13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaPuò la vita sopravvivere alla morte della sua stella?

Può la vita sopravvivere alla morte della sua stella?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Quando le stelle come il nostro Sole muoiono, tutto ciò che rimane è un nucleo esposto: una nana bianca. Un pianeta in orbita attorno a una nana bianca rappresenta una promettente opportunità per determinare se la vita può sopravvivere alla morte della sua stella, secondo i ricercatori della Cornell University.

Il James Webb potrebbe trovare tracce di vita 

In uno studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters, mostrano come il telescopio James Webb della NASA potrebbe trovare tracce di vita su pianeti simili alla Terra in orbita attorno a nane bianche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un pianeta in orbita attorno a una piccola stella produce forti segnali atmosferici quando passa davanti, o “transita”, alla sua stella ospite. Le nane bianche spingono questo all’estremo: sono 100 volte più piccole del nostro Sole, quasi quanto la Terra, offrendo agli astronomi una rara opportunità di caratterizzare i pianeti rocciosi.

“Se esistono pianeti rocciosi attorno alle nane bianche, potremmo individuare segni di vita su di essi nei prossimi anni”, ha affermato l’autore corrispondente Lisa Kaltenegger, professore associato di astronomia presso il College of Arts and Sciences e direttore del Carl Sagan Institute.

Il co-autore Ryan MacDonald, un ricercatore associato presso l’istituto, ha affermato che il James Webb Space Telescope, è in una posizione unica per trovare tracce di vita sugli esopianeti rocciosi.

“Quando si osservano pianeti simili alla Terra in orbita attorno a nane bianche, il James Webb Space Telescope può rilevare acqua e anidride carbonica nel giro di poche ore”, ha detto MacDonald. “Due giorni di osservazione con questo potente telescopio consentirebbero la scoperta di gas di biofirma, come l’ozono e il metano”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La scoperta del primo pianeta gigante in transito in orbita attorno a una nana bianca (WD 1856+534b), annunciata in un documento separato, guidato dal co-autore Andrew Vanderburg, assistente professore presso l’Università del Wisconsin, a Madison, dimostra l’esistenza di pianeti attorno a una nana bianca. Kaltenegger è anche coautore di questo articolo.

Questo pianeta è un gigante gassoso e quindi non è in grado di sostenere la vita. Ma la sua esistenza suggerisce che pianeti rocciosi più piccoli, che potrebbero sostenere la vita, potrebbero esistere anche nelle zone abitabili delle nane bianche.

“Ora sappiamo che i pianeti giganti possono esistere attorno alle nane bianche e le prove risalgono a oltre 100 anni fa e mostrano che materiale roccioso inquina la luce delle nane bianche. Ci sono certamente piccole rocce nei sistemi di nane bianche”, ha detto MacDonald. “È un salto logico immaginare un pianeta roccioso come la Terra in orbita attorno a una nana bianca”.

I ricercatori hanno combinato tecniche di analisi all’avanguardia utilizzate abitualmente per rilevare gas nelle atmosfere di esopianeti giganti con il telescopio spaziale Hubble con atmosfere modello di pianeti nani bianchi dalla precedente ricerca di Cornell.

Il Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA sta ora cercando questi pianeti rocciosi attorno alle nane bianche. Se e quando verrà trovato uno di questi mondi, Kaltenegger e il suo team hanno già sviluppato modelli e strumenti per identificare i segni di vita nell’atmosfera del pianeta. Il telescopio Webb potrebbe presto iniziare questa ricerca.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le implicazioni della ricerca di tracce di vita su un pianeta in orbita attorno a una nana bianca sono profonde, ha detto Kaltenegger. La maggior parte delle stelle, compreso il nostro Sole, un giorno finiranno per diventare nane bianche.

“E se la morte della stella non fosse la fine della vita? Potrebbe la vita andare avanti, anche una volta che il nostro sole è morto?”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“I segni di vita sui pianeti in orbita attorno alle nane bianche non mostrerebbero solo l’incredibile tenacia della vita, ma forse anche uno sguardo al nostro futuro”.

Articoli più letti