Quando il prossimo grande terremoto colpirà da qualche parte nel mondo, arriverà senza preavviso, distruggendo le infrastrutture e mettendo a rischio vite umane. Eppure, già nei giorni precedenti l’evento, forze geologiche titaniche saranno già al lavoro, deformando la crosta in modi sottili che potrebbero, in teoria, permetterci di prevedere la catastrofe imminente.

Un possibile segno dell’imminenza dei terremoti potrebbe essere cercato in sottili alterazioni nel campo magnetico che circonda il nostro pianeta. Da decenni, i ricercatori dibattono sui meriti della caccia alle firme magnetiche nell’imminenza di un terremoto ma mancano prove convincenti.

Un nuovo studio controllato di QuakeFinder, un progetto di ricerca umanitaria all’interno della società di servizi di ingegneria dei sistemi Stellar Solutions, in collaborazione con il team di Google Accelerated Science, conclude che potrebbe esserci una buona ragione per approfondire questi studi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Applicando l’apprendimento automatico alle misurazioni a terra dei cambiamenti magnetici locali in vista di una serie di terremoti significativi in ​​tutta la California tra il 2005 e il 2019, i ricercatori hanno trovato segni di un modello che richiede ulteriori studi.

Questo non vuol dire che l’effetto che hanno osservato potrebbe essere necessariamente utilizzato per prevedere i terremoti, ma è comunque un indizio affascinante per studi futuri. “Non stiamo affermando che questo segnale si verifichi prima di ogni terremoto“, ha detto il direttore di QuakeFinder Dan Schneider a Joshua Rapp Learn di Eos.

Eppure i risultati potrebbero essere sufficienti per mantenere vivo ancora per un po’ il controverso tema delle previsioni elettromagnetiche di forti scosse.

Le premesse dietro le ipotetiche fluttuazioni del campo magnetico prima dei terremoti sembrano abbastanza ragionevoli. Alcuni sostengono che il massiccio accumulo di pressione nella crosta prima di un terremoto potrebbe, in teoria, modificare le proprietà degli strati rocciosi abbastanza da influenzarne la conduttività. Altri studi suggeriscono che sacche di gas intrappolato si accumulano prima del rilascio creando le correnti elettriche necessarie per influenzare l’attività magnetica.

Individuare le variazioni di frequenza ultrabasse risultanti nel campo magnetico avviserebbe le autorità che qualcosa di grosso sta per scoppiare, fornendo il tempo per prepararsi allo stesso modo in cui le comunità potrebbero fare per un uragano in crescita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sfortunatamente, quella che sembra un’idea promettente incontra una serie di ostacoli nell’applicazione.

Prima di tutto il fatto che molte cose possono creare oscillazioni a bassa frequenza in zone locali di un campo magnetico. Anche l’aumento del traffico nelle vicinanze o piccoli cambiamenti nell’attività solare possono introdurre un’alterazione che potrebbe essere scambiato per un disturbo geologico.

Distendere un segnale affidabile da questo rumore richiede apparecchiature di misurazione accurate in posizioni fisse vicino a zone a forte rischio sismico. Anche laddove ciò si verifica, sarà necessario registrare un numero sufficiente di terremoti della giusta dimensione per ottenere un campione statistico affidabile.

Con siti di ricerca situati vicino a faglie in tutto lo stato della California, Quakefinder è in una solida posizione per superare questi ostacoli. I magnetometri sepolti nei diversi siti di ricerca hanno fornito ai ricercatori una notevole quantità di dati sui terremoti di magnitudo 4,5.

Dopo aver selezionato i terremoti per i quali c’erano misurazioni da due siti vicini ed escludendo coppie di siti senza registrazioni adeguate, ai ricercatori sono state lasciate le misurazioni su 19 terremoti. Questo campione è stato quindi diviso in due gruppi, uno che fungeva da base per uno studio di apprendimento automatico che ha tentato di vagliare potenziali modelli dalle influenze note, con il secondo gruppo che fungeva da test per eventuali scoperte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il rapporto segnale-rumore identificato dal processo e confermato nel test non era esattamente forte. Come ammettono i ricercatori nel loro articolo, evidenti anomalie elettromagnetiche prima dei terremoti “sarebbero state osservate, documentate e accettate molto prima” nelle indagini precedenti.

Suggeriscono, però, che qualcosa di intrigante sia in agguato nel luccichio elettromagnetico come un grido sospetto durante il temporale, che potrebbe essere presente fino a tre giorni prima del terremoto. La messa a punto del metodo dei ricercatori utilizzando un campione più ampio potrebbe essere in grado di identificare cosa sta succedendo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se gli studi futuri dovessero arrivare a un segnale affidabile di imminente rovina nel campo magnetico di un’area, potrebbe ancora non essere un segnale di valore universale, richiedendo ulteriori test in più siti in tutto il mondo.

Per ora, l’idea di utilizzare piccoli cambiamenti nel campo magnetico del pianeta per prevedere i terremoti rimane controversa. Ma sostenute da risultati come questi, ulteriori indagini potrebbero finalmente svelare i sussurri segreti di un guasto al punto di rottura.

Questa ricerca è stata pubblicata sul Journal of Geophysical Research: Solid Earth.