Quali sono i rischi in caso di inversione del polo magnetico terrestre?

Sappiamo che il polo magnetico della Terra si muove e sappiamo anche che, di tanto in tanto, i poli magnetici della Terra si invertono. Nel corso della storia della Terra, questo è accaduto diverse centinaia di volte, come evidenziato dai dati geologici. L'ultima inversione dei poli è avvenuta circa 781 mila anni fa

0
12813
Quali sono i rischi in caso di inversione del polo magnetico terrestre?
Quali sono i rischi in caso di inversione del polo magnetico terrestre?

Sappiamo che il polo magnetico della Terra si muove e sappiamo anche che, di tanto in tanto, i poli magnetici della Terra si invertono. Nel corso della storia della Terra, questo è accaduto diverse centinaia di volte, come evidenziato dai dati geologici. L’ultima inversione dei poli è avvenuta circa 781 mila anni fa.

Nessuna periodicità è stata trovata nelle inversioni del campo magnetico terrestre. A volte si verifica molto spesso – a intervalli di diverse decine di migliaia di anni, e talvolta il campo magnetico rimane invariato per milioni di anni.

Molti scienziati ritengono che ora siamo nelle prime fasi di una nuova inversione del campo magnetico terrestre.

Perché il campo magnetico terrestre si inverte?

Il campo magnetico è generato dalla dinamo planetaria: il metallo liquido, principalmente ferro, si convoglia nel nucleo fuso dove ruota e genera correnti elettriche, che a loro volta portano alla formazione di campi magnetici.

Il campo magnetico terrestre. A sinistra, stabile; a destra, durante un’inversione. Fonte: wikipedia.org

Le inversioni del campo magnetico sono causate da processi di convezione interni al nucleo. La maggior parte delle volte le parti cariche positivamente e negativamente del nucleo terrestre sono stabili vicino ai poli di rotazione, ma occasionalmente processi di convezione imprevedibili possono far loro perdere l’equilibrio e quindi è possibile un’inversione dei poli.

In questo caso, l’equilibrio disturbato delle parti cariche del nucleo porta o ad un’inversione, o semplicemente a perturbazioni temporanee del campo magnetico e al ritorno allo stato precedente. Questo è già successo circa 41 mila anni fa.



Quali sono i pericoli di un’inversione dei poli magnetici?

L’inversione dei poli magnetici non significa affatto la fine del mondo o una catastrofe globale. Ad esempio, non è stata stabilita alcuna connessione tra le inversioni magnetiche e le estinzioni di massa di animali o piante: un’inversione ha effetti piuttosto scarsi sulla biosfera.

Alcuni credono che un’inversione del polo magnetico potrebbe, in teoria, influenzare il movimento dei continenti, portando a enormi terremoti e tsunami. Questo ovviamente potrebbe comportare una significativa perdita di vite umane. Tuttavia, l’analisi dei dati sull’inversione dei poli in passato non trova alcuna prova che sia stato accompagnato da tali catastrofi.

Inoltre, l’attività sismica è causata da processi nel mantello terrestre, non nel nucleo. Il mantello è certamente in contatto con il nucleo, ma occorrono milioni di anni perché i cambiamenti nel nucleo si riflettano nel mantello e nella tettonica a placche.

Tuttavia, un’inversione del campo magnetico rappresenta qualche pericolo. Innanzitutto, durante un’inversione, il campo magnetico terrestre potrebbe indebolirsi e, di conseguenza, più radiazione solare raggiungerà la superficie. Ciò può portare ad un aumento di tumori della pelle e delle mutazioni genetiche tra i neonati.

In secondo luogo, un aumento dei livelli di radiazione solare potrebbe influire sul funzionamento dell’elettronica. Se fosse istantaneo, probabilmente ci troveremmo di fronte a un collasso tecnologico in cui tutta o gran parte dell’elettronica fallirebbe, ma questo accadrà gradualmente nel corso di centinaia di anni e si rifletterà in un numero crescente di guasti elettronici. Avremo il tempo di reagire aggiornando la rete elettrica e i dispositivi elettrici, quindi questo non dovrebbe portare a disastri.

2