Sclerosi multipla: farmaci contro l’HIV potrebbero ridurne il rischio del 72%

Un recente studio ha dimostrato che i farmaci utilizzati per contrastare l'HIV di sono dimostrati particolarmente efficaci nell'abbattere il rischio di contrarre la sclerosi multipla

0
135
Sclerosi multipla

Negli ultimi dieci anni diversi casi di studio hanno riportato che le persone con sclerosi multipla (SM) che hanno iniziato la terapia antiretrovirale per l’HIV (per tenere sotto controllo il virus) hanno successivamente scoperto che i sintomi della SM erano scomparsi completamente o che la progressione della malattia era notevolmente rallentata.

Sclerosi multipla

Sclerosi multipla: una speranza dai farmaci contro l’HIV

Questi risultati hanno costretto i ricercatori a chiedersi se l’HIV o gli antiretrovirali potessero influenzare il rischio di sviluppare la sclerosi multipla. Secondo un nuovo studio pubblicato su Annals of Neurology, la risposta è sì.

È molto difficile essere certi se l’HIV o i farmaci antiretrovirali possano influenzare la SM perché grandi gruppi di persone che vivono con l’HIV, con informazioni mediche dettagliate sia sull’HIV che sulla SM, devono essere seguiti per un lungo periodo.

Tre studi in precedenza avevano posto questa domanda ma avevano troppo pochi pazienti o nessun accesso alle informazioni sul trattamento antiretrovirale. Di conseguenza, gli studi precedenti non hanno fornito risposte definitive.



Per questo studio, sono stati utilizzati ampi database sanitari basati sulla popolazione e registri clinici di HIV e sclerosi multipla. Queste informazioni includevano praticamente ogni persona nella Columbia Britannica, in Canada e in Svezia che era stata riconosciuta positiva dal punto di vista medico come sieropositiva nel 1992 in Canada e nel 2001 in Svezia.

Sono state monitorate le persone con HIV dalla prima data in cui è stata riconosciuta l’infezione da HIV fino alla fine del periodo di studio (2020 in Canada e 2018 in Svezia). Durante questo periodo sono state ricercate nuove diagnosi di sclerosi multipla utilizzando dati provenienti da ospedali e medici, nonché informazioni raccolte da cliniche specializzate in SM.

Sclerosi multipla

Il tasso di nuovi casi di SM tra le persone con HIV è stato confrontato con il tasso di nuovi casi nella popolazione generale in ciascuna regione per determinare se esistesse davvero un rischio diverso di SM nelle persone con HIV.

Gli esperti hanno esaminato oltre 29.000 persone con HIV e le hanno seguite per una media di quasi dieci anni. Durante questo periodo, solo 14 persone positive all’HIV hanno sviluppato la sclerosi multipla, ovvero il 47% in meno di casi rispetto a quanto previsto sulla base dei numeri della popolazione generale.

Quando il team di ricercatori ha esaminato specificamente le persone che avevano assunto farmaci antiretrovirali (quasi tutti nello studio) e solo dopo aver iniziato la terapia antiretrovirale, hanno riscontrato il 45% di casi di SM in meno del previsto. In altre parole, gli studiosi hanno rilevato un rischio ridotto tra le persone sieropositive che avevano utilizzato la terapia antiretrovirale.

Il rischio di contrarre la sclerosi multipla è stato ridotto in modo più significativo per le donne, con un abbattimento del 72%. C’erano anche meno uomini del previsto che sviluppavano la SM nella popolazione HIV, ma la differenza di rischio era meno pronunciata negli uomini che nelle donne.

Solo dai risultati di questo studio non è possibile dire se il virus o la terapia antiretrovirale possano essere responsabili della riduzione del rischio di incorrere nella sclerosi multipla. Tuttavia, ci sono ragioni biologiche a sostegno di entrambe le teorie.

L’HIV porta ad una progressiva perdita di cellule immunitarie chiamate cellule T CD4+. Queste stesse cellule sono implicate nella SM, poiché danno inizio alla cascata di eventi che porta all’infiammazione del cervello e del midollo spinale. Riducendo la conta delle cellule T CD4+, l’infezione da HIV potrebbe ridurre la probabilità che una persona sviluppi la SM.

La scoperta che il rischio di sclerosi multipla fosse inferiore quando il virus HIV è presumibilmente soppresso dai farmaci antiretrovirali, tuttavia, potrebbe offrire qualche speranza che sia il trattamento piuttosto che il virus a svolgere un ruolo.

I possibili meccanismi per l’efficacia degli antiretrovirali nel ridurre il rischio di sclerosi multipla e la disabilità includono l’inibizione del virus Epstein-Barr. Si stanno accumulando sempre più ricerche per evidenziare l’ importante ruolo di Epstein-Barr nella SM .

Sclerosi multipla

Le proprietà antivirali della terapia contro l’HIV potrebbero limitare l’attività del virus Epstein-Barr, riducendo così al minimo sia il rischio di contrarre la SM che di progressione della malattia in coloro che ne sono affetti.

La scoperta che l’infezione da HIV o gli antiretrovirali conferiscono un effetto protettivo contro la SM ha il potenziale per ampliare la nostra comprensione delle cause della SM e di come la malattia danneggia l’organismo.

Sebbene siano disponibili trattamenti per la forma recidivante della sclerosi multipla, nessuno può arrestare la progressione persistente osservata più avanti nella malattia. I risultati di questo studio potrebbero incoraggiare uno lavoro ancora più mirato per determinare se i farmaci antiretrovirali potrebbero rallentare la progressione della malattia.

Con risorse di ricerca limitate, questo approccio potrebbe produrre un beneficio più immediato, affrontando la principale necessità insoddisfatta di sviluppare trattamenti migliori volti a prevenire o rallentare la progressione della sclerosi multipla.

2