La Russia sta costruendo un enorme gasdotto verso la Cina

Sotto le numerose sanzioni europee la Russia guarda ad Est

2051

La major russa del gas, Gazprom, sta spingendo avanti per costruire un gasdotto da 50 miliardi di metri cubi verso la Cina tra le sanzioni economiche imposte dai paesi occidentali, ha riferito Business Insider.

Le esportazioni di gas e petrolio costituivano una parte importante dell’economia russa con i paesi europei come principali clienti.

Tuttavia, sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, le nazioni europee hanno messo in atto sanzioni economiche come la rimozione delle banche russe dal sistema di pagamento internazionale, ma non hanno ancora fermato le importazioni di energia russe.

Gasdotti russi che forniscono gas

La Germania ha bloccato i piani per il gasdotto Nord Stream 2, progettato per trasportare gas nell’Europa continentale. Tuttavia, il Nord Stream 1, che attualmente fornisce gas all’Europa, resta funzionante.

Dopo che le major dell’energia come Shell e BP hanno dichiarato l’intenzione di disinvestire dalle attività energetiche russe, Gazprom è alla ricerca di strade per espandere la propria fornitura di gas e, essendo il mercato del gas in più rapida crescita al mondo, la Cina è una destinazione interessante. Aiuta anche il fatto che la Cina si sia astenuta dal definire un’invasione le recenti azioni militari della Russia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel 2014 Gazprom aveva firmato un accordo trentennale con la Cina per fornire 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Le forniture nell’ambito di questo accordo sono iniziate nel 2019 quando è stato completato l’oleodotto Power of Siberia.

Gasdotto Soyuz Vostok

Gazprom sta ora cercando di estendere ulteriormente le sue relazioni con la Cina costruendo il gasdotto Power of Siberia 2, chiamato anche Soyuz Vostok. In un comunicato stampa, la società ha affermato che il suo presidente Alexey Miller ha recentemente incontrato il vice primo ministro della Mongolia, Sainbuyan Amasaikhan, per discutere dell’attuazione del gasdotto attraverso la Mongolia.

Durante l’incontro è stato firmato un contratto di lavoro di progettazione e rilievo per la costruzione del gasdotto che coinvolge le aziende mongole per svolgere indagini territoriali e archeologiche e valutare l’impatto del progetto sull’ambiente, si legge nel comunicato.

Il mese scorso è stato approvato il rapporto di fattibilità del progetto secondo il quale il gasdotto percorrerebbe un tratto di 598 miglia (963 km) attraverso il territorio mongolo. Il diametro dei tubi utilizzati sarebbe di 55 pollici con cinque stazioni di compressione da installare lungo il percorso per consentire l’invio in Cina di 50 miliardi di metri cubi o 1,8 trilioni di piedi cubi di gas.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se l’accordo con la Cina andrà a buon fine, la Russia costruirà anche un interconnettore tra i suoi gasdotti in direzione ovest e est, aprendo la strada al reindirizzamento del gas, attualmente fornito all’Europa, verso la Cina, riducendo così la sua dipendenza dalle importazioni europee.

“I lavori sul progetto del gasdotto Soyuz Vostok stanno progredendo attivamente e con successo. Un mese fa sono stati approvati i risultati dello studio di fattibilità e oggi è stato firmato un contratto di progettazione. Ciò significa che il progetto è passato alla fase pratica”, ha detto Alexey Miller nel comunicato stampa.