Il libero arbitrio è un’illusione?

Un coro crescente di scienziati e filosofi sostiene che il libero arbitrio non esiste. Potrebbero avere ragione?

0
10178
Il libero arbitrio è un'illusione?
Il libero arbitrio è un'illusione?

di Oliver Burkeman per The Guardian

Alla fine di una conversazione che si sofferma su alcuni dei più profondi enigmi metafisici riguardanti la natura dell’esistenza umana, il filosofo Galen Strawson ha fatto una pausa, poi mi ha chiesto: “Hai parlato con qualcun altro che ha già ricevuto strane email?“. Navigò in un file sul suo computer e iniziò a leggere i messaggi allarmanti che lui e molti altri studiosi avevano ricevuto negli ultimi anni. 

Alcuni erano lamentosi, altri offensivi, ma tutti erano ferocemente accusatori. “L’anno scorso avete giocato tutti un ruolo nel distruggere la mia vita“, ha scritto una persona. “Ho perso tutto a causa tua: mio figlio, il mio partner, il mio lavoro, la mia casa, la mia salute mentale. Tutto a causa tua, mi hai detto che non avevo alcun controllo, come non ero responsabile per nulla di ciò che facevo, come il mio bellissimo figlio di sei anni non era responsabile per quello che ha fatto … Arrivederci e buona fortuna con il resto della tua cancerosa esistenza malvagia e patetica. ” “Marci nella tua stessa merda Galen“, ha letto un’altra nota, inviata all’inizio del 2015. “Tua moglie, i tuoi figli, i tuoi amici, hai spalmato tutti i risultati che hai ottenuto, cazzo di merda“, ha scritto la stessa persona, che in seguito ha avvertito : “Ho intenzione di fotterti“. E poi, giorni dopo, sotto l’oggetto “Ciao“: “Vengo a prenderti“. “Questo è stato quello per cui abbiamo dovuto coinvolgere la polizia“, ​​ha detto Strawson. 

Non è raro che i filosofi ricevano minacce di morte. L’etico australiano Peter Singer, ad esempio, ne ha ricevuti molti, in risposta al suo argomento che, in circostanze del tutto eccezionali, potrebbe essere moralmente giustificabile uccidere neonati con gravi disabilità. Ma Strawson, come altri destinatari di questa particolare ondata di abusi, aveva semplicemente espresso una posizione di vecchia data in un antico dibattito che colpisce molti come il massimo della “filosofia da poltrona“, del tutto distaccata dagli intrecci emotivi della vita reale. 

Il libero arbitrio

Negano tutti che gli esseri umani possiedono il libero arbitrio. Sostengono che le nostre scelte sono determinate da forze al di fuori del nostro controllo finale – forse anche predeterminate fino dal big bang – e che quindi nessuno è mai totalmente responsabile delle proprie azioni. 



Rileggendo le e-mail, Strawson, che dà l’impressione di qualcuno che perdona di gran lunga i difetti degli altri, si è trovato a provare empatia con l’angoscia dei suoi molestatori. “Penso che per queste persone sia solo una catastrofe esistenziale“, ha detto. “E penso di poter capire perché“.

La difficoltà nello spiegare l’enigma del libero arbitrio a chi non ha familiarità con l’argomento non è che sia complesso o oscuro. È l’esperienza di possedere il libero arbitrio: l’idea che siamo gli autori delle nostre scelte – è così fondamentale per l’esistenza di tutti che può essere difficile ottenere una distanza mentale sufficiente per vedere cosa sta succedendo. Supponi di sentirti moderatamente affamato un pomeriggio, quindi vai al cesto di frutta in cucina, dove vedi una mela e una banana. A quanto pare, scegli la banana. Ma sembra assolutamente ovvio che tu fossi libero di scegliere la mela – o nessuna delle due, o entrambe – invece. Questo è il libero arbitrio: se avessi riavvolto il nastro della storia del mondo, nell’istante appena prima di prendere la tua decisione, con tutto nell’universo esattamente lo stesso, saresti stato in grado di crearne uno diverso.

Niente potrebbe essere più evidente. Eppure, secondo un crescente coro di filosofi e scienziati, che hanno una varietà di ragioni diverse per il loro punto di vista, non può nemmeno essere così. “Questo tipo di libero arbitrio è escluso, in modo semplice e deciso, dalle leggi della fisica“, dice uno dei più stridenti scettici del libero arbitrio, il biologo evoluzionista Jerry Coyne. Principali psicologi come Steven Pinker e Paul Bloom concordano, come apparentemente ha fatto il compianto Stephen Hawking, insieme a numerosi eminenti neuroscienziati, tra cui VS Ramachandran, che ha definito il libero arbitrio “un concetto intrinsecamente imperfetto e incoerente” nella sua approvazione del libro bestseller di Sam Harris del 2012 Libero arbitrio, che fa anche questo argomento. Secondo l’intellettuale Yuval Noah Harari, il libero arbitrio è un mito anacronistico – utile in passato, forse, reso obsoleto dal potere della moderna scienza dei dati di conoscerci meglio di quanto conosciamo noi stessi, e quindi di prevedere e manipolare le nostre scelte

Gli argomenti contro il libero arbitrio risalgono a millenni fa, ma l’ultima rinascita di scetticismo è stata guidata dai progressi delle neuroscienze negli ultimi decenni. Ora che è possibile osservare – grazie alla neuroimaging – l’attività fisica cerebrale associata alle nostre decisioni, è più facile pensare a quelle decisioni come solo un’altra parte della meccanica dell’universo materiale, in cui il “libero arbitrio” non ha alcun ruolo. E dagli anni ’80 in poi, varie scoperte neuroscientifiche specifiche hanno offerto indizi preoccupanti che le nostre cosiddette scelte libere potrebbero effettivamente avere origine nel nostro cervello diversi millisecondi, o anche più, prima che ci rendiamo conto di pensarci.

Nonostante le critiche sul fatto che questa sia solo filosofia da poltrona, la verità è che la posta in gioco difficilmente potrebbe essere più alta. Se il libero arbitrio si dimostrasse inesistente – e se davvero assorbissimo il fatto – “farebbe precipitare una guerra culturale molto più bellicosa di quella che è stata intrapresa in materia di evoluzione“, ha scritto Harris. Probabilmente, saremmo costretti a concludere che era irragionevole lodare o incolpare qualcuno per le loro azioni, dal momento che non erano veramente responsabili della decisione di farle; o sentirsi in colpa per i propri misfatti, orgoglio per i propri risultati o gratitudine per la gentilezza degli altri. E potremmo arrivare a pensare che fosse moralmente ingiustificabile infliggere punizioni di retribuzione ai criminali, dal momento che non avevano alcuna scelta definitiva riguardo alle loro azioni illecite. Alcuni temono che possa corrodere fatalmente tutte le relazioni umane,

Sbircia oltre il precipizio del dibattito sul libero arbitrio per un po’ e inizi ad apprezzare come una persona già psicologicamente vulnerabile potrebbe essere spinta verso un crollo, come apparentemente è avvenuto con i corrispondenti e-mail di Strawson. Harris ha iniziato a precedere i suoi podcast sul libero arbitrio con dichiarazioni di non responsabilità, esortando coloro che trovano l’argomento emotivamente angosciante a lasciarli perdere. E Saul Smilansky, professore di filosofia all’Università di Haifa in Israele, che crede che la nozione popolare di libero arbitrio sia un errore, mi ha detto che se uno studente laureato incline alla depressione cercasse di studiare la materia con lui, proverebbe a dissuaderlo. “Guarda, io sono una persona naturalmente vivace“, ha detto. “Ho la mentalità di un idiota del villaggio: è facile rendermi felice. Tuttavia, il problema del libero arbitrio è davvero deprimente se lo prendi sul serio. Non mi ha reso felice e, in retrospettiva, se fossi stato di nuovo alla scuola di specializzazione, forse sarebbe stato preferibile un argomento diverso“.

Smilansky è un sostenitore di ciò che chiama “illusionismo”, l’idea che sebbene il libero arbitrio, come definito convenzionalmente, sia irreale, è fondamentale che le persone continuino a credere il contrario – da cui ne consegue che un articolo come questo potrebbe essere attivamente pericoloso (vent’anni fa, ha detto, avrebbe potuto rifiutarsi di parlarmi, ma in questi giorni lo scetticismo del libero arbitrio è così ampiamente discusso che “il cavallo ha lasciato la stalla”).

Al livello più profondo, se le persone capissero davvero cosa sta succedendo – e non credo di aver interiorizzato completamente le implicazioni io stesso, anche dopo tutti questi anni – è semplicemente troppo spaventoso e difficile“, ha detto Smilansky. “Per chiunque sia moralmente ed emotivamente profondo, è davvero deprimente e distruttivo. Minaccerebbe davvero il nostro senso di sé, il nostro senso di valore personale. La verità è semplicemente troppo orribile qui“.

La convinzione che nessuno scelga mai veramente liberamente di fare qualcosa – che siamo marionette di forze al di fuori del nostro controllo – spesso sembra colpire i suoi seguaci all’inizio della loro carriera intellettuale, in un improvviso lampo di intuizione. “Ero seduto in una carrel al Wolfson College [a Oxford] nel 1975, e non avevo idea di cosa stavo per scrivere la mia tesi di DPhil“, ha ricordato Strawson. “Stavo leggendo qualcosa sulle opinioni di Kant sul libero arbitrio, ed ero semplicemente elettrizzato. Ecco fatto“. La logica, una volta intravista, sembra freddamente inesorabile. Inizia con quella che sembra un’ovvia verità: tutto ciò che accade nel mondo, mai, deve essere stato completamente causato da cose accadute prima. E quelle cose devono essere state causate da cose accadute prima di loro– e così via, a ritroso fino all’alba dei tempi: causa dopo causa dopo causa, tutte seguendo le prevedibili leggi della natura, anche se non abbiamo ancora capito tutte quelle leggi. È abbastanza facile capirlo nel contesto del mondo fisico delle rocce e dei fiumi e dei motori a combustione interna. Ma sicuramente “una cosa tira l’altra” anche nel mondo delle decisioni e delle intenzioni. Le nostre decisioni e intenzioni coinvolgono l’attività neurale – e perché un neurone dovrebbe essere esente dalle leggi della fisica più di una roccia?

Quindi, nell’esempio del cesto di frutta, ci sono ragioni fisiologiche per cui ti senti affamato in primo luogo, e ci sono cause – nei tuoi geni, nella tua educazione o nel tuo ambiente attuale – per la tua scelta di affrontare la tua fame con la frutta, piuttosto che con un scatola di ciambelle. E la tua preferenza per la banana rispetto alla mela, al momento della presunta scelta, deve essere stata causata da ciò che è accaduto prima, presumibilmente incluso lo schema dei neuroni che si attivano nel tuo cervello, che è stato esso stesso causato – e così via in una catena ininterrotta alla tua nascita, all’incontro dei tuoi genitori, alle loro nascite e, infine, alla nascita del cosmo.

Ma se tutto ciò è vero, semplicemente non c’è spazio per il tipo di libero arbitrio che potresti immaginare di avere quando vedi la mela e la banana e ti chiedi quale sceglierai. Per avere ciò che è noto nel gergo accademico come libero arbitrio “contro-causale” – in modo che se riavvolgi il nastro della storia indietro al momento della scelta, potresti fare una scelta diversa – dovresti in qualche modo scivolare fuori dalla realtà fisica . Per fare una scelta che non fosse semplicemente il prossimo anello nella catena ininterrotta di cause, dovresti essere in grado di distinguerti dall’intera cosa, una presenza spettrale separata dal mondo materiale ma misteriosamente ancora in grado di influenzarlo. Ma ovviamente non puoi effettivamente arrivare a questo presunto luogo esterno all’universo, separato da tutti gli atomi che lo compongono e dalle leggi che li governano. Hai appenasonoalcuni degli atomi dell’universo, governati dalle stesse leggi prevedibili di tutto il resto.

Fu l’eclettico francese Pierre-Simon Laplace, scrivendo nel 1814, che espresse in modo più succinto il puzzle qui: come può esserci libero arbitrio, in un universo in cui gli eventi si muovono avanti come un orologio? Il suo esperimento mentale è noto come il demone di Laplace e la sua argomentazione era la seguente: se qualche ipotetico essere ultra-intelligente – o demone – potesse in qualche modo conoscere la posizione di ogni atomo nell’universo in un singolo punto nel tempo, insieme a tutte le leggi che governava le loro interazioni, poteva prevedere il futuro nella sua interezza. Non ci sarebbe stato nulla che non potesse sapere sul mondo tra 100 o 1.000 anni, fino al minimo fremito dell’ala di un passero. Potresti pensarehai fatto una scelta libera di sposare il tuo partner, o di scegliere un’insalata con il tuo pasto piuttosto che le patatine; ma in realtà il demone di Laplace lo avrebbe sempre saputo, estrapolando lungo la catena infinita di cause. “Per un tale intelletto”, disse Laplace, “nulla potrebbe essere incerto e il futuro, proprio come il passato, sarebbe presente davanti ai suoi occhi”.

È vero che dai tempi di Laplace, i risultati della fisica quantistica hanno indicato che alcuni eventi, a livello di atomi ed elettroni, sono genuinamente casuali, il che significa che sarebbero impossibili da prevedere in anticipo, anche da qualche ipotetico megabrain. Ma poche persone coinvolte nel dibattito sul libero arbitrio pensano che questo faccia una differenza fondamentale. Quelle minuscole fluttuazioni hanno probabilmente un impatto poco rilevante sulla vita nella scala in cui la viviamo, come esseri umani. E in ogni caso, non c’è più libertà nell’essere soggetti ai comportamenti casuali degli elettroni che nell’essere schiavi di leggi causali predeterminate. Ad ogni modo, qualcosa di diverso dal tuo libero arbitrio sembra tirare i tuoi fili.

L’implicazione di gran lunga più inquietante della causa contro il libero arbitrio, per la maggior parte di coloro che la incontrano, è ciò che sembra dire sulla moralità: che nessuno, mai, merita veramente una ricompensa o una punizione per quello che fa, perché quello che fa è il risultato di forze deterministiche cieche (più forse un po ‘di casualità quantistica). “Per lo scettico del libero arbitrio”, scrive Gregg Caruso nel suo nuovo libro Just Deserts, una raccolta di dialoghi con il suo collega filosofo Daniel Dennett, “non è mai giusto trattare qualcuno come moralmente responsabile”. Se dovessimo accettare tutte le implicazioni di quell’idea, il modo in cui ci trattiamo a vicenda, e in particolare il modo in cui trattiamo i criminali, potrebbe cambiare al di là del riconoscimento.

Considera il caso di Charles Whitman. Poco dopo la mezzanotte del 1 ° agosto 1966, Whitman – un ex marine statunitense di 25 anni in uscita e apparentemente stabile – si recò all’appartamento di sua madre ad Austin, in Texas, dove la pugnalò a morte. È tornato a casa, dove ha ucciso sua moglie nello stesso modo. Più tardi quel giorno, ha portato un assortimento di armi in cima a un alto edificio nel campus dell’Università del Texas, dove ha iniziato a sparare a caso per circa un’ora e mezza. Quando Whitman è stato ucciso dalla polizia, altre 12 persone erano morte e un’altra è morta per le ferite riportate anni dopo – una follia che rimane la decima peggior sparatoria di massa degli Stati Uniti.

A poche ore dal massacro, le autorità hanno scoperto un biglietto che Whitman aveva battuto la sera prima. “Non capisco bene cosa mi spinga a scrivere questa lettera”, ha scritto. “Forse è per lasciare qualche vaga ragione alle azioni che ho compiuto di recente. Non mi capisco davvero in questi giorni. Dovrei essere un giovane medio ragionevole e intelligente. Tuttavia, ultimamente (non ricordo quando è iniziato) sono stato vittima di molti pensieri insoliti e irrazionali [che] ricorrono costantemente e richiede un enorme sforzo mentale per concentrarsi su compiti utili e progressivi … Dopo la mia morte vorrei che venga eseguita un’autopsia per vedere se c’è qualche disturbo fisico visibile “. Dopo i primi due omicidi, ha aggiunto una coda: “Forse la ricerca può prevenire ulteriori tragedie di questo tipo”. È stata eseguita un’autopsia,

Come ammettono gli scettici del libero arbitrio che attingono al caso di Whitman, è impossibile sapere se il tumore al cervello abbia causato le azioni di Whitman. Ciò che sembra chiaro è che certamente avrebbe potuto farlo – e che quasi tutti, sentendone parlare, subiscono qualche cambiamento nel loro atteggiamento nei suoi confronti. Non rende gli omicidi meno orribili. Né significa che la polizia non fosse giustificata nell’ucciderlo. Ma fa sì che la sua furia inizi a sembrare meno come le azioni malvagie di un uomo malvagio, e più come il terribile sintomo di un disturbo, con Whitman tra le sue vittime. Lo stesso vale per un altro malfattore famoso nella letteratura del libero arbitrio, il soggetto anonimo del giornale del 2003Tumore orbitofrontale destro con sintomo di pedofilia e segno di aprassia costruttiva, un’insegnante di 40 anni che ha improvvisamente sviluppato impulsi pedofili e ha iniziato a cercare pornografia infantile, e successivamente è stata condannata per molestie su minori. Subito dopo, lamentando mal di testa, gli fu diagnosticato un tumore al cervello; quando fu rimosso, i suoi impulsi pedofili svanirono. Un anno dopo, sono tornati, così come il suo tumore, rilevato in un’altra scansione del cervello.

Se trovi che la presenza di un tumore al cervello in questi casi sia in qualche modo scagionante, però, affronti una domanda difficile: cosa c’è di così speciale in un tumore al cervello, al contrario di tutti gli altri modi in cui il cervello delle persone li induce a fare le cose? Quando si impara a conoscere la specifica catena di cause che si stavano svolgendo all’interno del cranio di Charles Whitman, ha l’effetto di renderlo meno responsabile personalmente delle terribili azioni che ha commesso. Ma per definizione, chiunque commetta un atto immorale ha un cervello in cui si era dispiegata una catena di cause precedenti che conducevano all’atto; se così non fosse, non avrebbero mai commesso l’atto. “Un disturbo neurologico sembra essere solo un caso speciale di eventi fisici che danno origine a pensieri e azioni”, è come lo esprime Harris. “Comprendere la neurofisiologia del cervello, quindi, sembrerebbe scagionante come trovarvi un tumore “. Ne consegue che, man mano che comprendiamo sempre di più come funziona il cervello, illumineremo le ultime ombre in cui potrebbe essersi nascosto qualcosa chiamato “libero arbitrio” e saremo costretti ad ammettere che un criminale è semplicemente qualcuno Abbastanza sfortunato da trovarsi alla fine di una catena causale che culmina in un crimine. Possiamo ancora insistere sul fatto che il crimine in questione è moralmente cattivo; non possiamo ritenere individualmente responsabile il criminale. (O almeno è lì che la logica sembra guidare le nostre menti moderne: c’è un file illumineremo le ultime ombre in cui qualcosa chiamato “libero arbitrio” potrebbe mai essersi nascosto – e saremo costretti ad ammettere che un criminale è semplicemente qualcuno abbastanza sfortunato da trovarsi alla fine di una catena causale che culmina in un crimine. Possiamo ancora insistere sul fatto che il crimine in questione è moralmente cattivo; non possiamo ritenere individualmente responsabile il criminale. (O almeno è lì che la logica sembra guidare le nostre menti moderne: c’è un file illumineremo le ultime ombre in cui qualcosa chiamato “libero arbitrio” potrebbe mai essersi nascosto – e saremo costretti ad ammettere che un criminale è semplicemente qualcuno abbastanza sfortunato da trovarsi alla fine di una catena causale che culmina in un crimine. Possiamo ancora insistere sul fatto che il crimine in questione è moralmente cattivo; non possiamo ritenere individualmente responsabile il criminale (o almeno è lì che la logica sembra guidare le nostre menti moderne: c’è un file tradizione rivale, che risale agli antichi greci, secondo cui puoi essere ritenuto responsabile di ciò che è destinato a succederti comunque).

Per Caruso, che insegna filosofia alla State University di New York, tutto ciò significa che la punizione retributiva – punire un criminale perché se lo merita, piuttosto che proteggere il pubblico, o servire da monito per gli altri – non potrà mai essere giustificato. Come Strawson, ha ricevuto abusi via e-mail da persone disturbate dalle implicazioni. La retribuzione è centrale in tutti i moderni sistemi di giustizia penale, ma alla fine, pensa Caruso, “è un’ingiustizia morale ritenere qualcuno responsabile di azioni che sono al di fuori del loro controllo. È capriccioso“. In effetti, alcune ricerche psicologiche, sottolinea, suggeriscono che le persone credono nel libero arbitrio in parte perché vogliono giustificare il loro appetito per la punizione. “Quello che sembra accadere è che le persone si imbattono in un’azione che disapprovano; hanno un forte desiderio di incolpare o punire; quindi attribuiscono all’autore del reato il grado di controllo [sulle proprie azioni] che sarebbe richiesto per giustificare la loro colpa“. (Non è un caso che la controversia sul libero arbitrio sia coinvolta nei dibattiti sulla religione: seguendo una logica simile, i peccatori devono scegliere liberamente di peccare, affinché la retribuzione di Dio sia giustificata.)

Caruso è un sostenitore di quello che chiama il modello di giustizia penale “sanità pubblica-quarantena”, che trasformerebbe le istituzioni punitive in una direzione radicalmente umana. Potresti ancora trattenere un assassino, con la stessa logica che puoi richiedere a qualcuno infettato da Ebola di osservare una quarantena: per proteggere il pubblico. Ma non avresti il ​​diritto di rendere l’esperienza più spiacevole di quanto fosse strettamente necessario per la protezione pubblica. E saresti obbligato a rilasciarli non appena non rappresentano più una minaccia (l’obiettivo principale, nel mondo ideale di Caruso, sarebbe risolvere i problemi sociali per cercare di fermare il crimine in primo luogo, proprio come i sistemi sanitari pubblici dovrebbero concentrarsi sulla prevenzione delle epidemie all’inizio).

Si è tentati di provare a divincolarsi da queste ramificazioni protestando che, mentre le persone potrebbero non scegliere i loro peggiori impulsi – per l’omicidio, diciamo – hanno la scelta di non soccombere a loro. Puoi sentire l’impulso di uccidere qualcuno, ma resisti, o persino cercare aiuto psichiatrico. Puoi assumerti la responsabilità dello stato della tua personalità. E non lo facciamo tutti, sempre, in modi più banali, ogni volta che decidiamo di acquisire una nuova abilità professionale, diventare un ascoltatore migliore o finalmente metterci in forma?

Ma questa non è la clausola di salvaguardia che potrebbe sembrare. Dopotutto, gli scettici del libero arbitrio insistono, se riesci a cambiare la tua personalità in un modo ammirevole, devi già possedere il tipo di personalità in grado di attuare un tale cambiamento – e non hai scelto quello Niente di tutto questo ci obbliga a credere che le peggiori atrocità siano meno spaventose di quanto pensassimo in precedenza. Ma implica che gli autori non possano essere ritenuti personalmente responsabili. Se fossi nato con i geni di Hitler e avessi vissuto l’educazione di Hitler, saresti Hitler – e alla fine è solo una fortuna che tu non lo sia. Alla fine, come dice Strawson, “la fortuna ingoia tutto”.

Considerato quanto possa sembrare austero il caso contro il libero arbitrio, può essere sorprendente apprendere che la maggior parte dei filosofi lo respinge: secondo un sondaggio del 2009, condotto dal sito web PhilPapers, solo il 12% circa di loro ne è convinto. E il disaccordo può essere irto, in parte perché la negazione del libero arbitrio appartiene a una tendenza più ampia che spinge alcuni filosofi a risparmiare: la tendenza di coloro che sono formati nelle scienze dure a fare dichiarazioni radicali sui dibattiti che infuriano nella filosofia per anni, come se tutti quelli studiosi ottusi stavano solo aspettando che i fisici e i neuroscienziati si presentassero. In uno scambio gelido, Dennett ha fatto un complimento ambiguo a Harris, che ha un dottorato in neuroscienze, definendo il suo libro “notevole” e “prezioso”, ma solo perché era pieno di tante affermazioni sbagliate: “Sono grato a Harris per detto,

Ciò che è ancora più sorprendente, e difficile da comprendere, è che la maggior parte di coloro che difendono il libero arbitrio non lo fannorifiuta l’affermazione più vertiginosa degli scettici: che ogni scelta che tu abbia mai fatto avrebbe potuto essere determinata in anticipo. Quindi, nell’esempio della fruttiera, la maggioranza dei filosofi concorda sul fatto che se avessi riavvolto il nastro della storia al momento della scelta, con tutto nell’universo esattamente lo stesso, non avresti potuto fare una selezione diversa. Quel tipo di libero arbitrio è “illusorio quanto i poltergeist”, per citare Dennett. Quello che affermano invece è che questo non ha importanza: che anche se le nostre scelte possono essere determinate, ha senso dire che siamo liberi di scegliere. Ecco perché sono conosciuti come “compatibilisti”: pensano che determinismo e libero arbitrio siano compatibili. (Ci sono molte altre posizioni nel dibattito, inclusi alcuni filosofi, tra cui molti cristiani, che pensano che abbiamo davvero un libero arbitrio “spettrale”;

A coloro che trovano convincente la causa contro il libero arbitrio, il compatibilismo sembra a prima vista oltraggioso. Come possiamo essere liberi di scegliere se non siamo, infatti, sai, liberi di scegliere? Ma per cogliere il punto di vista dei compatibilisti, aiuta prima a pensare al libero arbitrio non come una sorta di magia, ma come una sorta di abilità banale – una che la maggior parte degli adulti possiede, il più delle volte. Come scrive il compatibilista Kadri Vihvelin, “abbiamo il libero arbitrio che pensiamo di avere, inclusa la libertà di azione che pensiamo di avere … avendo un insieme di abilità ed essendo nel giusto tipo di ambiente”. Il modo in cui la maggior parte dei compatibilisti vede le cose, “essere liberi” è solo una questione di avere la capacità di pensare a ciò che vuoi, riflettere sui tuoi desideri, quindi agire in base a essi e talvolta ottenere ciò che vuoi. Quando scegli la banana nel modo normale, pensando a quale frutto vorresti e poi prendendola, sei chiaramente in una situazione diversa da quella di qualcuno che raccoglie la banana perché un pistolero ossessionato dalla frutta testa; o qualcuno afflitto da una dipendenza da banane, costretto ad afferrare tutti quelli che vedono. In tutti questi scenari, senza dubbio, le tue azioni appartenevano a una catena ininterrotta di cause, che risale all’alba dei tempi. Ma a chi importa? Il selezionatore di banane in uno di loro era chiaramente più libero che negli altri. le tue azioni appartenevano a una catena ininterrotta di cause, che risale all’alba dei tempi. Ma a chi importa? Il selezionatore di banane in uno di loro era chiaramente più libero che negli altri. le tue azioni appartenevano a una catena ininterrotta di cause, che risale all’alba dei tempi. Ma a chi importa? Il selezionatore di banane in uno di loro era chiaramente più libero che negli altri.

“Harris, Pinker, Coyne – tutti questi scienziati, fanno tutti la stessa mossa in due fasi”, ha detto Eddy Nahmias, filosofo compatibilista presso la Georgia State University negli Stati Uniti. “La loro prima mossa è sempre quella di dire, ‘beh, ecco cosa significa il libero arbitrio'” – ed è sempre qualcosa che nessuno potrebbe mai realmente avere, nella realtà in cui viviamo. “E poi, abbastanza sicuro, lo sgonfiano. Ma una volta che hai quella specie di palloncino davanti a te, è molto facile sgonfiarlo, perché qualsiasi resoconto naturalistico del mondo dimostrerà che è falso “.

Considera l’ipnosi. Uno scettico del libero arbitrio dottrinario potrebbe sentirsi obbligato a sostenere che una persona ipnotizzata per fare un acquisto particolare non è meno libera di qualcuno che ci pensa, nel solito modo, prima di prendere la carta di credito. Dopo tutto, la loro idea di libero arbitrio richiede che la scelta non fosse completamente determinata da cause precedenti; eppure in entrambi i casi, ipnotizzato e non ipnotizzato, lo era. “Ma andiamo, è davvero fastidioso“, Ha detto Helen Beebee, una filosofa dell’Università di Manchester che ha scritto ampiamente sul libero arbitrio, esprimendo un’esasperazione comunemente sentita dai compatibilisti verso le affermazioni più stravaganti dei loro rivali. “In un certo senso, non mi importa se lo chiami ‘libero arbitrio’ o ‘agire liberamente’ o qualsiasi altra cosa – è solo che ovviamente è importante, per tutti, se vengono ipnotizzati nel fare le cose o no.”

Certo, la versione compatibilista del libero arbitrio potrebbe essere meno eccitante. Ma non ne consegue che sia inutile. In effetti, potrebbe essere (in un’altra delle frasi di Dennett) l’unico tipo di “libero arbitrio che valga la pena desiderare”. Sperimenta il desiderio di un certo frutto, agisci di conseguenza e ottieni il frutto, senza uomini armati esterni o disordini interni che influenzano la tua scelta. Come potrebbe una persona essere più libera di così?Annuncio pubblicitario

Pensare al libero arbitrio in questo modo dà anche una svolta diversa ad alcuni famigerati esperimenti condotti negli anni ’80 dal neuroscienziato americano Benjamin Libet, che sono stati interpretati come una prova scientifica che il libero arbitrio non esiste. Collegando i suoi soggetti a uno scanner cerebrale e chiedendo loro di flettere le mani in un momento di loro scelta, Libet sembrava dimostrare che la loro scelta era rilevabile dall’attività cerebrale 300 millisecondi prima che prendessero una decisione consapevole. (Altri studi hanno indicato un’attività fino a 10 secondi prima di una scelta consapevole.) Come si può dire che questi soggetti abbiano preso le loro decisioni liberamente, se le apparecchiature di laboratorio conoscevano le loro decisioni con così tanto anticipo? Ma per la maggior parte dei compatibilisti, questo è un polverone per nulla. Come ogni altra cosa, le nostre scelte consapevoli sono anelli di una catena causale di processi neurali,

Da questa prospettiva concreta, non c’è nemmeno bisogno di entrare nel panico che casi come quello di Charles Whitman potrebbero significare che non potremmo mai ritenere nessuno responsabile dei loro misfatti, o lodarli per i loro risultati. (In loro difesa, anche diversi scettici del libero arbitrio con cui ho parlato avevano le loro ragioni per non andare così lontano.) Invece, dobbiamo solo chiederci se qualcuno avesse la normale capacità di scegliere razionalmente, riflettendo sulle implicazioni delle loro azioni. Siamo tutti d’accordo sul fatto che i neonati non lo abbiano ancora sviluppato, quindi non li biasimiamo per averci svegliato di notte; e crediamo che la maggior parte degli animali non umani non lo possieda – quindi pochi di noi si arrabbiano con indignazione contro le vespe che ci pungono. Qualcuno con una grave menomazione neurologica o dello sviluppo ne sarebbe sicuramente mancante, forse anche Whitman. Ma come per tutti gli altri: “Bernie Madoff è l’esempio che mi piace sempre usare “, ha detto Nahmias. “Perché è così chiaro che sapeva quello che stava facendo, e che sapeva che quello che stava facendo era sbagliato, e lo ha fatto comunque.” Aveva la capacità che chiamiamo “libero arbitrio” e l’ha usata per frodare i suoi investitori per oltre 17 miliardi di dollari.

Per gli scettici del libero arbitrio, questo è tutto solo un disperato tentativo di salvare la faccia e cambiare argomento – uno sforzo per ridefinire il libero arbitrio non come la cosa che tutti sentiamo, di fronte a una scelta, ma come qualcos’altro, indegno del nome. “Le persone odiano l’idea di non essere agenti che possono fare scelte libere”, ha sostenuto Jerry Coyne. Harris ha accusato Dennett di affrontare l’argomento come se dicesse a qualcuno intenzionato a scoprire la città perduta di Atlantide che dovrebbe accontentarsi di un viaggio in Sicilia. Dopotutto, soddisfa alcuni dei criteri: è un’isola nel mare, sede di una civiltà con radici antiche. Ma i fatti rimangono: Atlantide non esiste. E quando sembrava che non fosse inevitabile sceglieresti la banana, la verità è che in realtà lo era.

Si è tentati di liquidare la controversia sul libero arbitrio come irrilevante per la vita reale, sulla base del fatto che non possiamo fare a meno di sentirci come se avessimo il libero arbitrio, qualunque sia la verità filosofica. Certamente continuerò a rispondere agli altri come se avessero il libero arbitrio: se ferisci me, o qualcuno che amo, posso garantire che sarò furioso, invece di sorridere con indulgenza sulla base del fatto che non avevi scelta . In questo senso esperienziale, il libero arbitrio sembra essere un dato di fatto.

Ma lo è? Quando la mia mente è più tranquilla, ad esempio bevendo un caffè la mattina presto, prima che il bambino di quattro anni si svegli, le cose possono sembrare diverse. In questi momenti di rilassata concentrazione, mi sembra chiaro che le mie intenzioni e scelte, come tutti gli altri miei pensieri ed emozioni, sorgono spontaneamente nella mia consapevolezza. Non ha senso in cui ci si sente come se fossi il loro autore. Perché metto giù la tazza di caffè e vado a fare la doccia nel momento esatto in cui lo faccio? Perché viene fuori l’intenzione di farlo, causata, senza dubbio, da ogni tipo di attività nel mio cervello, ma attività che esula dalla mia comprensione, figuriamoci dal mio comando. Ed è esattamente lo stesso quando si tratta di quelle decisioni più importanti che sembrano esprimere qualcosa di profondo sul tipo di persona che sono: se partecipare al funerale di un certo parente, diciamo, o quale delle due opportunità di carriera incompatibili perseguire. Posso passare ore o persino giorni impegnato in quello che mi dico è “prendere una decisione” su quelli, quando quello che sto davvero facendo, se devo essere onesto, è solo vacillare tra le opzioni – fino a un momento imprevedibile, o quando una scadenza esterna impone la questione, la decisione di impegnarsi in un percorso o in un altro si pone semplicemente.

Questo è ciò che Harris intende quando dichiara che, a ben guardare, non è solo che il libero arbitrio è un’illusione, ma che l’illusione del libero arbitrio è essa stessa un’illusione: osserva te stesso da vicino e non sembri nemmenoessere libero. “Se si presta sufficiente attenzione“, mi ha detto via e-mail, “si può notare che non c’è soggetto nel mezzo dell’esperienza, c’è solo esperienza. E tutto ciò che sperimentiamo nasce semplicemente da solo“. Questa è un’idea con radici nel buddismo, e riecheggiata da altri, incluso il filosofo David Hume: quando guardi dentro, non c’è traccia di un comandante interno, che prende decisioni in modo autonomo. C’è solo attività mentale, che scorre. O come scrisse Arthur Rimbaud, in una lettera ad un amico nel 1871: “Sono uno spettatore allo svolgersi del mio pensiero; Lo guardo, lo ascolto“.

Ci sono ragioni per concordare con Saul Smilansky sul fatto che potrebbe essere personalmente e socialmente dannoso per troppe persone iniziare a pensare in questo modo, anche se si scopre che è la verità. (Dennett, sebbene pensi che abbiamo il libero arbitrio, assume una posizione simile, sostenendo che è moralmente irresponsabile promuovere la negazione del libero arbitrio.) In una serie di studi nel 2008, gli psicologi Kathleen Vohs e Jonathan Schooler hanno chiesto a un gruppo di partecipanti leggere un estratto da The Astonishing Hypothesis di Francis Crick, co-scopritore della struttura del DNA, in cui suggerisce che il libero arbitrio è un’illusione. I soggetti così spinti a dubitare dell’esistenza del libero arbitrio si sono dimostrati significativamente più propensi di altri, in una fase successiva dell’esperimento, a barare in una prova in cui erano in gioco soldi.

I tentativi falliti di replicare le scoperte di Vohs e Schooler li hanno messi in discussione. Ma anche se gli effetti sono reali, alcuni scettici del libero arbitrio sostengono che i partecipanti a tali studi stanno commettendo un errore comune – e uno che potrebbe essere chiarito piuttosto rapidamente, se il libero arbitrio venisse meglio conosciuto e compreso. I partecipanti allo studio che improvvisamente diventano immorali sembrano confondere il determinismo con il fatalismo – l’idea che se non abbiamo il libero arbitrio, le nostre scelte non contano davvero, quindi tanto vale non preoccuparci di cercare di farne di buone, e basta fai come ci pare invece. Ma in realtà non deriva dalla determinazione delle nostre scelte che non abbiano importanza. Potrebbe importare enormemente se scegli di nutrire i tuoi figli con una dieta ricca di verdure o meno; o se decidi di controllare attentamente in entrambe le direzioni prima di attraversare una strada trafficata. È solo che (secondo gli scettici) non puoi fare quelle scelte liberamente.

In ogni caso, se il libero arbitrio si dimostrasse davvero inesistente, le implicazioni potrebbero non essere del tutto negative. È vero che c’è qualcosa di repellente in un’idea che sembra richiederci di trattare un assassino a sangue freddo come non responsabile delle sue azioni, mentre allo stesso tempo caratterizza l’amore di un genitore per un bambino come nient’altro che ciò che Smilansky chiama ” il dispiegarsi del dato ”- mera causalità cieca, priva di qualsiasi scintilla umana. Ma c’è anche qualcosa di liberatorio in questo. È un motivo per essere più gentili con te stesso e con gli altri. Per quelli di noi inclini a essere duri con se stessi, è terapeutico tenere in mente il pensiero che potresti fare esattamente quello che avresti sempre fatto – che nel senso più profondo, non potresti ho fatto di più. E per quelli di noi inclini a infuriare gli altri per i loro misfatti minori, è calmante considerare con quanta facilità le loro colpe potrebbero essere state tue. (Abbastanza sicuro, alcune ricerche hanno collegato l’incredulità nel libero arbitrio a una maggiore gentilezza.)

Harris sostiene che se afferrassimo appieno il caso contro il libero arbitrio, sarebbe difficile odiare le altre persone: come puoi odiare qualcuno di cui non incolpi per le loro azioni? Eppure l’amore sopravviverebbe in gran parte indenne, poiché l’amore è “la condizione per desiderare che coloro che amiamo siano felici, e per essere resi felici noi stessi da quella connessione etica ed emotiva”, nessuna delle due sarebbe minata. E innumerevoli altri aspetti positivi della vita rimarrebbero ugualmente intatti. Come afferma Strawson, in un mondo senza la fede nel libero arbitrio, “le fragole sarebbero comunque altrettanto buone”.

A parte questi momenti mattutini, personalmente non posso affermare di trovare persuasiva la causa contro il libero arbitrio; è solo in contrasto con troppo altro che sembra ovviamente vero per la vita. Eppure, anche se considerato solo come una possibilità ipotetica, lo scetticismo del libero arbitrio è un antidoto a quella squallida filosofia individualista che sostiene che i risultati di una persona appartengono veramente solo a loro – e che quindi devi incolpare solo te stesso se fallisci. È un promemoria che gli incidenti della nascita potrebbero influenzare le traiettorie della nostra vita in modo molto più completo di quanto ci rendiamo conto, dettando non solo la posizione socioeconomica in cui siamo nati, ma anche le nostre personalità ed esperienze nel loro insieme: i nostri talenti e le nostre debolezze, la nostra capacità di gioia e la nostra capacità di superare le tendenze alla violenza, alla pigrizia o alla disperazione, e le strade che finiamo per percorrere. C’è un profondo senso di amicizia umana in questa immagine della realtà – nell’idea che, nella nostra totale esposizione a forze al di fuori del nostro controllo, potremmo essere tutti sulla stessa barca, aggrappati alle nostre vite, alla deriva sulla tempesta agitata oceano di fortuna.

2