Serpenti radioattivi per monitorare il disastro nucleare di Fukushima

I ricercatori hanno utilizzato serpenti dotati di dispositivi di localizzazione e dosimetri per misurare i livelli di radiazioni nell'area intorno alla centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi, che ha subito tre crolli nel marzo 2011

920

I ricercatori hanno utilizzato serpenti dotati di dispositivi di localizzazione e dosimetri per misurare i livelli di radiazioni nell’area intorno alla centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi, che ha subito tre crolli nel marzo 2011.

I crolli in Giappone causati da un gigantesco tsunami hanno rilasciato più radiazioni nell’atmosfera di qualsiasi disastro nucleare ad eccezione di Chernobyl nel 1986.

Circa 150.000 persone sono state costrette a fuggire subito dopo l’incidente e sebbene molte siano tornate, un’area di quasi 400 chilometri quadrati è ancora ritenuta inabitabile.

I serpenti come studio per comprendere gli effetti delle radiazioni

Lo studio del serpente è un altro pezzo del puzzle nel tentativo di comprendere gli effetti a lungo termine dell’esposizione alle radiazioni a Fukushima e altrove.

“I serpenti sono importanti in molti ecosistemi in quanto possono essere sia predatori che prede“, ha spiegato Hannah Gerke, uno dei ricercatori principali. Gli scienziati hanno catturato dozzine di rettili, la maggior parte dei quali serpenti di ratto, e hanno fissato loro dosimetri e rilevatori di movimento GPS con nastro adesivo e supercolla. Sono stati quindi in grado di monitorare i livelli di radiazioni, principalmente radiocesio 134 e 137, nei serpenti a seconda della loro posizione e dei loro movimenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A causa delle distanze limitate che hanno percorso all’interno dei loro ambienti domestici a circa 24 chilometri (15 miglia) dalla centrale nucleare e dei diversi tempi trascorsi sugli alberi e più vicini al suolo contaminato, i serpenti hanno fornito utili biomarcatori che hanno mostrato l’esposizione alle radiazioni.

I ricercatori hanno scoperto che i serpenti all’interno della zona di esclusione di Fukushima (dove si raccomanda alle persone di non vivere), hanno mostrato livelli di radiocesio in tutto il corpo circa 22 volte superiori a quelli esterni.

“Il radiocesio 134 e 137 tende a legarsi al suolo e si accumula nel tessuto muscolare dei serpenti”, ha spiegato Gerke. “Ma non capiamo ancora quale livello sarebbe dannoso.”

Fotografia: Hannah Gerke
Fotografia: Hannah Gerke

Gerke ha affermato che i livelli di contaminazione radioattiva erano molto più bassi ora di quanto non fossero subito dopo l’incidente a causa del decadimento naturale dei contaminanti nel tempo. È stato anche scoperto che i livelli di radiazione variano notevolmente su diversi terreni, anche in luoghi abbastanza vicini tra loro, il che significa che i materiali radioattivi del disastro non sono caduti o si sono accumulati in modo uniforme nelle aree colpite.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il monitoraggio dei serpenti è stato effettuato durante l’estate del 2018 e i risultati sono stati pubblicati quest’estate sulla rivista Ichthyology and Herpetology.

Sebbene siano state condotte ricerche sugli effetti delle radiazioni su vari tipi di mammiferi, questo studio è stato il primo fatto sui serpenti.