12.8 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeGeologiaIl più grande terremoto mai registrato nel Mediterraneo

Il più grande terremoto mai registrato nel Mediterraneo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La storia ci dice che nell’anno 365 d.C., la regione del Mediterraneo fu scossa da un fragoroso terremoto stimato in  magnitudo 8.0 o superiore. Il terremoto e il successivo tsunami uccisero decine di migliaia di persone, distruggendo Alessandria d’Egitto e molte altre città.

Tuttavia, una nuova ricerca ora suggerisce che alcune ipotesi precedenti sul terremoto e sulla sua eredità sismica potrebbero non essere corrette – e i risultati potrebbero significare cambiamenti drastici per i modelli di terremoti e tsunami nella regione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fino ad ora, il consenso generale è stato che la zona di subduzione ellenica sotto Creta provocò il gigantesco terremoto, ma le ultime prove suggeriscono che un gruppo di “faglie normali” a sud-ovest di Creta potrebbero essere state la causa del sollevamento di vasti tratti di spiaggia fossile” lungo la costa di Creta.

010 terremoto mediterraneo 1

Litorale fossile intorno a Creta, che mostra l’innalzamento del livello del suolo. (Richard Ott)

Le nostre scoperte, nel loro insieme, favoriscono l’interpretazione che i terremoti e gli tsunami dannosi nel Mediterraneo orientale possono avere origine su faglie normali, evidenziando il potenziale rischio di terremoti di faglia normale della placca superiore tsunamigenica“, scrivono i ricercatori nel loro articolo.

Studiando le coste fossili esposte dal sollevamento sismico e applicando tecniche di datazione al radiocarbonio, i ricercatori sono stati in grado di lavorare all’indietro per capire con maggiore precisione come il terreno si è effettivamente spostato per produrre quel paesaggio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’elevazione del terreno intorno alle spiagge – fino a un’altezza di circa 9 metri, ha esposto e ucciso enormi quantità di organismi marini, le cui conchiglie e scheletri rivelano indizi vitali.

Vermetidi e coralli sono stati raccolti da un totale di otto siti intorno a Creta, fornendo ai ricercatori 32 nuovi punti dati in termini di età geologiche. La modellazione al computer è stata quindi utilizzata per adattare queste date e luoghi alla possibile attività sismica, prendendo in considerazione anche scritti storici sui terremoti nell’area.

I risultati suggeriscono che una serie di terremoti nei primi secoli del millennio probabilmente causò il sollevamento, prima del leggendario terremoto del 365 d.C., che in precedenza era ritenuto il colpevole.

La nuova ipotesi è supportata da altre prove, tra cui l’apparente abbandono dell’antico porto di Phalasarna intorno al 66 d.C., anche se il team di ricerca ammette che i dati non sono affatto conclusivi in ​​questa fase.

In altre parole, le faglie normali nella regione potrebbero essere in grado di distruggere più di quanto si pensasse in precedenza, e il terremoto del 365 CE – che dopo tutto non sembra aver esposto queste sezioni di spiaggia fossile – potrebbe aver avuto origine da faglie normali, non la zona di subduzione ellenica come molti pensavano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche questa non è solo una curiosità storica: significa che le previsioni e la modellazione dei terremoti dei giorni nostri potrebbero dover essere adattate.

Mentre il pericolo dalla zona di subduzione ellenica potrebbe essere inferiore a quanto si pensava in precedenza, il pericolo derivante da più faglie normali potrebbe essere maggiore di quanto ci rendessimo conto, specialmente in termini di tempi raggruppati, che è stato notato in studi precedenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori vogliono vedere più misurazioni e registrazioni sismiche effettuate nella regione del Mediterraneo, in particolare lontano dalle coste (dove è stata presa la maggior parte dei dati di questo studio).

Sulla base di questi risultati e della migliore coerenza con il record a lungo termine dell’estensione crostale nella regione, siamo favorevoli a una normale origine di faglia per i terremoti del 365 d.C. e precedenti“, concludono i ricercatori nel loro documento pubblicato.

Tuttavia, notiamo che sono necessarie ulteriori ricerche, e in particolare l’imaging geofisico, per comprendere adeguatamente la tettonica e il rischio sismico della zona di subduzione ellenica”.

La ricerca è stata pubblicata su AGU Advances.

Articoli più letti