Le barriere coralline sono quasi il 25% più grandi di quanto pensassimo

Grazie alle nuove tecnologie è stato possibile individuare in tutto il mondo la reale vastità delle barriere coralline

2
81
barriere coralline

Le barriere coralline del mondo sono quasi il 25% più grandi di quanto pensassimo. Utilizzando immagini satellitari, apprendimento automatico e conoscenze sul campo provenienti da una rete globale di persone che vivono e lavorano sulle barriere coralline, abbiamo scoperto altri 64.000 chilometri quadrati di barriere coralline, un’area grande quanto l’Irlanda.

barriere coralline

Barriere coralline: scoperta un’area grande 64.000 chilometri quadrati

Questo porta la dimensione totale delle barriere coralline poco profonde del pianeta (ovvero 0-20 metri di profondità) a 348.000 chilometri quadrati, la dimensione della Germania. Questa figura rappresenta interi ecosistemi della barriera corallina, che vanno dalle lagune dal fondo sabbioso con un piccolo corallo, alle distese di macerie coralline, alle pareti viventi di corallo.

All’interno di questi 348.000 km² di corallo ci sono 80.000 km² dove c’è un fondo solido: rocce anziché sabbia. È probabile che queste aree ospitino quantità significative di coralli e siano i luoghi che gli snorkelisti e i subacquei preferiscono visitare.

In precedenza, è stato possibile ricavare dati da molte fonti diverse, il che ha reso più difficile definire con certezza l’estensione delle barriere coralline. Ma ora sono disponibili dati satellitari ad alta risoluzione che coprono il mondo intero e siamo in grado di vedere la barriera corallina profonda fino a 30 metri.



barriere coralline

Queste nuove tecnologie sono state affiancate alle osservazioni dirette e alle registrazioni delle barriere coralline di oltre 400 studiosi e organizzazioni in paesi di tutte le regioni, come le Maldive, Cuba e l’Australia.

Per produrre le mappe, abbiamo utilizzato tecniche di apprendimento automatico per analizzare 100 trilioni di pixel dei satelliti Sentinel-2 e Planet Dove CubeSat per fare previsioni accurate su dove si trova il corallo e dove non lo è. Il team ha lavorato con quasi 500 ricercatori e collaboratori per realizzare le mappe.

Il risultato: la prima mappa completa al mondo dell’estensione delle barriere coralline e della loro composizione, prodotta attraverso l’ Allen Coral Atlas. Le mappe stanno già dimostrando il loro valore. Le agenzie di gestione delle barriere coralline di tutto il mondo le utilizzano per pianificare e valutare il lavoro di conservazione.

L’importanza di mappare le barriere coralline

Le mappe hanno tre livelli di dettaglio: Il primo è il più vasto, l’intero ecosistema della barriera corallina. Visto dallo spazio, presenta aree chiare di corallo circondate da acque più scure e profonde.Ci sono poi i dettagli geomorfici, ovvero come appaiono le aree all’interno della barriera corallina.

Questo include lagune sabbiose, creste di barriere coralline esposte all’aria durante la bassa marea, aree in pendenza che si addentrano in acque più profonde e così via. Infine, i dettagli precisi dei substrati bentonici, che mostrano dove ci sono aree dominate dalla copertura corallina.

Il corallo non può crescere sulla sabbia. I polipi devono attaccarsi a una superficie dura come la roccia prima di poter iniziare ad espandere la barriera corallina dai loro corpi che secernono calcare. Alcune delle mappe includono dettagli precisi dei substrati bentonici, ovvero dove è più probabile che si trovi il corallo e i substrati (fondale marino) a disposizione dei polipi, come coralli esistenti, sabbia, macerie o alghe.

È un momento cruciale per le barriere coralline del mondo: stiamo scoprendo l’intera estensione della copertura corallina in acque poco profonde, mentre altri ricercatori stanno individuando nuove grandi coperture nere in acque più profonde.

barriere coralline

Purtroppo però, proprio mentre facciamo queste scoperte, le barriere coralline vacillano. Il cambiamento climatico sta riscaldando costantemente il mare e rendendolo più acido. I polipi dei coralli non sopportano troppo calore e queste meraviglie della biodiversità ospitano un quarto delle specie oceaniche.

La buona notizia è che queste mappe stanno già portando a un cambiamento reale nel mondo. Abbiamo già assistito a nuovi lavori per conservare la copertura corallina in Indonesia, in diverse nazioni insulari del Pacifico, a Panama, Belize, Kenya e Australia, tra gli altri.

2