Scoperto oceano sotterraneo nel sottosuolo terrestre 3 volte più grande di tutti gli oceani della Terra

Gli scienziati della Northwestern University di Evanston hanno scoperto un oceano sotterraneo tre volte più grande di tutti gli oceani della Terra, in profondità sotto la superficie del nostro pianeta. Questa riserva idrica sotterranea si trova a circa 700 km sotto il suolo

0
38873
Antropocene, oceano sotterraneo

Gli scienziati della Northwestern University di Evanston, Illinois, hanno scoperto un oceano sotterraneo tre volte più grande di tutti gli oceani della Terra, in profondità sotto la superficie del nostro pianeta. Questa riserva idrica sotterranea si trova a circa 700 km sotto il suolo.

Antropocene, oceano sotterraneo

L’oceano sotterraneo è un’importante risorsa idrica

Questo oceano sotterraneo, custodito all’interno di una roccia blu conosciuta come ringwoodite, mette alla prova la nostra comprensione della provenienza dell’acqua della Terra. La dimensione di questa imponente risorsa idrica è il triplo del volume di tutti gli oceani superficiali del pianeta messi insieme.

La nuova scoperta non solo è interessante per le sue dimensioni, ma propone anche una nuova teoria sul ciclo dell’acqua terrestre. È stato ipotizzato che invece di arrivare attraverso gli impatti delle comete, come hanno supposti alcune teorie, gli oceani della Terra potrebbero essere lentamente fuoriusciti dal suo nucleo.

Steven Jacobsen, ricercatore presso la Northwestern University in Illinois e autore principale dello studio, ha dichiarato: “Questa è una prova sostanziale che l’acqua sulla Terra proviene dall’interno”.



Per scoprire questo oceano sotterraneo, i ricercatori hanno utilizzato una serie di 2000 sismografi in tutti gli Stati Uniti, analizzando le onde sismiche di oltre 500 terremoti. Le onde che viaggiano attraverso gli strati interni della Terra, compreso il nucleo, rallentano quando passano attraverso la roccia bagnata, consentendo agli scienziati di presumere la presenza di questo vasto deposito d’acqua.

An, oceano sotterraneo

 

La possibilità che l’acqua esista nel mantello terrestre e trasudi tra i granelli delle rocce potrebbe cambiare la nostra percezione del ciclo idrico del nostro pianeta. Jacobsen ha sottolineato l’importanza di questa risorsa, spiegando che senza di esso l’acqua si troverebbe sulla superficie della Terra e che l’unica terra visibile potrebbero essere le cime delle montagne.

Grazie a questa scoperta rivoluzionaria, i ricercatori sono ansiosi di raccogliere più dati sismici da tutto il mondo per determinare se l’oceano sotterraneo è un fenomeno comune. Le loro scoperte potrebbero rivoluzionare la nostra comprensione delle nostre conoscenze geologiche, offrendo nuove informazioni su uno dei processi più fondamentali del nostro pianeta.

La ringwoodite ha custodito l’oceano sotterraneo

La ringwoodite è come una spugna, assorbe l’acqua: essa è caratterizzata da qualcosa di molto speciale nella sua struttura cristallina che le consente di attrarre idrogeno e intrappolare l’acqua“, ha aggiunto Jacobsen.

Questo minerale può contenere molta acqua nel sottosuolo terrestre. Penso che stiamo finalmente vedendo le prove di un ciclo dell’acqua dell’intera Terra, che potrebbe aiutare a spiegare la grande quantità di acqua liquida sulla superficie del nostro pianeta abitabile. Gli scienziati hanno cercato quest’oceano sotterraneo per decenni“.

La scoperta dell’oceano sotterraneo, pubblicata su Science è notevole perché in precedenza si è pensato che la maggior parte dello scioglimento del mantello avvenisse a una distanza molto minore, a circa 80 km sotto la superficie terrestre.

Jacobsen ha affermato che l’oceano sotterraneo potrebbe anche fungere da cuscinetto per gli oceani in superficie, spiegando perché sono rimasti della stessa dimensione per milioni di anni.

La Terra è avvolta da onde gravitazionali che si muovono lentamente

Sempre più spesso gli scienziati stanno imparando a conoscere la composizione del nostro pianeta, comprendendo che gli eventi legati al cambiamento climatico, al tempo e al mare sono strettamente correlati all’attività tettonica che vibra continuamente nel sottosuolo terrestre.

Come sappiamo, l’acqua occupa gran parte della superficie del nostro pianeta. Se è vero che rispetto al diametro terrestre la profondità degli oceani è paragonabile ad un sottile strato simile alla buccia di una cipolla, ora è stato scoperto che la presenza d’acqua non si limita solo alla superficie visibile.

In precedenza si era molto dibattuto sulla possibilità dell’esistenza di grandi quantità d’acqua a molti chilometri sotto il sottosuolo, ma finora non era mai stato possibile dimostrare con prove fisiche una simile teoria, che ha implicazioni molto importanti nella modo in cui comprendiamo i fenomeni geologici planetari.

Conclusioni

La scoperta di un oceano sotterraneo è senza dubbio una delle più importanti nel campo della geologia degli ultimi anni, e stimolerà gli esperti a cambiare in una certa misura l’approccio con cui finora hanno analizzato fenomeni come il vulcanismo, la tettonica a zolle e molti altri processi di capitale importanza nella comprensione delle dinamiche della Terra.

La Terra potrebbe trovarsi all'interno di un buco nero?

La scoperta dell’oceano sotterraneo è la prova che l’acqua può essere immagazzinata nelle aree più profonde del nostro pianeta e risolve una controversia durata decenni sul fatto se il centro della Terra fosse secco o umido in alcune aree.

La capacità di immagazzinare acqua all’interno non è esclusiva della Terra. Altri pianeti, come Marte, contengono immense quantità di acqua, qualcosa che ci fa dubitare della possibilità che il Pianeta Rosso abbia potuto sostenere la vita.

2