Stanza degli schiavi scoperta a Pompei

Gli archeologi di Pompei hanno affermato di aver portato alla luce i resti di una “stanza degli schiavi” in un ritrovamento eccezionalmente raro in una villa romana distrutta dall’eruzione del Vesuvio quasi 2000 anni fa.

La stanza degli schiavi

La stanzetta con tre letti, un vaso di ceramica e una cassapanca in legno è stata scoperta durante uno scavo presso la Villa di Civita Giuliana, una villa suburbana a poche centinaia di metri dal resto della città antica.

Un carro romano decorato quasi intatto è stato scoperto qui all’inizio di quest’anno, e gli archeologi hanno detto che la stanza probabilmente ospitava schiavi incaricati di mantenere e preparare il carro.

“Questa è una finestra sulla realtà precaria di persone che raramente compaiono nelle fonti storiche, scritte quasi esclusivamente da uomini appartenenti all’élite”, ha affermato il direttore generale di Pompei, Gabriel Zuchtriegel.

La “testimonianza unica” di come vivevano “i più deboli nell’antica società è sicuramente una delle scoperte più emozionanti della mia vita di archeologo”, ha affermato in un comunicato stampa.

Pompei fu sepolta nella cenere quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C., uccidendo coloro che non erano riusciti a lasciare la città in tempo. Sono stati schiacciati dal crollo degli edifici o uccisi dallo shock termico.

“Intuizione rara”

La stanza di 16 metri quadrati era un incrocio tra una camera da letto e un ripostiglio: oltre a tre letti, di cui uno a misura di bambino, c’erano otto anfore, nascoste in un angolo.

La cassa di legno conteneva oggetti in metallo e tessuto che sembrano far parte dei finimenti dei cavalli delle bighe, e su uno dei letti è stata trovata un’asta di un carro appoggiata.

La stanza di 16 metri quadrati (170 piedi quadrati) era un incrocio tra una camera da letto e un ripostiglio.
La stanza di 16 metri quadrati (170 piedi quadrati) era un incrocio tra una camera da letto e un ripostiglio.

I resti di tre cavalli sono stati trovati in una stalla in uno scavo all’inizio di quest’anno.

“La stanza ci offre una rara visione della realtà quotidiana degli schiavi, grazie all’eccezionale stato di conservazione”, ha affermato il direttore del parco archeologico di Pompei.

“Gli esperti erano stati in grado di realizzare calchi in gesso dei letti e altri oggetti in materiali deperibili che hanno lasciato la loro impronta nel cinerite, la roccia fatta di cenere vulcanica, che li ricopriva”, ha detto.

Schiavi “famiglia”

I letti erano costituiti da più assi di legno lavorate grossolanamente, che potevano essere regolate in base all’altezza di chi le utilizzava.

Le basi palmate dei letti erano fatte di corde, ricoperte da coperte.

Due dei letti erano lunghi circa 1,7 metri e uno misurava solo 1,4 metri e potrebbe quindi essere appartenuto a un bambino.
Due dei letti erano lunghi circa 1,7 metri e uno misurava solo 1,4 metri e potrebbe quindi essere appartenuto a un bambino.

Mentre due erano lunghi circa 1,7 metri, uno misurava solo 1,4 metri e potrebbe quindi essere appartenuto a un bambino.

Il parco archeologico ha detto che i tre schiavi potrebbero essere stati una famiglia.

Gli archeologi hanno trovato diversi oggetti personali sotto i letti, tra cui anfore per cose private, brocche di ceramica e quello che potrebbe essere un vaso da notte.

La stanza era illuminata da una piccola finestra superiore, e non ci sono tracce o decorazioni murali, solo un segno che si ritiene sia stato lasciato da una lanterna appesa a una parete.

Lo scavo fa parte di un programma avviato nel 2017 volto a combattere le attività illegali nell’area, compreso lo scavo di gallerie per raggiungere manufatti che possono essere venduti su mercati illeciti.

La Villa di Civita Giuliana era stata per anni bersaglio di sistematici saccheggi. C’erano prove che anche parte del “patrimonio archeologico” in questa cosiddetta stanza degli schiavi era stato perso a causa dei saccheggiatori.

I danni dei tombaroli nella villa sono stati stimati finora in quasi due milioni di euro (2,3 milioni di dollari).

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Geoingegneria: 5 rischi dell’innovativo piano per il clima

Negli ultimi anni, la crisi climatica è diventata una...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Articoli correlati

Popular Categories