2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeMedicinaDue ceppi di virus dell'influenza umana potrebbero essersi estinti

Due ceppi di virus dell’influenza umana potrebbero essersi estinti

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

C’è stata così poca trasmissione dell’influenza durante la pandemia di COVID-19  che alcuni tipi di virus influenzali potrebbero essersi estinti.

L’influenza è una malattia infettiva respiratoria acuta causata dal virus dell’influenza, un virus a RNA della famiglia degli Orthomyxoviridae. I sintomi possono essere da lievi a severi; i più comuni sono febbre, faringodinia (mal di gola), coriza, rinorrea (naso che cola), mialgie e artralgie (dolori ai muscoli e alle articolazioni), cefalea, tosse e malessere generale. Tipicamente i sintomi iniziano due giorni dopo l’esposizione al virus (periodo di incubazione) e generalmente durano meno di una settimana.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tre tipi di virus dell’influenza infettano l’uomo: sono chiamati Tipo A, Tipo B e Tipo C. Di solito il virus è trasmesso per via aerea con la tosse o gli starnuti: ciò si ritiene che accada per lo più a distanza relativamente ravvicinata.

L’influenza può essere spesso trasmessa toccando superfici contaminate dal virus e poi portandosi le mani alla bocca e agli occhi. Il periodo di contagiosità inizia un giorno prima della comparsa dei sintomi e termina circa una settimana dopo; bambini e persone immunodepresse possono essere contagiose per un periodo più lungo.

L’infezione può essere confermata cercando il virus nelle secrezioni della gola, del naso, delle vie aeree più basse (espettorato) e nella saliva. Il test più accurato è la ricerca dell’RNA virale con PCR.

Il vaccino è di solito efficace contro tre o quattro tipi di influenza ed è usualmente ben tollerato. Il vaccino preparato per un anno può non essere utile nell’anno successivo, dal momento che il virus evolve rapidamente.

Sono stati utilizzati alcuni farmaci antivirali come l’inibitore della neuraminidasi oseltamivir per trattare l’influenza. I loro benefici in persone per altri aspetti sane non appaiono superare i loro rischi. Non sono stati trovati benefici anche nei pazienti con altre patologie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Durante la pandemia di COVID-19 i casi di influenza sono scesi ai minimi storici, un fenomeno che gli esperti attribuiscono all’uso della mascherina e alle altre precauzioni prese a livello sociale per combattere il nuovo coronavirus.

È interessante notare che due tipi di virus influenzali non sono stati più individuati da oltre un anno, il che significa che non sono stati segnalati casi di questi virus in nessuna parte del mondo, secondo lo STAT.

Due ceppi del virus dell’influenza estinti, cosa comporta

Gli esperti non sanno ancora se questi ceppi del virus dell’influenza si siano estinti, ma in tal caso, per i ricercatori potrebbe essere più facile scegliere i ceppi di virus influenzali inclusi nel vaccino antinfluenzale stagionale.

Per spiegare quali virus influenzali potrebbero essersi estinti, è utile capire come vengono classificati i virus influenzali. Due famiglie di virus influenzali causano l’influenza stagionale: l’influenza A e l’influenza B. I virus dell’influenza A sono divisi in “sottotipi” basati su due proteine ​​sulla loro superficie note come emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N).

Attualmente, H1N1 e H3N2 circolano tra le persone e ciascuno di questi sottotipi è ulteriormente suddiviso in “cladi”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I virus dell’influenza B, d’altra parte, non hanno sottotipi o cladi ma sono divisi in due linee note come B/Yamagata e B/Victoria. Un clade di H3N2, noto come 3c3.A, non è stato rilevato da marzo 2020. Lo stesso vale per il lignaggio B/Yamagata, secondo lo  STAT.

Penso che ci sia una buona possibilità che sia andato. Ma il mondo è un posto grande” , ha commentato Trevor Bedford, biologo computazionale presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, riferendosi al clade H3N2.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Florian Krammer, virologo della Icahn School of Medicine Mount Sinai di New York, ha condiviso pensieri simili sul lignaggio B/Yamagata. “Solo perché nessuno l’ha visto non significa che sia scomparso completamente. Ma potrebbe” essere scomparso”, ha detto Krammer a STAT.

Una minore varietà dei virus influenzali sarebbe una buona cosa.

Ogni anno, gli scienziati producono il vaccino antinfluenzale mesi prima dell’inizio della stagione influenzale, osservando quali ceppi circolano nel mondo e quindi prevedendo quali ceppi influenzali saranno probabilmente i più comuni durante la prossima stagione influenzale.

Una minore diversità del virus dell’influenza significherebbe un pool più piccolo di virus circolanti tra cui scegliere e una maggiore possibilità che i ceppi nell’iniezione corrispondano a quelli circolanti.

I virus H3N2 sono un gruppo particolarmente diversificato e, prima della pandemia di COVID-19, i loro cladi sembravano diventare geneticamente più diversi ogni anno, secondo STAT.

Quindi un calo della diversità per questo sottotipo sarebbe una “grande cosa“, ha detto Richard Webby, direttore del Centro di collaborazione per gli studi sull’ecologia dell’influenza negli animali e negli uccelli dell’Organizzazione mondiale della sanità, con sede presso il St. Jude Children’s Hospital di Memphis.

Webby ha avvertito che questi tipi di virus potrebbero essere ancora disponibili anche se non sono stati segnalati nei database ufficiali. Ma il drammatico calo dei casi di influenza quest’anno potrebbe portare alcuni cambiamenti per l’influenza.
Senza dubbio, questo cambierà sicuramente qualcosa in termini di diversità dei virus influenzali“, ha concluso Webby.

Articoli più letti