Stonehenge: svelato finalmente il mistero?

Stonehenge è uno dei monumenti antichi più famosi del pianeta, e molte teorie abbondano sul suo scopo e origine

0
742

Stonehenge è uno dei monumenti antichi più famosi del pianeta. Molte teorie abbondano sul suo scopo e origine, ma una delle più popolari è che fosse una specie di gigantesco calendario di pietra.

Una recente ricerca pubblicata sulla rivista Antiquity dai ricercatori della Bournemouth University sembra aggiungere ulteriore peso a questa ipotesi fornendo un suggerimento su come potrebbe essere stata utilizzata. Il lavoro è stato spinto da recenti nuove scoperte e analisi moderne che hanno portato il professor Timothy Darvill a tentare di guardare il sito con occhi nuovi.

Stonehenge: un calendario solare

“Il chiaro allineamento solstiziale di Stonehenge ha spinto le persone a suggerire che il sito includesse una sorta di calendario dai tempi dell’antiquario William Stukeley”, ha detto Darvill. “Ora, le scoperte hanno messo a fuoco la questione e indicano che il sito era un calendario basato su un anno solare tropicale di 365,25 giorni”, ha aggiunto.

Una prova fondamentale a sostegno di ciò sembra essere il fatto che le gigantesche pietre sarsen dell’henge sembrano essere state aggiunte durante la fase di costruzione avvenuta intorno al 2500 a.C. Si pensa che queste pietre provenissero dalla stessa zona e successivamente siano rimaste nella stessa formazione. Se fosse vero, ciò indicherebbe che funzionavano come una singola unità.

Sulla base di queste informazioni, Darvell e il suo team hanno analizzato le pietre all’henge, prestando particolare attenzione alla loro numerologia e confrontandole con altri noti calendari del periodo. In tal modo, è stato in grado di identificare che molto probabilmente erano un calendario solare nella loro disposizione, suggerendo che servivano come rappresentazione fisica dell’anno che aiutava gli antichi abitanti del Wiltshire a tenere traccia dei giorni, delle settimane e dei mesi.



“Il calendario proposto funziona in modo molto semplice. Ciascuna delle 30 pietre nel cerchio del sarsen rappresenta un giorno all’interno di un mese, diviso a sua volta in tre settimane ciascuna di 10 giorni”, spiega Darvill. “Le pietre distintive nel cerchio, quindi, probabilmente segnano l’inizio di ogni settimana”.

Non solo, per far coincidere l’anno solare erano necessari un mese intercalare di cinque giorni e un giorno bisestile ogni quattro anni. “Il mese intercalare, probabilmente dedicato alle divinità del sito, è rappresentato dai cinque triliti al centro del sito”, ha aggiunto Darvill.

“Le quattro Station Stones al di fuori del Circolo Sarsen forniscono segnalini per salire fino a un giorno bisestile”, ha detto.

Sulla base di ciò, i solstizi d’inverno e d’estate sarebbero incorniciati dalle stesse coppie di pietre ogni anno. Anche le altre pietre avrebbero svolto un ruolo importante, con uno dei triliti che incorniciava il solstizio d’inverno, indicando che potrebbe essere stato il nuovo anno. Anche la disposizione delle pietre fungerebbe da “controllo del senso” per calibrare il calendario. Eventuali errori nel conteggio dei giorni sarebbero facilmente rilevabili in quanto il Sole sarebbe nel posto sbagliato nei solstizi.

stonehenge calender resize md

L’antico calendario è molto strano per noi oggi

Il calendario, con i suoi 10 giorni e mesi extra, è ovviamente un po’ strano per noi oggi, ma calendari come questo sono stati adottati da molte culture durante questo periodo. Dopotutto, il nostro calendario moderno è una costruzione relativamente moderna risalente al periodo romano e modificata da papa Gregorio XIII durante il tardo medioevo.

“Un tale calendario solare è stato sviluppato nel Mediterraneo orientale nei secoli successivi al 3000 a.C. ed è stato adottato in Egitto come Calendario Civile intorno al 2700 ed è stato ampiamente utilizzato all’inizio dell’Antico Regno intorno al 2600 a.C.”, spiega Darvill.

Ciò aumenterebbe la possibilità che calendari così antichi, come Stonehenge, possano avere percorsi culturali molto più antichi attraverso l’Europa e il Medio Oriente. Ciò è supportato da altri interessanti reperti archeologici nelle vicinanze. Ad esempio, il vicino arciere di Amesbury, sepolto più o meno nello stesso periodo, è probabilmente nato sulle Alpi e si è trasferito in Gran Bretagna.

Darvill ora spera che la ricerca futura possa far luce su queste idee. Ulteriori DNA antichi e reperti archeologici potrebbero rivelare ancora più connessioni tra queste culture disparate. In ogni caso, l’identificazione di un calendario solare a Stonehenge è importante in sé e per sé e dovrebbe trasformare il modo in cui lo vediamo.

“Trovare un calendario solare rappresentato nell’architettura di Stonehenge apre un modo completamente nuovo di vedere il monumento come un luogo per i vivi”, ha detto Darvill, “un luogo in cui i tempi delle cerimonie e dei festival erano collegati al tessuto stesso del universo e movimenti celesti nei cieli”.

Lo studio non è stato sottoposto a revisione paritaria ed è stato originariamente pubblicato su Antiquity.

2