Uomo riceve trapianto con un cuore di maiale geneticamente modificato

È il primo trapianto di cuore da maiale ad uomo mai fatto al mondo

519

Negli Stati Uniti, un uomo statunitense è diventato la prima persona al mondo a ricevere un trapianto di cuore da un maiale geneticamente modificato.

David Bennett, 57 anni, sta bene tre giorni dopo l’intervento chirurgico sperimentale durato sette ore, dicono i medici.

Il trapianto è stato considerato l’ultima speranza di salvare la vita del signor Bennett, anche se non è ancora chiaro quali siano le sue possibilità di sopravvivenza a lungo termine.

O morire o fare questo trapianto“, ha spiegato il signor Bennett un giorno prima dell’intervento.

So che è un salto nel buio, ma è la mia ultima scelta“, ha detto.

Ai medici dell’University of Maryland Medical Center è stata concessa una dispensa speciale dall’autorità medica statunitense per eseguire la procedura, sulla base del fatto che il signor Bennett – affetto da una malattia cardiaca terminale – sarebbe altrimenti morto. Il paziente era stato ritenuto non idoneo per un trapianto di cuore umano, una decisione che spesso viene presa dai medici quando il paziente è in pessime condizioni di salute.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il maiale utilizzato nel trapianto era stato geneticamente modificato per eliminare diversi geni che avrebbero portato al rigetto dell’organo dal corpo del signor Bennett, riporta l’agenzia di stampa AFP.

Per l’équipe medica che ha effettuato il trapianto, questo intervento segna il culmine di anni di ricerca e potrebbe annunciare una rivoluzione nella scienza dei trapianti. Il chirurgo Bartley Griffith ha affermato che questo intervento chirurgico potrebbe costituire “un passo avanti verso la soluzione della crisi della carenza di organi da trapiantare“. Attualmente 17 persone muoiono ogni giorno solo negli Stati Uniti in attesa di un trapianto, con più di 100.000 in lista d’attesa.

La dottoressa Christine Lau, presidente del Dipartimento di Chirurgia presso la University of Maryland School of Medicine, era in sala operatoria durante l’intervento chirurgico. “Si tratta di un paziente più a rischio perché servirà una maggiore immunosoppressione, leggermente diversa da quella che faremmo normalmente in un trapianto da uomo a uomo. Quanto bene il paziente starà da ora non possiamo dirlo perché questo tipo di intervento non è mai stato fatto prima“, ha dichiarato alla BBC.

“Ogni giorno muoiono persone iscritte alla lista d’attesa in attesa di organi a causa della carenza di donatori. Se potessimo usare organi di maiale geneticamente modificati non ci sarebbero più liste di attesa, praticamente ogni paziente potrebbe ottenere un organo quando ne ha bisogno”.

La possibilità di utilizzare organi animali per i cosiddetti xenotrapianti per soddisfare la domanda è stata a lungo considerata e l’utilizzo di valvole cardiache di maiale è già comune .

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nell’ottobre 2021, i chirurghi di New York hanno annunciato di aver trapiantato con successo il rene di un maiale in una persona. All’epoca, l’operazione era l’esperimento più avanzato sul campo finora.

Tuttavia, il soggetto ricevente in quell’occasione era cerebralmente morto senza alcuna speranza di guarigione.

Un barlume di speranza insieme a enormi rischi

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Questo momento spartiacque offre la speranza di una soluzione alla cronica carenza di donatori di organi umani. Ma c’è ancora molta strada da fare per determinare se dare alle persone organi animali sia la via da seguire. I cuori di maiale sono anatomicamente simili ai cuori umani ma, comprensibilmente, non identici. Non è l’ideale, rispetto allo scambio del cuore di un donatore umano. Ma è possibile inserirli e farli funzionare.

Il problema più grande è il rigetto dell’organo. Questi maiali sono allevati per non avere geni che possono causare rigetto. Vengono clonati con alcuni geni “eliminati” e allevati fino a raggiungere un’età in cui i loro organi sono abbastanza grandi da poter essere prelevati per il trapianto.

È troppo presto per sapere come se la caverà il signor Bennett con il suo cuore di maiale. I suoi medici sono stati chiari sul fatto che l’intervento chirurgico cui è stato sottoposto era un azzardo. I rischi sono enormi, ma lo sono anche i potenziali guadagni.

Bennett, tuttavia, spera comprensibilmente che il trapianto gli permetta di continuare la sua vita. È stato costretto a letto per sei settimane prima dell’intervento chirurgico e attaccato a una macchina che lo ha tenuto in vita dopo che gli è stata diagnosticata una malattia cardiaca terminale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non vedo l’ora di alzarmi dal letto dopo che mi sarò ripreso“, ha detto la scorsa settimana.

Lunedì, è stato riferito che il signor Bennett respirava da solo mentre veniva attentamente monitorato. Ma cosa accadrà dopo non è chiaro.

Il dottor Griffith ha detto che si sta procedendo con cautela tenendo sotto attento monitoraggio il signor Bennett, mentre suo figlio David Bennett Jr ha detto all’Associated Press che la famiglia è “nell’ignoto a questo punto“. Ma ha aggiunto che: “ci rendiamo conto della grandezza di ciò che è stato fatto e ne comprendiamo davvero l’importanza“.

“Non era mai stato fatto in un essere umano e mi piace pensare che gli abbiamo dato una speranza”, ha detto Griffith. “Ma se [vivrà per] un giorno, una settimana, un mese, un anno, non lo so“.