L’asteroide che ha ucciso i dinosauri continua a plasmare la vita sotto il cratere da impatto

I ricercatori della Curtin University che studiano i microrganismi che abitano le rocce in profondità sotto il sito dell'impatto dell'asteroide che ha spazzato via i dinosauri hanno scoperto che continua a influenzare il tipo di vita microbica che si trova oggi lì

8422

I ricercatori della Curtin University che studiano i microrganismi che abitano le rocce in profondità sotto il sito dell’impatto dell’asteroide che ha spazzato via i dinosauri hanno scoperto che continua a influenzare il tipo di vita microbica che si trova oggi lì.

La deformazione geologica causata dall’impatto dell’asteroide sta ancora modellando la vita

I ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento dei geni, il conteggio delle cellule e gli esperimenti di incubazione per studiare le comunità di microrganismi e hanno scoperto che la deformazione geologica causata dall’impatto 66 milioni di anni fa sta ancora modellando la vita sotto il sito di Chicxulub, in Messico.

La studentessa Bettina Schaefer, del WA-Organic and Isotope Geochemistry Center (WA-OIGC) della Curtin’s School of Earth and Planetary Sciences, ha affermato che mentre gli impatti di asteroidi hanno causato gravi disagi agli organismi e agli ecosistemi che abitano in superficie, il cratere risultante potrebbe essere un perfetto nutrimento posto per una nuova vita.

“Il calore e la pressione dell’impatto hanno creato un’area sterilizzata che ha causato un’estinzione localizzata dei microbi residenti”, ha affermato la signora Schaefer.

“Tuttavia, circa un milione di anni dopo l’impatto, il cratere si era raffreddato a temperature abbastanza basse da consentire il ritorno della vita microbica e l’evoluzione isolata dalla vita sulla superficie terrestre negli ultimi 65 milioni di anni”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il professore associato di geomicrobiologo Marco Coolen, anche lui del WA-OIGC e che ha svolto un ruolo guida nel progetto, ha affermato che lo studio ha trovato i batteri presenti nelle rocce granitiche fratturate dall’impatto dell’asteroide, povere di nutrienti e ancora relativamente calde (circa 70 °C) nelle rocce inferiori. Parti del cratere differivano significativamente dai batteri presenti nello strato di macerie che ha riempito il cratere subito dopo l’impatto e ancora dai microbi presenti nei sedimenti marini depositati nel cratere milioni di anni dopo.

“I risultati hanno fornito informazioni sulla vita microbica in ambienti estremi e su come la vita si riprende da eventi estremi come l’impatto di asteroidi”, ha affermato il professore associato Coolen.

“Poiché la biosfera microbica profonda svolge un ruolo importante nel ciclo globale del carbonio, è interessante studiare come le comunità microbiche siano state in grado di riprendersi da questo catastrofico evento geologico”.

Con la crescente preoccupazione per un possibile disastro ecologico o impatto di un asteroide generato dall’uomo, la ricerca su come la vita sulla Terra ha risposto ai principali cambiamenti ambientali, ecologici ed evolutivi come le estinzioni di massa del passato geologico è cruciale per una maggiore comprensione della resilienza della vita sulla Terra, che è una direzione di ricerca più ampia guidata dal co-autore John Curtin Distinguished Professor Kliti Grice e direttore fondatore di WA-OIGC.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“La formazione dell’attuale biosfera profonda a Chicxulub dalla catastrofe da impatto che pose fine al Cretaceo” è stato pubblicato su Frontiers in Microbiology.