Le armi a microonde

Un comitato di 19 esperti in medicina e in altri campi ha concluso che l'energia a radiofrequenza pulsata e diretta è il "meccanismo più plausibile" per spiegare la malattia, chiamata sindrome di Havana

2410

Secondo un rapporto pubblicato dalle Accademie Nazionali, negli ultimi quattro anni un misterioso disturbo che ha afflitto il personale dell’ambasciata degli Stati Uniti e gli ufficiali della CIA a Cuba, Cina, Russia e altri paesi sembra essere stato causato da fasci di microonde ad alta potenza.
Un comitato di 19 esperti in medicina e in altri campi ha concluso che l’energia a radiofrequenza pulsata e diretta è il “meccanismo più plausibile” per spiegare la malattia, chiamata sindrome di Havana.
Il rapporto non chiarisce chi ha preso di mira le ambasciate o perché lo abbia fatto. Ma la tecnologia alla base delle sospette armi è ben compresa e risale alla Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Le armi a microonde ad alta potenza sono generalmente progettate per disabilitare le apparecchiature elettroniche. Ma come mostrano i rapporti sulla sindrome dell’Avana, questi impulsi di energia possono danneggiare gli esseri umani.
Edl Schamiloglu in qualità di ingegnere elettrico e informatico che progetta e costruisce fonti di microonde ad alta potenza, ha trascorso decenni a studiare la fisica delle microonde, lavorando con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Le armi a microonde, alimentate da una fonte che può essere una presa a muro in un laboratorio o il motore di un veicolo militare, producono energia elettromagnetica irradiata e la focalizzata su un bersaglio. Le microonde dirette ad alta potenza danneggiano le apparecchiature, in particolare l’elettronica, senza uccidere le persone vicine.
Due buoni esempi sono il Boeing Counter-electronics High-powered Microwave Advanced Missile Project (CHAMP), che è una sorgente di microonde ad alta potenza montata in un missile, e il Tactical High-power Operational Responder (THOR), che è stato recentemente sviluppato dall’Air Force Research Laboratory per mettere fuori combattimento sciami di droni.
Questi dispositivi a microonde a energia diretta sono apparsi alla fine degli anni ’60 negli Stati Uniti e nell’Unione Sovietica. Sono stati abilitati dallo sviluppo della potenza pulsata negli anni ’60. La potenza pulsata genera brevi impulsi elettrici che hanno una potenza elettrica molto elevata, il che significa sia alta tensione, fino a pochi megavolt, sia grandi correnti elettriche, decine di kiloamp.
I fisici del plasma, all’epoca, si resero conto che se si potesse generare un fascio di elettroni da 1 megavolt con una corrente di 10 kiloamp, il risultato sarebbe una potenza del fascio di 10 miliardi di watt, o gigawatt. La conversione del 10% della potenza del raggio in microonde utilizzando la tecnologia standard del tubo a microonde, che risale agli anni ’40, genera 1 gigawatt di microonde. Per fare un confronto, la potenza di uscita dei tipici forni a microonde di oggi è di circa mille watt, un milione di volte inferiore.
Quando l’Unione Sovietica è crollata nel 1991, Schamiloglu e altri scienziati americani hanno avuto accesso agli acceleratori russi a potenza pulsata, come il SINUS-6. Schamiloglu ha avuto un decennio fruttuoso di collaborazione con alcuni colleghi russi, che si è rapidamente conclusa dopo l’ascesa al potere di Vladimir Putin.
Oggi, la ricerca sulle microonde ad alta potenza continua negli Stati Uniti e in Russia, ma è esplosa in Cina. Schamiloglu ha visitato i laboratori in Russia dal 1991 e i laboratori in Cina dal 2006, e gli investimenti effettuati dalla Cina sminuiscono l’attività negli Stati Uniti e in Russia. Decine di paesi hanno ora programmi di ricerca sulle microonde ad alta potenza.
Sebbene queste sorgenti di microonde ad alta potenza generino livelli di potenza molto elevati, tendono a generare brevi impulsi ripetuti. Ad esempio, il SINUS-6 nel laboratorio di Schamiloglu produce un impulso di uscita dell’ordine di 10 nanosecondi, o miliardesimi di secondo. Quindi, anche quando si genera 1 gigawatt di potenza in uscita, un impulso da 10 nanosecondi ha un contenuto energetico di soli 10 joule. Per capire, un forno a microonde medio in un secondo genera 1 kilojoule, o mille joule di energia. In genere occorrono circa 4 minuti per far bollire una tazza d’acqua, che corrisponde a 240 kilojoule di energia.
Questo è il motivo per cui le microonde generate da queste armi a microonde ad alta potenza non generano notevoli quantità di calore. L’alta potenza è importante in queste armi perché la generazione di una potenza istantanea molto elevata produce campi elettrici istantanei molto elevati, che scalano come radice quadrata della potenza. Sono questi campi elettrici elevati che possono disturbare l’elettronica, motivo per cui il Dipartimento della Difesa è interessato a questi dispositivi.
Il rapporto delle National Academies collega le microonde ad alta potenza agli impatti sulle persone attraverso l’effetto Frey. La testa umana funge da antenna ricevente per microonde nella gamma di frequenze a bassi gigahertz. Gli impulsi delle microonde in queste frequenze possono far sentire suoni alle persone, che è uno dei sintomi riportati dal personale statunitense interessato. Altri sintomi segnalati da chi soffre di sindrome dell’Avana includono mal di testa, nausea, perdita dell’udito, vertigini e problemi cognitivi.
Il rapporto rileva che i dispositivi elettronici non sono stati interrotti durante gli attacchi, suggerendo che i livelli di potenza necessari per l’effetto Frey sono inferiori a quelli richiesti per un attacco all’elettronica. Ciò sarebbe coerente con un’arma a microonde ad alta potenza situata a una certa distanza dai bersagli. La potenza diminuisce drasticamente attraverso la legge dell’inverso del quadrato, il che significa che uno di questi dispositivi potrebbe produrre un livello di potenza sul bersaglio troppo basso per influenzare l’elettronica ma che potrebbe indurre l’effetto Frey.
Russi e cinesi possiedono certamente le capacità di mettere in campo fonti di microonde ad alta potenza come quelle che sembrano essere state utilizzate a Cuba e in Cina. La verità su ciò che è realmente accaduto al personale statunitense a Cuba e in Cina – e perché – potrebbe rimanere un mistero, ma la tecnologia molto probabilmente coinvolta proviene dalla fisica e le potenze militari del mondo continuano a svilupparla e dispiegarla.
Fonte: https://phys.org/news/2020-12-scientists-embassies-high-power-microwaves-weapons.html