Morbo di Alzheimer: sembra provenga dalla malattia gengivale

Diversi studi stanno battendo la pista delle infezioni come causa scatenante del morbo di Alzheimer. In particolare, una nuova ricerca ha esplorato la possibilità che la malattia provenga da patologie gengivali

0
484
Morbo di Alzheimer: proviene dalla malattie gengivali
Morbo di Alzheimer: proviene dalla malattie gengivali

L’approccio allo studio e alla ricerca di terapie efficienti nel trattamento del morbo di Alzheimer ha portato gli scienziati a nuove e significative rivelazioni: un numero crescente di studi scientifici ha sostenuto l’ipotesi allarmante che non si tratti solo di una malattia, ma di un’infezione.

Morbo di Alzheimer

Morbo di Alzheimer: si tratta di un’infezione?

Stavo cercando un approccio terapeutico per l’Alzheimer che avesse una ragionevole possibilità di funzionare“, ha dichiarato Davangere Devanand, neurologo del Columbia University Medical Center: “Ho trovato questa vecchia teoria, risalente a 35 anni fa, che collegava i virus dell’herpes alla malattia, e c’erano tutte queste prove indirette”.

Dalla metà degli anni ’80, un numero esiguo di scienziati in tutto il mondo ha perseguito ostinatamente l’idea che un virus o un batterio potessero avere un ruolo nel morbo di Alzheimer, nonostante la quasi totale avversione da parte di coloro che invece hanno continuato a studiare le teorie ritenute più accreditate.

I colleghi li hanno snobbati, le principali riviste e conferenze scientifiche hanno rifiutato il loro lavoro e i finanziamenti si sono dimostrati scarsi, ma lentamente e inesorabilmente gli scienziati che hanno voluto esplorare un’altra strada hanno portato avanti una tesi sempre più convincente.



In particolare, le prove hanno indicato il virus dell’herpes simplex 1 (HSV-1), un agente patogeno presente nel 70% della popolazione del Regno Unito, e la causa dell’herpes orale come uno dei principali sospettati.

Studi nel Regno Unito, Francia e La Scandinavia hanno rivelato che le persone che erano state infettate dall’herpes hanno maggiori probabilità di contrarre il morbo di Alzheimer.

Quando la professoressa Ruth Itzhaki dell’Institute of Population Aging dell’Università di Oxford, che ha fatto più di ogni altro scienziato per far avanzare la teoria dell’HSV-1 sull’Alzheimer, ha esaminato campioni cerebrali post-mortem nei pazienti, ha trovato quantità maggiori di DNA del virus rispetto alle persone che non erano morte a causa della malattia.

Poi c’è stato uno studio del 2018 condotto da Taiwan, che è stato piuttosto drammatico“, ha spiegato Devanand: “Quando le persone affette da herpes venivano trattate con un farmaco antivirale standard, il rischio di demenza diminuiva di nove volte”.

Morbo di Alzheimer

Devanand si è incuriosito perché, sebbene le principali caratteristiche del morbo di Alzheimer siano ben note, abbiamo ancora poca idea di ciò che lo scatena. Sappiamo che all’interno del cervello si formano placche e grovigli tossici, che causano infiammazioni dannose e la morte delle cellule cerebrali.

Alcuni geni e fattori legati allo stile di vita come la solitudine, la mancanza di esercizio fisico e una dieta povera possono tutti aumentare il rischio di sviluppare l’Alzheimer, ma come e perché inizia rimane un mistero. Potrebbe un virus essere la causa scatenante che gli scienziati stanno cercando?

Altri hanno suggerito che anche vari batteri potrebbero essere in grado di avviare la neurodegenerazione che porta al morbo di Alzheimer: la chlamydia pneumoniae, che causa malattie polmonari, Borrelia burgdorferi, che è associato alla malattia di Lyme e persino le infezioni gengivali sono state indicate come possibili fattori scatenanti.

L’idea principale sul perché virus come l’HSV-1 e forse i batteri possano essere in grado di scatenare il morbo di Alzheimer è che invadono il corpo prima di penetrare nel sistema nervoso centrale e di raggiungere il cervello in un momento della mezza età.

Una volta lì, rimangono inattivi per molti anni prima di riattivarsi in età avanzata, sia perché il sistema immunitario che invecchia non riesce più a tenerli sotto controllo, sia perché qualcos’altro, un episodio traumatico, un trauma cranico o forse un’altra infezione, li spinge alla proliferazione. Una volta risvegliati, così dice la teoria, iniziano a provocare il caos.

Per molto tempo, i neurologi hanno considerato queste informazioni solo come ipotesi, finché non sono emerse prove sempre più inconfutabili del ruolo degli agenti patogeni nelle malattie croniche. L’anno scorso, il virus Epstein-Barr è stato identificato come il principale fattore di rischio per la sclerosi multipla, mentre altri studi hanno dimostrato che un attacco di morbillo può portare molti anni dopo a un disturbo neurologico progressivo chiamato panencefalite sclerosante subacuta.

Così, quando Devanand si è rivolto al National Institute on Aging degli Stati Uniti per una sovvenzione di diversi milioni di dollari per condurre uno studio clinico per indagare se un antivirale per l’herpes, un farmaco chiamato valaciclovir, potesse rallentare la progressione del morbo di Alzheimer nei pazienti nelle fasi iniziali della malattia, hanno deciso di sostenerlo.

La sperimentazione in corso, che dovrebbe essere completata entro l’inizio del 2024, potrebbe avere implicazioni significative sul modo in cui guardiamo alla malattia.

Morbo di Alzheimer: la causa potrebbe provenire dalla bocca?

Sebbene gli esatti meccanismi di questa infezione siano qualcosa che i ricercatori stanno ancora cercando di isolare, numerosi studi suggeriscono che la diffusione mortale del morbo di Alzheimer va ben oltre ciò che eravamo soliti pensare.

Morbo di Alzheimer

Uno di questi studi, pubblicato nel 2019, ha osservato quella che potrebbe essere una delle piste più definitive finora per individuare un batterio responsabile dell’Alzheimer, e proviene da un settore alquanto inaspettato: le malattie gengivali.

In un articolo sviluppato dall’autore senior Jan Potempa, un microbiologo dell’Università di Louisville, i ricercatori hanno riportato la scoperta di Porphyromonas gingivalis, l’agente patogeno dietro la parodontite cronica (detta anche malattia gengivale) nel cervello dei pazienti deceduti con il morbo di Alzheimer.

Non è stata la prima volta che due fattori sono stati collegati, ma i ricercatori sono andati oltre. In esperimenti separati con topi, l’infezione orale con l’agente patogeno ha portato alla colonizzazione del cervello da parte dei batteri, insieme ad un aumento della produzione di beta amiloide (Aβ), le proteine comunemente associate al morbo di Alzheimer.

Il gruppo di ricerca, coordinato dalla startup farmaceutica Cortexyme, co-fondata dal primo autore Stephen Dominy, non ha affermato di aver scoperto prove definitive della causa dell’Alzheimer, ma è stato chiaro che ci fosse un presupposto interessante sul quale indagare.

Gli agenti infettivi sono già stati implicati nello sviluppo e nella progressione del morbo di Alzheimer, ma l’evidenza della causalità non è stata convincente,” ha dichiarato Dominiy: “Ora, per la prima volta, abbiamo prove concrete che collegano il patogeno intracellulare Gram-negativo, P. gingivalis e la patogenesi dell’Alzheimer.”

Inoltre, il team ha identificato enzimi tossici chiamati gingipains secreti dai batteri nel cervello dei pazienti con morbo di Alzheimer, che sono stati correlati a due marcatori separati della malattia: la proteina tau e un tag proteico chiamato ubiquitina.

In modo ancora più convincente, il team ha identificato questi gingipain tossici nel cervello di persone decedute a cui non era mai stato diagnosticato l’Alzheimer. Questo fattore è importante, perché mentre P. gingivalis e la malattia sono stati collegati in precedenza, non si è mai saputo se le malattie gengivali causano il morbo di Alzheimer o se la demenza porta a una scarsa igiene orale.

Morbo di Alzheimer

Il fatto che bassi livelli di gingipain fossero evidenti anche in persone a cui non era mai stato diagnosticato l’Alzheimer potrebbe essere una prova evidente, suggerendo che avrebbero potuto sviluppare la condizione se fossero vissuti più a lungo.

La nostra identificazione degli antigeni gingipain nel cervello di individui con AD e anche con patologia AD, ma nessuna diagnosi di demenza, suggerisce che l’infezione cerebrale da P. gingivalis non è il risultato di cure odontoiatriche inadeguate a seguito dell’insorgenza della demenza o una conseguenza di una malattia in stadio avanzato, ma è un evento precoce che può spiegare la patologia riscontrata in individui di mezza età prima dello stadio cognitivo declino“, hanno spiegato gli autori della ricerca.

Inoltre, un composto formulato dall’azienda denominato COR388, ha dimostrato in esperimenti con topi di poter ridurre la carica batterica di un determinato P. gingivalis infezione cerebrale, riducendo anche la produzione di beta-amiloide e la neuroinfiammazione.

Dovremo aspettare e vedere cosa scopriranno le ricerche future su questo collegamento, ma la comunità di ricerca è cautamente ottimista.

I farmaci che prendono di mira le proteine tossiche dei batteri hanno finora mostrato benefici solo nei topi, ma senza nuovi trattamenti per la demenza da oltre 15 anni è importante testare quanti più approcci possibili per affrontare malattie come il morbo di Alzheimer,” ha concluso il direttore scientifico David Reynolds dell’Alzheimer’s Research.

2