Un rene di maiale modificato geneticamente ha funzionato per 2 mesi in un corpo umano

Il drammatico esperimento di xenotrapianto di rene si è concluso quando i chirurghi della NYU Langone Health hanno rimosso il rene di maiale e hanno restituito il corpo donato di Maurice “Mo” Miller alla sua famiglia per la cremazione

0
228
Un rene di maiale ha funzionato per 2 mesi in un corpo umano
Un rene di maiale ha funzionato per 2 mesi in un corpo umano

NEW YORK (AP) – Un rene di un maiale ha funzionato normalmente per due mesi all’interno di un uomo cerebralmente morto.

Il drammatico esperimento si è concluso mercoledì quando i chirurghi della NYU Langone Health hanno rimosso il rene di maiale e hanno restituito il corpo donato di Maurice “Mo” Miller alla sua famiglia per la cremazione.

Siamo davanti al periodo più lungo in cui un rene di maiale geneticamente modificato ha  funzionato all’interno di un essere umano, anche se deceduto. E ampliando i confini della ricerca sui morti, gli scienziati hanno imparato lezioni fondamentali che si preparano a condividere con la Food and Drug Administration, nella speranza di poter testare in futuro reni di maiale su pazienti vivi.

È una combinazione di eccitazione e sollievo“, ha detto all’Associated Press il dottor Robert Montgomery, il chirurgo dei trapianti che ha condotto l’esperimento. “Due mesi sono tanti per avere un rene di maiale in così buone condizioni. Questo ci dà molta fiducia” per i prossimi tentativi”.

Montgomery, lui stesso un destinatario di un trapianto di cuore, considera i trapianti da animale a uomo cruciali per alleviare la carenza di organi. Solo negli Stati Uniti, sono più di 100.000 le persone in lista di attesa per un trapianto, la maggior parte delle quali ha bisogno di un rene, e migliaia moriranno nell’attesa.

I cosiddetti tentativi di xenotrapianto sono falliti per decenni: il sistema immunitario umano distrugge immediatamente il tessuto animale estraneo. Cosa c’è di nuovo: ora la genetica ci permette di creare maiali geneticamente modificati in modo che i loro organi siano più simili a quelli umani e quindi meno soggetti al rigetto.



Alcuni brevi esperimenti su corpi deceduti hanno evitato un attacco immunitario immediato ma non hanno fatto luce su una forma più comune di rigetto che può richiedere un mese per iniziare. L’anno scorso, i chirurghi dell’Università del Maryland hanno cercato di salvare un uomo morente con un cuore di maiale, ma è sopravvissuto solo due mesi poiché l’organo ha ceduto per ragioni ancora non del tutto chiare. E la FDA ha fornito al team di Montgomery un elenco di domande su come gli organi suini svolgono realmente il loro lavoro rispetto a quelli umani.

Montgomery ha trapiantato un rene tratto da un maiale modificato geneticamente nel corpo del signor Miller, mantenuto in vita artificialmente, e ha osservato per due mesi il funzionamento del rene di maiale per rispondere ai quesiti della FDA.

Miller, malato di tumore, aveva avuto un collasso ed era stato dichiarato cerebralmente morto, ed i suoi organi non erano donabili a causa del cancro. Dopo averci pensato su, il fratello ha donato il corpo dell’uomo al Newburgh per l’esperimento sui suini. Recentemente ha ricevuto una cartolina da uno sconosciuto in California che è in attesa di un trapianto di rene, che la ringrazia per aver contribuito a portare avanti una ricerca disperatamente necessaria.

Il 14 luglio, poco prima del suo 58esimo compleanno, i chirurghi hanno sostituito i reni di Miller con un rene di maiale più il timo dell’animale, una ghiandola che allena le cellule immunitarie. Per il primo mese il rene ha funzionato senza segni di problemi.

Subito dopo, però, i medici hanno misurato una leggera diminuzione nella quantità di urina prodotta. Una biopsia ha confermato un sottile segno dell’inizio del rigetto, offrendo ai medici l’opportunità di dire se era curabile. Sicuramente, le prestazioni del rene sono migliorate con un cambiamento nei farmaci immunosoppressori standard che i pazienti usano oggi.

Stiamo imparando che questo è effettivamente fattibile”, ha affermato Massimo Mangiola, immunologo dei trapianti della New York University.

I ricercatori hanno verificato altre domande della FDA, inclusa l’assenza di differenze nel modo in cui il rene del maiale ha reagito agli ormoni umani, ha escreto antibiotici o ha sperimentato effetti collaterali correlati ai farmaci.

Sembra bellissimo, lavora esattamente come i umani reni normali“, ha detto il dottor Jeffrey Stern dopo aver rimosso il rene di maiale al traguardo dei 61 giorni per un esame più approfondito.

I passi successivi: i ricercatori hanno prelevato circa 180 campioni di tessuti diversi – da tutti gli organi principali, dai linfonodi, dal tratto digestivo – per individuare eventuali indizi di problemi dovuti allo xenotrapianto.

Gli esperimenti sui defunti non possono prevedere che gli organi funzioneranno allo stesso modo nei vivi, ha avvertito Karen Maschke, ricercatrice presso l’Hastings Center che sta aiutando a sviluppare raccomandazioni etiche e politiche per gli studi clinici sugli xenotrapianti ma possono fornire altre informazioni preziose, ha detto. Ciò include aiutare a individuare le differenze tra i maiali con un massimo di 10 cambiamenti genetici che alcuni gruppi di ricerca preferiscono – e quelli come Montgomery usa che hanno un solo cambiamento, la rimozione di un gene che innesca un attacco immunitario immediato.

Lo facciamo perché ci sono molte persone che purtroppo muoiono prima di avere l’opportunità di una seconda possibilità di vita“, ha detto Mangiola, l’immunologo. “E dobbiamo fare qualcosa al riguardo”.

2