Un supervulcano in Nuova Zelanda si sta svegliando

Negli ultimi 12.000 anni, il supervulcano Taupō è stato attivo 25 volte. La sua più recente eruzione nel 232 d.C. è descritta dagli autori del nuovo articolo come "una delle eruzioni più esplosive della Terra in tempi storici"

0
1714

La vasta distesa delle acque azzurre del Lago Taupō, coronata da nebbiosi orizzonti montuosi, evoca un estremo senso di tranquillità, eppure, nel profondo del terreno sottostante, si stanno preparando importanti disordini geologici, secondo un nuovo articolo del New Zealand Journal of Geology and Geophysics .

Il lago Taupō è il più grande lago d’acqua dolce dell’Australasia, situato al centro dell’isola settentrionale della Nuova Zelanda e, anche se oggi appare tranquillo, il lago ha una storia di davvero violenta.

Le acque del lago si trovano all’interno di una caldera preistorica – una parola basata sullo spagnolo per “calderone” o “pentola bollente” – formatasi durante la più recente supereruzione della Terra, l’eruzione di Oruanui, 25.400 anni fa.

Quando il magma viene rilasciato da un supervulcano (così definito per aver rilasciato almeno 1.000 chilometri cubi di materiale in ogni eruzione) in un evento come l’eruzione di Oruanui, le prese d’aria di magma esaurite crollano, la superficie terrestre affonda e il paesaggio viene permanentemente modificato in una caldera.

Negli ultimi 12.000 anni, il supervulcano Taupō è stato attivo 25 volte. La sua più recente eruzione nel 232 d.C. è descritta dagli autori del nuovo articolo come “una delle eruzioni più esplosive della Terra in tempi storici“. Da allora, il vulcano ha avuto almeno quattro “episodi di agitazione” documentati, che hanno causato terremoti distruttivi e, nel 1922, ha provocato un massiccio cedimento del suolo.

Sono i periodi di agitazione più moderni del supervulcano che i ricercatori hanno studiato, analizzando fino a 42 anni di dati raccolti in 22 siti sparsi nell’area del lago. Ci sono prove che il supervulcano si stia svegliando di nuovo.



Nel 1979 [i ricercatori] hanno iniziato a monitorare il supervulcano con una nuova tecnica di rilevamento che utilizza la superficie del lago per rilevare piccoli cambiamenti, con quattro rilevamenti effettuati ogni anno“, ha spiegato l’autore principale e sismologo della Victoria University of Wellington Finn Illsley-Kemp. Questa tecnica prevede l’uso di un misuratore per monitorare lo spostamento verticale del fondo del lago.

Per garantire che i dati siano affidabili, questi indicatori sono ponderati per ridurre l’impatto delle onde e vengono eseguite diverse misurazioni per ciascun punto dati, per rilevare gradi di variazione e valori anomali. In ogni sito è inoltre installato un misuratore di riserva come assicurazione contro i disturbi da parte di altre forze.

All’inizio del progetto, le misurazioni sono state registrate da misuratori manuali installati in sole sei stazioni. Altre otto stazioni furono aggiunte tra l’agosto 1982 e il luglio 1983 e durante questo periodo il valore di queste misurazioni iniziò a mostrare una certa attività.

All’inizio del 1983, il sistema ha rilevato un aumento o una diminuzione in diversi siti. Non molto tempo dopo, uno sciame di piccoli terremoti ha scosso dolcemente la regione, provocando la rottura di diverse faglie che hanno spinto verso il basso la cintura centrale di faglie di Kaiapo e causato l’innalzamento di altre aree all’estremità meridionale del lago.

Gli sciami sismici del 1983 sono stati solo il primo di sette episodi discreti di disordini registrati negli ultimi 35 anni. Dal 1986 ogni anno sono state eseguite indagini di routine con sensori aggiuntivi, con osservazioni extra sulla scia dei terremoti, creando un solido set di dati che è solo diventato più dettagliato nel tempo.

Gli autori hanno notato che durante i periodi di agitazione geologica, l’estremità nord-orientale del lago (che è la più vicina al centro del vulcano e alle adiacenti linee di faglia) tendeva a sollevarsi; il fondo del lago presso il centro della fascia di faglia è affondato; e all’estremità meridionale del lago è stato registrato qualche lieve cedimento.

All’interno del lago, vicino a Horomatangi Reefs, il supervulcano ha causato 160 mm di sollevamento, mentre a nord del lago le faglie tettoniche hanno causato 140 mm di cedimento“, ha detto Illsley-Kemp.

Il ricercatore pensa che questa regione, che ha pochissimi terremoti rispetto alle aree circostanti, sia la posizione del serbatoio di magma di Taupō, con la roccia profonda che è troppo calda e fusa perché si verifichino terremoti.

I ricercatori affermano che i 16 cm di sollevamento – che, sebbene non catastrofici, sono sicuramente sufficienti a causare alcuni danni agli edifici o alle tubature – sono probabilmente dovuti al magma che si avvicina alla superficie durante i periodi di agitazione.

Illsley-Kemp ha affermato che la ricerca mostra che Taupō è un supervulcano attivo e dinamico, intimamente connesso con la tettonica circostante.

I ricercatori ritengono che l’estremità nord-orientale del vulcano – che ha le prese d’aria più giovani – abbia maggiori probabilità di essere colpita dall’espansione del magma caldo, che spinge il terreno verso l’alto. Pensano che il centro “affondante” della faglia Taupō e che il cedimento all’estremità meridionale del lago sia probabilmente dovuto al raffreddamento del magma profondo (e quindi al suo restringimento), all’estensione tettonica di una spaccatura, o entrambi.

Illsley-Kemp ha regolarmente assicurato che anche se il supervulcano è in uno stato di agitazione, non ci sono prove che erutterà presto.

Tuttavia, il supervulcano Taupō molto probabilmente esploderà a un certo punto nel corso dei prossimi migliaia di anni, quindi è importante monitorare e comprendere questi periodi di agitazione in modo da poter identificare rapidamente eventuali segni che potrebbero indicare un’imminente eruzione“, ha detto al New York Times Zealand Herald in un articolo del 2021.

In definitiva, questa ricerca riguarda più la comprensione del normale “comportamento” della caldera e cosa cercare quando le cose si fanno più accese.

2