Neanderthal: grazie a lui sei mattiniero

Un nuovo studio ha ipotizzato che l'abitudine di essere mattinieri deriva dal DNA dei Neanderthal

0
7304
Come ha influenzato l'uomo di Nenderthal la cultura dell'Europa occidentale? Manufatti in pietra

La facilità nello svegliarsi la mattina presto è un dono che deriva dai nostri più remoti antenati: stiamo parlando dei Neanderthal. Ad asserirlo è una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Genome Biology and Evolution.

Come ha influenzato l'uomo di Nenderthal la cultura dell'Europa occidentale?

Uomo di Neanderthal: cosa dice la ricerca?

I Neanderthal sono i nostri antenati più vicini. Nonostante le loro caratteristiche fisiologiche siano molto lontane dalle nostre, i loro cervelli erano grandi quanto i nostri e spesso più grandi, proporzionali ai loro corpi più muscolosi.

I Neanderthal producevano e utilizzavano una serie diversificata di strumenti sofisticati, controllavano il fuoco, vivevano in rifugi, fabbricavano e indossavano abiti, erano abili cacciatori di grandi animali e mangiavano anche cibi vegetali e occasionalmente creavano oggetti simbolici o ornamentali.

Ci sono prove che i Neanderthal seppellissero deliberatamente i loro morti e occasionalmente addirittura contrassegnassero le loro tombe con offerte, come fiori. Nessun altro primate, e nessuna specie umana precedente, aveva mai praticato un comportamento così sofisticato e simbolico.



Il DNA è stato recuperato da più di una dozzina di fossili di Neanderthal, tutti provenienti dall’Europa. Il Progetto Genoma di Neanderthal è una delle nuove entusiasmanti aree della ricerca sulle origini umane.

Neanderthal 1 fu il primo esemplare ad essere riconosciuto come uno dei primi fossili umani. Quando fu scoperto nel 1856 in Germania, gli scienziati non avevano mai visto un esemplare simile: il cranio di forma ovale con la fronte bassa e sfuggente e le arcate sopracciliari distinte, le ossa spesse e forti.

Perché alcune persone hanno più DNA di Neanderthal rispetto ad altre?

Nel 1864 divenne la prima specie di ominine fossile a ricevere un nome. Il geologo William King ha suggerito il nome Homo neanderthalensis, dopo aver rinvenuto questi fossili nella grotta Feldhofer della valle di Neander in Germania.

Diversi anni dopo la scoperta di Neanderthal 1, gli scienziati si resero conto che anche i fossili precedentemente scoperti, nel 1829 a Engis, in Belgio, e nel 1848 a Forbes Quarry, in Gibilterra, erano dello stesso ceppo.

Sono state ritrovate ulteriori evidenze che i Neanderthal fossero cacciatori stagionali specializzati. Gli scienziati posseggono evidenze inconfutabili dell’abilità nella caccia dei nostri antenati grazie alla scoperta di lance di legno affilate e di un gran numero di resti di selvaggina di grossa taglia.

Altre informazioni provenienti dalla Gibilterra hanno rivelato che quando i nostri antenati vivevano nelle zone costiere, erano capaci di procurarsi di risorse marine come molluschi, foche, delfini e pesci. Le analisi chimiche isotopiche delle ossa di Neanderthal raccontano che la dieta media dei Neanderthal consisteva in molta carne. Sono state rinvenute placche sui resti di denti molari contenenti granuli di amido: una prova concreta che i Neanderthal integravano l’alimentazione con prodotti di origine vegetale.

Soggetti mattinieri hanno DNA Neanderthal: ecco cosa dice la scienza

Quando i primi esseri umani migrarono dall’Africa all’Eurasia circa 70.000 anni fa, alcuni di loro si accoppiarono con i Neanderthal, che si erano già adattati alle temperature più fredde. Gli effetti a catena di questi incroci esistono ancora oggi: gli esseri umani moderni di origine non africana hanno tra 1 e 4% di DNA dei Neanderthal.

Abbiamo il DNA di altri ominidi, come i Neanderthal

Parte di quel DNA è correlato al sonno, più specificamente all’orologio biologico interno noto come ritmo circadiano. Per il nuovo studio, i ricercatori hanno confrontato il DNA degli esseri umani di oggi e il DNA dei fossili di Neanderthal. In entrambi i gruppi, hanno trovato alcune delle stesse varianti genetiche coinvolte nel ritmo circadiano, e hanno scoperto che anche gli esseri umani moderni portatori di queste varianti hanno riferito di essere mattinieri.

Per i Neanderthal, essere “persone mattiniere” potrebbe non essere stato un vero vantaggio. Invece, secondo gli scienziati, il DNA dei Neanderthal ha fornito orologi biologici interni più veloci e flessibili, che hanno permesso loro di adattarsi più facilmente ai cambiamenti annuali della luce del giorno.

In generale, sembra che essere dotati di un orologio che corre più velocemente porti gli esseri umani ad alzarsi prima e ad adattarsi più facilmente alle variazioni stagionali“, ha spiegato il coautore dello studio John Capra, genetista evoluzionista e computazionale dell’Università della California a San Francisco.

Quando i primi esseri umani si sono spostati dal nord dell’Africa, è possibile che abbiano sperimentato per la prima volta ore di luce diurne variabili: giornate più brevi in inverno e giornate più lunghe in estate. I geni del ritmo circadiano dei Neanderthal probabilmente hanno aiutato la prole dei primi esseri umani ad adattarsi a questo nuovo ambiente.

Quando gli esseri umani si sono evoluti nell’Africa tropicale, la durata del giorno era in media di 12 ore“, ha aggiunto Maslin: “I cacciatori-raccoglitori trascorrono solo il 30% del loro tempo da svegli a raccogliere cibo, quindi 12 ore sono un lasso di tempo importante. Ma più si va a nord, più le giornate diventano sempre più brevi in inverno, quando il cibo è particolarmente scarso, quindi è logico che i Neanderthal e gli esseri umani inizino a raccogliere cibo non appena c’è luce con cui lavorare.”

In particolare, i risultati dello studio non dimostrano che i geni dei Neanderthal siano responsabili delle abitudini di sonno di tutti i mattinieri. Molti fattori diversi oltre alla genetica possono contribuire al risveglio delle persone, comprese le influenze sociali e ambientali.

Gli esseri umani moderni e i Neanderthal potrebbero aver condiviso le conoscenze

Lo studio ha incluso solo il DNA di persone che vivono nel Regno Unito: il flusso di informazioni è stato preso da un database chiamato U.K. Biobanca, quindi i risultati potrebbero non applicarsi necessariamente a tutti gli esseri umani contemporanei. In futuro il gruppo di ricerca spera di studiare altri database genetici per vedere se lo stesso collegamento vale per persone di altre origini.

Se i risultati si applicassero in modo più ampio, un giorno questi studi potrebbero essere utili per migliorare il sonno nel mondo contemporaneo.

I modelli di sonno e veglia non sono gli unici tratti che possono essere fatti risalire ai Neanderthal. La loro genetica può anche avere un ruolo nel colore dei capelli, nel tono della pelle, nella salute mentale, nel peso e persino in alcuni comportamenti, come il fumo. Il DNA dell’uomo di Neanderthal è stato collegato anche a una serie di malattie umane, tra cui le malattie cardiache.

2