vulnerabilità a queste condizioni potrebbe migliorare la nostra salute mentale e renderci più felici come specie. Ma questo potrebbe avere un prezzo. Molti grandi geni avevano i loro demoni; leader come Abraham Lincoln e Winston Churchill hanno combattuto contro la depressione, così come scienziati come Isaac Newton e Charles Darwin e artisti come Herman Melville ed Emily Dickinson. Alcuni, come Virginia Woolf, Vincent Van Gogh e Kurt Cobain, si sono tolti la vita. Altri – Billy Holliday, Jimi Hendrix e Jack Kerouac – furono distrutti dall’abuso di sostanze.

Un pensiero inquietante è che le menti turbate verranno rimosse dal pool genetico, ma potenzialmente a costo di eliminare il tipo di scintilla che ha creato leader visionari, grandi scrittori, artisti e musicisti. I futuri umani potrebbero essere più adattati, ma meno divertenti e meno propensi a lanciare una rivoluzione scientifica: stabili, felici e noiosi.

Nuove specie?

C’erano una volta nove specie umane, ora ci siamo solo noi. Ma potrebbero evolversi nuove specie umane? Perché ciò avvenga, avremmo bisogno di popolazioni isolate soggette a pressioni selettive distinte. La distanza non ci isola più, ma l’isolamento riproduttivo potrebbe teoricamente essere ottenuto mediante l’accoppiamento selettivo. Se le persone fossero culturalmente segregate – sposarsi in base alla religione, alla classe, alla casta o persino alla politica – potrebbero evolversi popolazioni distinte, persino specie.

Undici cani di diverse razze siedono sull'erba.
I cani sono diventati molto diversi sotto la civiltà. shutterstock.com/Irina Kozorog

In The Time Machine, il romanziere di fantascienza HG Wells ha visto un futuro in cui le classi hanno creato specie distinte. Le classi superiori si sono evolute nei bellissimi ma inutili Eloi, e le classi lavoratrici sono diventate i brutti Morlock sotterranei, che si sono ribellati e hanno ridotto in schiavitù gli Eloi.

In passato, religione e stile di vita hanno talvolta prodotto gruppi geneticamente distinti, come si vede ad esempio nelle popolazioni ebraiche e zingare. Oggi anche la politica ci divide: potrebbe dividerci geneticamente? I liberali ora si muovono per essere vicini ad altri liberali e i conservatori per essere vicini ai conservatori; molti a sinistra non usciranno con i sostenitori di Trump e viceversa.

Questo potrebbe creare due specie, con visioni istintivamente diverse? Probabilmente no. Tuttavia, nella misura in cui la cultura ci divide, potrebbe guidare l’evoluzione in modi diversi, in persone diverse. Se le culture diventano più diversificate, ciò potrebbe mantenere e aumentare la diversità genetica umana.

Strane nuove possibilità

Finora, abbiamo principalmente preso una prospettiva storica, guardando indietro. Ma in un certo senso, il futuro potrebbe essere radicalmente diverso dal passato. L’evoluzione stessa si è evoluta.

Una delle possibilità più estreme è l’evoluzione diretta, in cui controlliamo attivamente l’evoluzione della nostra specie. Ci alleviamo già quando scegliamo partner con apparenze e personalità che ci piacciono. Per migliaia di anni, i cacciatori-raccoglitori hanno organizzato matrimoni, cercando buoni cacciatori per le loro figlie. Anche quando i bambini sceglievano i partner, generalmente ci si aspettava che gli uomini cercassero l’approvazione dei genitori della sposa. Tradizioni simili sopravvivono altrove oggi. In altre parole, alleviamo i nostri figli.

E andando avanti, lo faremo con una conoscenza molto maggiore di ciò che stiamo facendo e un maggiore controllo sui geni della nostra progenie. Possiamo già controllare noi stessi e gli embrioni per le malattie genetiche. Potremmo potenzialmente scegliere embrioni per geni desiderabili, come facciamo con le colture. È stato dimostrato che l’editing diretto del DNA di un embrione umano è possibile, ma sembra moralmente ripugnante, trasformando di fatto i bambini in soggetti di sperimentazione medica. Eppure, se tali tecnologie si dimostrassero sicure, potrei immaginare un futuro in cui saresti un cattivo genitore a non dare ai tuoi figli i migliori geni possibili.

Server di computer in una sala di servizio
Il nostro futuro potrebbe essere determinato da forze non umane? alamy.it/sergografia

Anche i computer forniscono una pressione selettiva completamente nuova. Poiché sempre più corrispondenze vengono effettuate sugli smartphone, deleghiamo le decisioni su come sarà la prossima generazione agli algoritmi informatici, che raccomandano le nostre potenziali corrispondenze. Il codice digitale ora aiuta a scegliere quale codice genetico trasmettere alle generazioni future, proprio come dà forma a ciò che trasmetti in streaming o acquisti online. Potrebbe sembrare fantascienza, ma sta già accadendo. I nostri geni vengono curati dal computer, proprio come le nostre playlist. È difficile sapere dove porti tutto questo, ma sarebbe bene chiedersi se sia del tutto saggio consegnare il futuro della nostra specie agli iPhone, a Internet e alle aziende dietro di loro.

Le discussioni sull’evoluzione umana di solito guardano indietro, come se i più grandi trionfi e sfide fossero in un lontano passato. Ma quando la tecnologia e la cultura entrano in un periodo di cambiamento accelerato, lo faranno anche i nostri geni. Probabilmente, le parti più interessanti dell’evoluzione non sono le origini della vita, i dinosauri o i Neanderthal, ma ciò che sta accadendo in questo momento, il nostro presente e il nostro futuro.