Impatto di un asteroide su Marte ha creato 2 miliardi di crateri (video)

L’impatto di un asteroide su Marte ha causato una moltitudine di crateri. Ci sono molti crateri sul Pianeta Rosso, soprattutto se paragonati alla Terra. Questo è dovuto principalmente alla mancanza di forze atmosferiche e di forti placche tettoniche che hanno interrotto la formazione di tali impatti sul nostro pianeta natale.

Impatto da cratere su Marte

Non tutti i crateri da impatto su Marte sono direttamente causati dall’impatto di asteroidi

Non tutti i crateri da impatto su Marte sono direttamente causati dall’impatto di asteroidi. Molti di essi sono causati dai materiali espulsi dall’impatto di un asteroide che ricadono sul pianeta.

Uno studio recente ha mostrato quanto questo possa avere ripercussioni e ha concluso che un singolo grande cratere da impatto su Marte ha creato oltre due miliardi di altri crateri più piccoli fino a quasi 2000 km di distanza.

Lo studio, pubblicato alla 55a edizione della Lunar and Planetary Science Conference in Texas, si è concentrato su un cratere chiamato Corinto, che si trova nell’Elysium Planitia, a soli 17 gradi a nord dell’equatore del Pianeta Rosso.

Il cratere Corinto

È un cratere relativamente giovane per gli standard marziani, con la migliore stima degli scienziati della sua età che risale a circa 2,34 milioni di anni fa. È piuttosto massiccio per essere così giovane, poiché il tempo medio tra gli impatti delle sue dimensioni è di circa 3 milioni di anni. Pertanto, gli scienziati pensano che potrebbe essere il cratere più recente di queste dimensioni su Marte.

Crateri da impatto su Marte

Non è questo il motivo per cui è interessante, però. Ha un vasto “sistema a raggi“. Ciò significa che una quantità significativa di materiale espulso è stato rigettato dal luogo dell’impatto ed è atterrato altrove sul pianeta, creando “raggi” dal punto centrale dell’impatto che possono essere visti anche oggi su una mappa della superficie del pianeta.

Il cratere Corinto ha un diametro di circa 14 km ed è profondo 1 km. La sua superficie interna è butterata da altri crateri più piccoli che si sono verificati durante l’impatto. Le indicazioni suggeriscono che fosse pieno di ghiaccio d’acqua quando è stato colpito, poiché sembrava che ci fosse un certo degassamento del ghiaccio surriscaldato dopo l’impatto. I calcoli hanno indicato un angolo di impatto relativamente ripido di circa 30-45 gradi.

Di conseguenza, gran parte del campo di impatto dei materiali espulsi si trova a sud, soprattutto a sud-ovest, del cratere. Mentre alcuni crateri secondari dei materiali espulsi si trovano a nord di quello principale, sembra chiaro che l’angolo del dispositivo di simulazione fosse abbastanza significativo da spingere la maggior parte dei materiali espulsi verso sud.

Marte: svelata la causa dell'abbondanza di metalli nobili, vulcano Noctis

Seguire il percorso di questi materiali espulsi qualche milione di anni dopo non è facile. Gli scienziati hanno utilizzato i dati raccolti da HiRISE e dalla Context Camera (CTX) sul Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) e hanno analizzato le caratteristiche dei crateri più piccoli che circondano il cratere principale Corinto. In particolare, gli studiosi hanno cercato crateri che sembrassero causati da materiale espulso piuttosto che da un oggetto di impatto interplanetario.

Gli esperti hanno raggruppato i diversi tipi di crateri dei materiali espulsi trovati in cinque diverse “facies”, concentrandosi principalmente su quanto fossero lontani dal cratere principale. Ogni facies ha le sue caratteristiche distinte. Ad esempio, la Facies 0, quella più vicina al cratere principale, è semicircolare, non sembra avere materiale espulso o ha bordi molto distinti. D’altra parte, i crateri di Facies 3 sono lunghi e stretti anziché semicircolari (suggerendo che qualcosa sia passato attraverso per crearli) e sono apparsi molto luminosi nelle immagini MRO.

Gli scienziati hanno scoperto che ci sono quasi 2 miliardi di crateri da impatto secondario più grandi di 10 metri causati dai materiali espulsi da Corinto. E quei crateri secondari appaiono fino a 1850 km di distanza. Questo lo renderebbe, di gran lunga, il più impattante tra i recenti crateri marziani in termini di numero e distanza dei suoi materiali espulsi.

Conclusioni

Lo studio non ha spiegato cosa questo potrebbe significare per la nostra più ampia comprensione di questi processi sul Pianeta Rosso, né quale lavoro futuro potrebbe essere completato: la versione rivista per questo articolo era di sole due pagine.

Perché Marte è rosso? UAV, campioni , incontaminati di Marte, acque sotterranee, vulcano Noctis

Come per la maggior parte delle cose nella scienza, un nuovo record per qualcosa, in questo caso, la distanza e la quantità di crateri da impatto secondari, attira ulteriori ricerche, quindi dovremo vedere quali eventuali scoperte future possono essere fatte riguardo a questo interessante cratere marziano.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Articoli correlati

Popular Categories