La Cina invia il primo equipaggio alla nuova stazione spaziale

La missione Shenzhou-12 è la prima missione con equipaggio e il terzo lancio di un totale di 11 lanci per la costruzione della stazione spaziale cinese

0
961

La Cina ha lanciato con successo tre astronauti nello spazio, portando il Paese un passo più vicino al completamento della sua nuova stazione spaziale.

La navicella spaziale Shenzhou-12, o Divine Vessel, è stata lanciata giovedì mattina con un razzo vettore Long March-2F dal centro di lancio satellitare di Jiuquan nel deserto del Gobi, nel nord-ovest della Cina. La missione invierà l’equipaggio al modulo centrale della stazione spaziale chiamata Tiangong o Palazzo Celeste, che è ancora in costruzione in orbita terrestre bassa.
Il veicolo spaziale attraccherà al modulo centrale circa sei ore e mezza dopo il lancio, secondo i media statali CCTV. L’equipaggio rimarrà in orbita per tre mesi, durante i quali verranno testati il ​​sistema di supporto vitale e la manutenzione.
La missione Shenzhou-12 è la prima missione con equipaggio e il terzo lancio di un totale di 11 lanci per la costruzione della stazione spaziale cinese. Questa è anche la prima missione spaziale cinese con equipaggio in quasi cinque anni.
Durante i tre mesi, due astronauti condurranno due passeggiate spaziali di lunga durata. Dopo questa missione, saranno inviati alla stazione spaziale altri tre veicoli spaziali con equipaggio e due moduli laboratorio, con l’obiettivo di completarne la costruzione entro la fine del 2022.
Huang Weifen, uno dei principali progettisti del programma spaziale con equipaggio, ha affermato che durante la missione l’equipaggio utilizzerà nuove tute per la passeggiata nello spazio e un nuovo veicolo spaziale. “La possibilità di vari problemi è piuttosto alta. Quindi per gli astronauti, anche le capacità decisionali di emergenza e di risoluzione dei problemi sono requisiti molto elevati“, ha affermato Huang.

L’equipaggio

La missione è guidata da Nie Haisheng, il membro più anziano della squadra ed ex pilota di caccia dell’Esercito Popolare di Liberazione.
Reclutato nel programma spaziale nel 1998, Nie è andato vicino a diventare il primo uomo cinese nello spazio. Era uno dei tre astronauti indicati per il compito, anche se è stato Yang Liwei ad avere quell’onore.
Il lancio di lunedì segna il terzo viaggio nello spazio di Nie, essendo stato a bordo della prima missione cinese con più di un astronauta nel 2005 e della missione del 2013 per testare la tecnologia di attracco.
Liu Boming, il secondo membro più anziano del team, si è unito al programma spaziale cinese del 2008.
Si prevede che svolga un ruolo cruciale durante le operazioni all’esterno della cabina in questa missione, secondo il media statale Global Times.
Il membro più giovane dell’equipaggio, Tang Hongbo, è l’unico dei tre a non aver ancora viaggiato nello spazio, nonostante si sia allenato per 11 anni, secondo i media statali.
Tutti e tre sono membri del Partito Comunista Cinese (PCC), secondo quanto riportato dal Global Times, sottolineando che la durata della missione coincide con il centenario del Partito, un importante evento nazionale fissato per il 1° luglio.

Missioni spaziali internazionali e Cina

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha ospitato più di 200 astronauti provenienti da 19 paesi diversi, ma non dalla Cina.
Gli astronauti cinesi sono bloccati dall’ISS a causa di obiezioni politiche e restrizioni legislative statunitensi, motivo per cui è stato un obiettivo di vecchia data per la Cina costruire una propria stazione.
Anche la Russia, collaboratore di lunga data della ISS, ha lasciato il progetto e sta ora valutando il lancio della propria stazione spaziale entro il 2030.
Il programma spaziale cinese si è ampliato rapidamente nell’ultimo decennio: solo negli ultimi sette mesi, gli scienziati del paese hanno già fatto atterrare con successo rover esplorativi sulla Luna a dicembre e su Marte a maggio.
Ad aprile hanno lanciato con successo il primo modulo della stazione spaziale. La stazione dovrà essere assemblata da diversi moduli lanciati in momenti diversi. Se completata con successo, la stazione dovrebbe funzionare per 10 anni.
L’abbandono da parte della Russia dell’ISS, la stazione spaziale cinese, e il fatto che l’ISS dovrebbe esaurire i finanziamenti nei prossimi anni potrebbero potenzialmente segnare la fine di un’era senza precedenti di cooperazione internazionale nello spazio.
Ma Zhou Jianping, capo progettista del programma spaziale con equipaggio del paese, ha detto giovedì che mentre la Cina non sta prendendo in considerazione la partecipazione di astronauti stranieri in questa fase dello sviluppo della stazione spaziale, gli astronauti non cinesi saranno “sicuramente” i benvenuti negli anni a venire.
Ci sono un certo numero di paesi che hanno espresso il desiderio di farlo e saremo aperti a questo in futuro“, ha affermato Zhou.
Facendo eco a Zhou e alle precedenti dichiarazioni del governo cinese, Nie, il leader della missione Shenzhou-12, ha dichiarato alla CNN nel 2015 di essere desideroso di lavorare con altre nazioni e che gli astronauti stranieri sarebbero stati i benvenuti a visitare la stazione spaziale cinese.
“Come astronauta, ho un forte desiderio di volare in missioni spaziali con astronauti di altri paesi“, ha detto Nie.
2