Un mistero per l’astronomia: sono scomparse 100 stelle

In base ad un confronto tra vecchi e nuovi cataloghi stellari, alcune stelle sembrano essere scomparse, e non abbiamo una spiegazione plausibile per questo fenomeno

6367

Un gruppo di ricerca internazionale guidato da Beatriz Villarroel dell’Istituto nordico di fisica teorica in Svezia e dell’Istituto di astrofisica delle Isole Canarie riporta qualcosa di strano nell’attuale numero di The Astronomical Journal.

Un confronto tra mappe stellari redatte negli anni ’50 e le recenti osservazioni ha evidenziato che non è più possibile individuare almeno 100 stelle precedentemente catalogate.

Il progetto del gruppo, chiamato Vanishing and Appearing Sources as a Century of Observations (VASCO) ha messo a confronto stelle mappate elencate nell’US Naval Observatory Catalog (USNO) B 1.0, risalenti agli anni ’50, con quelle di un altro, più recente, catalogo celeste, il Pan-STARRS Data Release (DR1).

Sono stati trovati nel vecchio catalogo (che elenca 600 milioni di stelle) un totale di 150.000 oggetti che non avevano una controparte facilmente identificabile nel catalogo più aggiornato, anche se i dati Pan-STARRS includono stelle che sono cinque volte meno luminose delle fonti di luce più deboli incluse nell’USNO.

Di queste 150.000 anomalie, gli autori ne hanno ispezionato visivamente 24.000 e hanno scoperto che 100 di queste fonti luminose puntiformi compaiono solo nel vecchio catalogo stellare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E da allora, a quanto pare, sono svanite.

Certamente, la spiegazione più prudente per le stelle mancanti è che si tratta di fenomeni naturali come, ad esempio, pianeti nani estremamente brillanti, supernova fallite o stelle che potrebbero essere collassate direttamente in un buco nero.

Ma queste anomalie sembrano davvero troppe per spiegare tutte le stelle scomparse con fenomeni naturali noti.

Nel loro articolo, gli stessi autori discutono della possibilità che si siano verificati fenomeni sconosciuti o che le “stelle” scomparse possano essere reliquie di civiltà tecnologicamente avanzate, in particolare i progetti teorici di mega-ingegneria noti come sfere di Dyson.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Senza lasciarsi andare a speculazioni senza reali basi osservative, forse, la scomparsa di tutti questi oggetti luminosi è in qualche modo legata all’esistenza di una civiltà avanzata, ma probabilmente non sono sfere di Dyson.

Innanzitutto, sarebbe difficile spiegare perché e come un progetto di costruzione così gigantesco, che ha oscurato completamente la luce della stella ospite, possa essere realizzato nel breve periodo di meno di un secolo.

Ma soprattutto, Brooks Harrop e Dirk Schulze-Makuch hanno dimostrato quasi 10 anni fa che le sfere di Dyson “tradizionali” non sono stabili dal punto di vista della gravità. Anche se fosse possibile costruirne una vicino ad una stella come il nostro Sole, richiederebbe più massa totale di quella disponibile in tutti i pianeti, le lune e gli asteroidi del nostro Sistema Solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quindi, che fine hanno fatto le stelle mancanti?

Alcune potrebbero essere spiegate come stelle una volta più brillanti la cui luminosità è scesa al di sotto del limite di rilevamento o stelle che sono collassate direttamente in un buco nero.

Una grande parte, tuttavia, potrebbe rappresentare nuove fasi del ciclo di vita di alcune stelle o nuovi fenomeni stellari che non sono stati ancora visti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Solo per questo, sarebbe necessario indagare più approfonditamente il fenomeno.

Un’altra domanda interessante: dove sono le stelle mancanti? Sono nella stessa posizione e non emettono più luce o, forse, si sono trasferite in un’altra posizione?

In quest’ultimo caso, alcune di queste potrebbero rappresentare enormi astronavi, delle dimensioni di lune o pianeti, che si sono mosse al di fuori del campo visivo?

Questa, ovviamente, è un’ipotesi altamente speculativa. Ma darebbe una risposta al  paradosso di Fermi, discusso a lungo e, in linea di principio, sarebbe testabile. Se queste fonti di luce “mancanti” rappresentano enormi astronavi, alcune dovrebbero apparire in nuovi rilievi stellari in altre parti del cielo.

Idealmente, potremmo anche essere in grado di tracciare le loro traiettorie nel tempo.

Sarebbe difficile, senza dubbio, individuare tali movimenti contro altri movimenti sullo sfondo dello spazio, come quelli delle stelle che ruotano attorno al centro della loro galassia.

Tuttavia, gli autori potrebbero concentrare il loro lavoro futuro su fonti di luce improvvisamente comparse nei nuovi studi del cielo e cercare di capire se possono essere correlate alle stelle scomparse.

Nel suo articolo, Villarroel suggerisce una direzione molto promettente per la ricerca futura: la ricerca di ammassi di stelle mancanti, che, se esistono, potrebbero essere collegati a nuovi fenomeni naturali in una particolare regione dello spazio, o forse alle attività di una civiltà extraterrestre.

Non sappiamo cosa ne uscirà da questa indagine ma non c’è dubbio che gli autori hanno scoperto qualcosa che può diventare molto importante sia per le indagini astrofisiche che per quelle del SETI.

Fonte: The Astronomical Journal