I corridori professionisti vivono anni più a lungo della persona media

Correre 10 ore a settimana per più di 120 km è sicuramente un esercizio estremo. Eppure, lungi dallo spingere il corpo oltre i suoi limiti, un nuovo studio suggerisce che alcuni corridori professionisti stanno aggiungendo anni alla loro vita con routine così impegnativa

2
127
I corridori professionisti vivono anni più a lungo della persona media

Correre 10 ore a settimana per più di 120 km è sicuramente un esercizio estremo. Eppure, lungi dallo spingere il corpo oltre i suoi limiti, un nuovo studio suggerisce che alcuni corridori professionisti stanno aggiungendo anni alla loro vita con routine così impegnativa.

Corridori professionisti

La vita media dei corridori professionisti

Lo studio ha incluso i dati sulla salute delle prime 200 persone che hanno corso 1,6 km circa in meno di 4 minuti negli anni ’50, ’60 e ’70. Secondo un team di ricercatori provenienti da Canada e Australia, questi corridori professionisti hanno vissuto, in media, quasi 5 anni in più rispetto alla popolazione generale.

Corridori professionisti

I risultati contraddicono l’idea secondo cui un eccessivo esercizio fisico ha effetti negativi sulla salute a lungo termine. Spingere il corpo umano al massimo potrebbe effettivamente essere utile, almeno per alcuni.



Sebbene numerosi studi epidemiologici suggeriscano che gli individui fisicamente attivi vivono più a lungo degli individui inattivi, non è ancora chiaro se l’attività fisica superiore a quella raccomandata sia positiva o negativa per la salute.

L’esercizio fisico intenso è sempre salutare?

Alcuni scienziati hanno dichiarato che lo stile di vita dei corridori professionisti che prendono parte a maratone, ciclismo di resistenza o triathlon potrebbe sottoporre i loro cuori a uno stress eccessivo, esponendoli a un rischio maggiore di morte prematura. Mentre un esercizio fisico intenso però può certamente mettere gli individui sedentari a rischio di problemi di salute, forse i risultati sono diversi per gli atleti esperti.

Nel 2022, uno studio di Harvard ha scoperto che le persone che fanno più esercizio fisico di quanto raccomandato potrebbero ridurre il rischio di morte del 30% – 10% in più rispetto a coloro che rispettano le linee guida sull’attività.

In effetti, scrivono il cardiologo Stephen Foulkes dell’Università di Alberta e i suoi colleghi, gli studi epidemiologici sui ciclisti del Tour de France, sugli atleti olimpici corridori professionisti e sui rematori hanno mostrato un aumento della durata della vita rispetto alla popolazione generale.

I ricercatori hanno dimostrato che questo schema vale anche per i corridori professionisti più veloci. Gli atleti che riescono a superare 1.6 km in meno di 4 minuti sono una popolazione unica, nota per spingere al massimo il proprio sistema respiratorio, cardiovascolare, metabolico e muscolo-scheletrico.

Corridori professionisti

Per raggiungere questo livello di velocità, i corridori professionisti partecipano regolarmente a periodi di attività fisica ad alta intensità durante la settimana. Nel 2018, i cardiologi hanno scoperto che i primi 20 corridori professionisti che hanno percorso 1.6 km in meno di 4 minuti vivevano, in media, 12 anni oltre l’aspettativa di vita generale.

Il nuovo studio ha valutato una coorte più ampia nell’arco di tre decenni. È interessante notare che i corridori professionisti che hanno completato 1.6 km miglio in meno di 4 minuti negli anni ’60 hanno avuto un’aspettativa di vita maggiore rispetto ai corridori che sono riusciti a raggiungere l’impresa nei decenni successivi.

Questo potrebbe riflettere un miglioramento dell’aspettativa di vita della popolazione generale“, hanno spiegato gli autori , così come la: “Gestione di diverse importanti malattie trasmissibili e non trasmissibili”.

Conclusioni

In altre parole, non tutti i benefici in termini di aspettativa di vita riscontrati nei corridori professionisti potrebbero essere dovuti esclusivamente al loro stile di vita. È possibile, ad esempio, che gli atleti possiedano geni favorevoli in percentuali più elevate rispetto alla popolazione generale. Nel gruppo di corridori di 321,869 km, i ricercatori hanno contato 20 gruppi di fratelli e diverse coppie padre e figlio.

Anche se non siamo riusciti a determinare la causa della morte per la maggior parte dei corridori professionisti, gli studi che hanno riguardato i ciclisti del Tour de France e le coorti di olimpionici, che hanno incluso corridori di media e lunga distanza, hanno indicato che gli effetti sulla longevità sono principalmente mediati dalla diminuzione dei tassi di malattie cardiovascolari e di cancro“, hanno aggiunto Foulkes e colleghi.

Corridori professionisti

Il risultato della loro analisi, ha concluso il team: “Ribadisce i benefici dell’esercizio fisico sulla durata della vita, anche ai livelli di allenamento richiesti per prestazioni professionali”.

Lo studio è stato pubblicato sul British Journal of Sports Medicine.

 

2