Meta: taglio di prezzi per i VR

Meta sta tagliando i prezzi per i suoi visori VR: la riduzione di prezzo entrerà in vigore in almeno una dozzina di paesi.

0
383
Meta: taglio di prezzi per i VR
Meta: taglio di prezzi per i VR

Meta sta tagliando i prezzi dei suoi visori VR. La riduzione di prezzo entrerà in vigore in almeno una dozzina di paesi, tra cui gli USA, a partire dal prossimo 5 marzo.

Intanto l’azienda continua a cercare di aumentare l’adozione della nascente tecnologia su cui ha scommesso il suo futuro. La società ha annunciato lo scorso 3 marzo il taglio di prezzo del suo visore Meta Quest Pro di fascia alta di circa 500 dollari, portando il suo costo a 999 dollari, circa sei mesi dopo il suo rilascio.

Meta sta anche abbassando il prezzo delle sue cuffie Quest 2 da  499,99 a 429,99 dollari. Per la precisione  il calo di prezzo di Quest Pro entrerà in vigore lo stesso giorno negli Stati Uniti e in Canada e il 15 marzo in tutti gli altri paesi in cui è venduto.

Meta: “Vogliamo creare un hardware accessibile a più persone”

Meta ha affermato in un post sul suo blog ufficiale: “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare hardware accessibile a quante più persone possibile per sfruttare tutto ciò che la realtà virtuale ha da offrire”. Facebook è stato rinominato Meta alla fine del 2021 poiché delineava una visione audace per costruire una versione futura e immersiva di Internet chiamata “metaverso”, alimentata dalla tecnologia VR. Ma più di un anno dopo, le sue ambizioni “metaverse” sembrano ancora lontane.

L’auricolare Quest 2 è popolare nella sua categoria, ma nel complesso rimane un prodotto di nicchia. Il Quest Pro è stato lanciato con un prezzo elevato destinato ai clienti aziendali, un costo troppo esagerato per i consumatori di tutti i giorni. Da menzionare anche un altro progetto pretenzioso di Meta,  l’app di punta per la realtà virtuale sociale denominata Horizon Worlds, un videogioco, ma allo stesso tempo un vero e proprio universo virtuale in cui giocare e conoscere nuove persone.



Le perdite della società

Meta ha perso 13,7 miliardi di dollari l’anno scorso nella sua unità “Reality Labs”, che ospita i suoi sforzi per la realtà virtuale e il metaverso. La società ha affermato che le entrate di Reality Labs sono diminuite del 17% nel quarto trimestre rispetto all’anno precedente a causa delle minori vendite delle cuffie Quest 2.

Queste perdite potrebbero essere più difficili da sopportare per Meta in un momento in cui l’azienda sta tagliando migliaia di posti di lavoro e si sta concentrando sul rendere il 2023 un “anno di efficienza”. Ma nel post sul blog di venerdì, Meta ha affermato di essere “impegnata a costruire un mercato VR di successo in cui sviluppatori, aziende e creatori possano prosperare”. Meta ha aggiunto: “La realtà virtuale è una potente piattaforma social e una tecnologia creativa, e più persone vi hanno accesso, meglio è”. 

Licenziamenti in arrivo

La società madre di Facebook, Meta, ha dichiarato lo scorso 1° marzo l’intenzione di licenziare 11.000 dipendenti, segnando i tagli di posti di lavoro più significativi nella storia del gigante tecnologico. I licenziamenti arrivano mentre Meta affronta una serie di sfide per il suo core business e fa una scommessa incerta e costosa sul passaggio al metaverso. Arriva anche nel mezzo di un’ondata di licenziamenti in altre aziende tecnologiche negli ultimi mesi, poiché il settore ad alta quota reagisce all’elevata inflazione, all’aumento dei tassi di interesse e ai timori di una recessione incombente.

Il CEO Mark Zuckerberg ha scritto in un post sul blog indirizzato ai dipendenti: “Oggi sto condividendo alcuni dei cambiamenti più difficili che abbiamo apportato nella storia di Meta. Ho deciso di ridurre le dimensioni del nostro team di circa il 13% e lasciare andare più di 11.000 dei nostri talentuosi dipendenti. Stiamo inoltre adottando una serie di misure aggiuntive per diventare un’azienda più snella ed efficiente, tagliando le spese discrezionali ed estendendo il blocco delle assunzioni fino al primo trimestre. Voglio assumermi la responsabilità di queste decisioni e di come siamo arrivati ​​qui. So che è dura per tutti e sono particolarmente dispiaciuto per coloro che ne sono stati colpiti“.

FONTI: Meta

2