Rilmenidina: il farmaco che potrebbe permetterci di vivere più a lungo

Oltre ad aumentare (ipoteticamente) l'aspettativa di vita negli esseri umani, è scientificamente provato che la rilmenidina rallenta l'invecchiamento negli animali

0
361
Rilmenidina: il farmaco che potrebbe permetterci di vivere più a lungo
Rilmenidina: il farmaco che potrebbe permetterci di vivere più a lungo

Gli scienziati hanno dimostrato che un farmaco per l’ipertensione, la rilmenidina, rallenta l’invecchiamento sui vermi e questo fattore, ipoteticamente parlando, può essere prezioso anche per gli esseri umani, in quanto tale medicinale permetterebbe di aumentare la nostra longevità, mantenendoci più sani anche in età avanzata.

Ricerche passate avevano già dimostrato che imita gli effetti della restrizione calorica a livello cellulare. Si è dimostrato, inoltre, che ridurre l’energia disponibile mantenendo la nutrizione all’interno del corpo prolunga la durata della vita in diversi modelli animali. Cosa vuole dire ciò? Beh, questo è ancora un argomento di dibattito in corso: esso può tanto significare un toccasana per la vita umana, quanto un potenziale rischio per la nostra salute. 

Vivere una vecchiaia più serena

Trovare modi per ottenere gli stessi benefici senza i costi di un taglio eccessivo delle calorie potrebbe portare a nuovi modi per migliorare la salute in età avanzata. In uno studio pubblicato a gennaio, i vermi Caenorhabditis elegans giovani e vecchi trattati con il farmaco – normalmente usato per trattare la pressione alta – vivevano più a lungo e presentavano misure più elevate in una varietà di indicatori di salute, allo stesso modo della limitazione delle calorie, come il gli scienziati avevano sperato.

Negli animali aumenta la durata della vita

“Per la prima volta, siamo stati in grado di dimostrare negli animali che la rilmenidina può aumentare la durata della vita”, ha affermato il biogerontologo molecolare João Pedro Magalhães , dell’Università di Birmingham nel Regno Unito. “Siamo ora desiderosi di esplorare se la rilmenidina possa avere altre applicazioni cliniche”. Il verme C. elegans è uno dei preferiti per gli studi, perché molti dei suoi geni hanno somiglianze con le controparti del nostro genoma.

Eppure, nonostante queste somiglianze, è ancora una relazione piuttosto distante con gli esseri umani. Ulteriori test hanno dimostrato che l’attività genetica associata alla restrizione calorica poteva essere osservata nei tessuti renali ed epatici dei topi trattati con rilmenidina. In altre parole, alcuni dei cambiamenti che la restrizione calorica apporta negli animali e che si ritiene conferiscano determinati benefici per la salute compaiono anche con un farmaco per l’ipertensione che molte persone già assumono.

Il contributo del recettore nish-1

Un’altra scoperta è stata che un recettore di segnalazione biologica chiamato nish-1 era cruciale per l’efficacia della rilmenidina. Questa particolare struttura chimica potrebbe essere presa di mira nei futuri tentativi di migliorare la durata della vita e rallentare l’invecchiamento. “Abbiamo scoperto che gli effetti di estensione della vita della rilmenidina sono stati aboliti quando nish-1 è stato eliminato”, hanno spiegato i ricercatori nel loro articolo. “Fondamentalmente, il salvataggio del recettore nish-1 ha ripristinato l’aumento della durata della vita dopo il trattamento con rilmenidina”.



Valido quanto una dieta ipocalorica?

Le diete ipocaloriche sono difficili da seguire e comportano una serie di effetti collaterali, come diradamento dei capelli, vertigini e ossa fragili. Siamo ancora agli inizi, ma l’idea è che questo farmaco per l’ipertensione potrebbe conferire gli stessi benefici di una dieta ipocalorica pur essendo più leggero per il corpo. Ciò che rende la rilmenidina un candidato promettente come farmaco antietà è che può essere assunto per via orale, è già ampiamente prescritto e i suoi effetti collaterali sono rari e relativamente lievi (includono palpitazioni, insonnia e sonnolenza in alcuni casi).

Gli studi proseguono

C’è ancora molta strada da fare per capire se la rilmenidina possa funzionare come farmaco antietà per gli esseri umani, ma i primi segnali in questi test su vermi e topi sono promettenti. Ora sappiamo molto di più su cosa può fare la rilmenidina e come funziona. “Con l’invecchiamento della popolazione globale, i benefici derivanti dal ritardare l’invecchiamento, anche se lievemente, sono immensi”, ha affermato Magalhães. La ricerca è stata pubblicata su Aging Cell.

Che cos’è la rilmenidina?

La rilmenidina è un farmaco antipertensivo, utilizzato per trattare l’ipertensione arteriosa. Appartiene a una classe di farmaci chiamati agonisti alfa-2 adrenergici centrali. La rilmenidina agisce stimolando i recettori alfa-2 nel sistema nervoso centrale, riducendo così la liberazione di noradrenalina. Questo porta a una diminuzione della resistenza vascolare periferica e, di conseguenza, a una riduzione della pressione arteriosa.

2