16.5 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeTecnologiaPerché il Bluetooth rimane una tecnologia inaffidabile dopo due decenni

Perché il Bluetooth rimane una tecnologia inaffidabile dopo due decenni

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nei due decenni trascorsi da quando è stato incluso per la prima volta nei prodotti disponibili al pubblico, il Bluetooth è diventato così diffuso che un’intera generazione di consumatori potrebbe non essere in grado di ricordare un momento senza di esso.

ABI Research stima che 5 miliardi di dispositivi abilitati per questa verranno spediti ai consumatori quest’anno, con una cifra che dovrebbe salire a 7 miliardi entro il 2026. Il Bluetooth è ora presente in tutto, dagli smartphone ai frigoriferi alle lampadine, consentendo a un numero crescente di prodotti di connettersi a l’un l’altro senza soluzione di continuità.
Nonostante la sua pervasività, la tecnologia Bluetooth è ancora soggetta a problemi che inducono mal di testa, che si tratti della lotta per configurare un nuovo dispositivo con cui connettersi, cambiare le cuffie tra i dispositivi o semplicemente essere troppo fuori portata per connettersi.
Ho una relazione molto amore-odio con Bluetooth“, afferma Chris Harrison, professore di interazione uomo-computer presso la Carnegie Melon University. “Perché quando funziona, è fantastico, e quando non funziona, vuoi strapparti i capelli. La promessa era di renderlo il più semplice e senza interruzioni possibile”, dice “È una tecnologia che non è mai maturata, sfortunatamente.”
Le ragioni di ciò risalgono alle fondamenta stesse di questa tecnologia relativamente a basso costo.

L’ascesa del Bluetooth

Si dice che il Bluetooth prenda il nome da un re scandinavo del IX secolo, Harald “Bluetooth” Gormsson, noto per il suo dente morto grigio-bluastro e anche per aver unito Danimarca e Norvegia nel 958 d.C. I primi programmatori hanno adottato “Bluetooth” come nome in codice per la loro tecnologia wireless che collega i dispositivi locali e questo nome alla fine si è affermato.
Questa tecnologia è stata differenziata dal Wi-Fi per essere “intrinsecamente a corto raggio“, spiega Harrison. È ancora vero oggi che le opzioni di questa tecnologia a cui molti consumatori sono abituati nei loro telefoni e altoparlanti portatili funzionano a una potenza inferiore e possono connettersi solo a distanze limitate.
I segnali Bluetooth viaggiano su onde radio senza licenza, che sono effettivamente aperte al pubblico per l’uso da parte di chiunque, al contrario delle onde radio privatizzate controllate dalle società telefoniche. Ciò potrebbe aver facilitato il suo sviluppo e una più ampia adozione, ma ha avuto un costo.
Il Bluetooth deve condividere e competere con una sfilza di altri prodotti che utilizzano bande di spettro senza licenza, come i baby monitor, i telecomandi TV e altro ancora. Ciò può generare interferenze che possono compromettere l’efficacia del Bluetooth.
Harrison cita altri motivi per cui può essere “insolitamente doloroso“, compresi i problemi di sicurezza informatica che possono sorgere durante la trasmissione di dati in modalità wireless.
Ad esempio, se installi un altoparlante Bluetooth nel tuo condominio, non vorresti che chiunque si trovasse in un raggio di 18 metri possa connettersi ad esso. Ma i produttori non hanno mai optato per un processo di “modalità di scoperta” senza interruzioni, afferma Harrison.
A volte il dispositivo si avvia automaticamente e si trova in questa modalità ‘Sono pronto per l’associazione’“, aggiunge. “A volte devi fare clic su una specie di sequenza aliena per portare il dispositivo in questa particolare modalità“.
Inoltre, diverse agenzie governative statunitensi hanno avvisato i consumatori che l’utilizzo del Bluetooth rischia di rendere i loro dispositivi più vulnerabili ai rischi per la sicurezza informatica. La Federal Communications Commission ha avvertito che, come per le connessioni Wi-Fi, “il Bluetooth può mettere a rischio i tuoi dati personali se non stai attento“.
Si dice che almeno un funzionario governativo di alto profilo sia scettico su questa tecnologia: il vicepresidente Kamala Harris. Nel video molto seguito della Harris che si congratula con il presidente eletto Joe Biden dopo le elezioni (“Ce l’abbiamo fatta, Joe!“), la si può vedere con in mano un ciuffo di cuffie cablate. Secondo Politico, Harris “sente da tempo che le cuffie Bluetooth siano un rischio per la sicurezza“.
Ma le aziende e i consumatori continuano ad abbracciare il Bluetooth. Apple, forse la più importante, ha abbandonato le tradizionali porte per cuffie e ha introdotto i suoi popolari auricolari wireless abilitati Bluetooth, gli AirPods. Da allora altre società tecnologiche hanno lanciato prodotti simili.
Alcuni audiofili irriducibili, il tipo di persone “che si lamentano del fatto che Spotify non sia abbastanza di alta qualità“, come dice Harrison, rifiutano di abbracciare il mondo delle cuffie Bluetooth per motivi di qualità del suono.
Nonostante i suoi difetti, Harrison non vede diminuire la domanda di Bluetooth e ammette che lui stesso lo usa senza problemi, circa “il 70% delle volte“.
Il Bluetooth non ha ancora visto il suo apice“, afferma Harrison, prevedendo che l’adozione diffusa dell’Internet delle cose, o dispositivi intelligenti, lavorando insieme a distanza ravvicinata non farà che aumentare la sua crescita. “Sarà il collante per collegare tutto insieme“.

Articoli più letti