La Cina nella trappola zero Covid che si è creata da sola

È passata poco più di una settimana da quando il leader cinese Xi Jinping ha iniziato il suo terzo mandato al potere ottenendo da parte degli organi dirigenti del partito comunista cinese una sonora approvazione della sua implacabile politica zero Covid ma l'impegno a proseguire su questa via sta alimentando scene di caos e miseria in tutto il paese.

366
La Cina nella trappola zero Covid che si è creata da sola
La Cina nella trappola zero Covid che si è creata da sola

È passata poco più di una settimana da quando il leader cinese Xi Jinping ha iniziato il suo terzo mandato al potere ottenendo da parte degli organi dirigenti del partito comunista cinese una sonora approvazione della sua implacabile politica zero Covid ma l’impegno a proseguire su questa via sta alimentando scene di caos e miseria in tutto il paese.

Nella città nord-occidentale di Xining, i residenti hanno trascorso la scorsa settimana implorando disperatamente cibo mentre restavano chiusi in casa per l’ultimo dei severi blocchi del paese; a ovest, a Lhasa, la capitale regionale del Tibet, folle inferocite hanno protestato per le strade dopo oltre 70 giorni di lockdown.

Nella provincia centrale dell’Henan, i lavoratori migranti hanno abbandonato in massa una fabbrica Foxconn nella quale erano stati chiusi dalle autorità, camminando per chilometri per sfuggire a un’epidemia nel più grande sito di assemblaggio di iPhone della Cina. E, nel centro finanziario orientale di Shanghai, le cose sono cupe anche a Disneyland: il parco ha chiuso bruscamente i cancelli lunedì per conformarsi alle misure di prevenzione del Covid, intrappolando i visitatori all’interno per i test obbligatori.

In molte altre parti del paese, i blocchi, le quarantene obbligatorie, gli incessanti editti sui test di massa e le restrizioni di viaggio continuano a paralizzare le imprese e la vita quotidiana, anche se il resto del mondo si allontana dalla pandemia.

Piuttosto che allentare le restrizioni per il Covid, come alcuni avevano sperato in vista del rimpasto quinquennale della leadership del Partito Comunista, le autorità cinesi le hanno intensificate dopo l’ampio sostegno della strategia ottenuto da Xi.

Il 20° Congresso del Partito non ha fornito un calendario per l’allentamento delle misure zero-Covid. Invece ha evidenziato l’importanza di attenersi all’approccio esistente“, ha affermato Yanzhong Huang, ricercatore senior per la salute globale presso il Council on Foreign Relations di New York.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il congresso ha rafforzato Xi come leader supremo senza rivali e lo ha visto insewrire al vertice del Partito Comunista i suoi fedeli alleati, tra cui molti funzionari che avevano lealmente attuato le sue politiche anti Covid. “La nuova ecologia politica ha fornito maggiori incentivi ai governi locali per imporre misure di controllo del Covid più draconiane“, ha affermato Huang.

Un rinnovato zelo per la politica può essere visto più chiaramente nelle città più piccole. Mentre metropoli come Pechino e Shanghai possono attingere alle loro esperienze di grandi riacutizzazioni per attuare misure di blocco più mirate, le città più piccole senza tale know-how tendono a perseguire obiettivi zero-Covid in modo più aggressivo ed esteso, ha affermato Huang.

Semplicemente non funziona

Il ciclo ripetuto di blocchi, quarantene e test di massa sta mettendo a dura prova l’economia e la società. La pazienza pubblica si sta esaurendo e le frustrazioni stanno crescendo.

Lunedì scorso, nella città di Baoding, nella provincia di Hebei, un padre brandendo un coltello ha attraversato un posto di blocco Covid nel disperato tentativo di acquistare latte in polvere per suo figlio. Le riprese video della scena e del suo successivo arresto hanno suscitato scalpore online; il giorno seguente la polizia locale ha cercato di calmare gli animi dicendo che l’uomo era stato multato di soli 100 yuan e che il “problema del latte in polvere” di suo figlio era stato “correttamente risolto“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Martedì, la morte di un bambino di 3 anni a Lanzhou, nella provincia di Gansu, ha suscitato un’altra protesta, dopo che la famiglia del bambino ha affermato che le misure di blocco avevano ritardato i soccorritori. La polizia ha detto in seguito che il bambino aveva già smesso di respirare quando sono arrivati ​​gli agenti, ma non ha affrontato le accuse della famiglia secondo cui un’ambulanza era stata ritardata dai controlli.

In un altro segno di quanto sia diventata delicata la questione, mercoledì la borsa cinese è cresciuta a seguito di voci non verificate diffusesi sui social media secondo cui la Cina stava formando un comitato per preparare un’uscita dalla politica zero-Covid. Quelle voci, tuttavia, sono state smentite quando il ministero degli Esteri ha affermato di essere “ignaro” di un piano del genere.

Nel frattempo, gli esperti affermano di non vedere alcun segno che il governo cinese prenda misure che suggeriscano che stia ripensando il suo approccio. I funzionari sanitari cinesi sostengono che cambiare rotta rischierebbe di avviare un’enorme ondata di infezioni e decessi che potrebbero sopraffare il fragile sistema sanitario del paese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Finora Pechino ha rifiutato di approvare l’uso dei vaccini mRNA sviluppati nei paesi occidentali, che si sono dimostrati più potenti di quelli prodotti e utilizzati in Cina. Gli esperti affermano che alla Cina manca anche un piano di risposta alle emergenze per far fronte all’aumento delle infezioni.

Ma Jin Dongyan, virologo dell’Università di Hong Kong, ha affermato che tali scenari catastrofici potrebbero essere evitati con un’adeguata preparazione. Invece di dedicare ingenti quantità di tempo e risorse a test, tracciamento dei contatti, quarantena e imposizione di blocchi, le autorità dovrebbero introdurre vaccini e terapie antivirali più efficaci e aumentare il tasso di vaccinazione tra gli anziani, ha affermato Jin.

Con una maggiore immunità, i casi asintomatici o lievi potrebbero essere autorizzati stare in casa, liberando spazio negli ospedali per trattare i casi più gravi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’uso di misure di blocco e contenimento per affrontare una malattia infettiva con un tasso di mortalità così basso e un’elevata trasmissibilità non è più appropriato. Il mondo intero ha abbandonato questo approccio: nessuno può sopportarne il costo, semplicemente non funziona“, ha affermato.

Paura del virus

Un altro ostacolo al superamento della politica zero-Covid è la paura pervasiva del virus tra ampie fasce di pubblico, instillata dal governo cinese per giustificare le sue dure misure di controllo, affermano gli esperti. “Le autorità hanno demonizzato il Covid, esagerandone la gravità e il tasso di mortalità. Molte persone comuni hanno ancora molta paura del virus, con pazienti Covid guariti che soffrono di gravi discriminazioni e stigmatizzazione“, ha detto Jin.

In parte sono state queste paure che hanno spinto migliaia di lavoratori migranti a fuggire in preda al panico dalla fabbrica Foxconn a Zhengzhou.

I video di persone che viaggiano a piedi, trascinando i bagagli su strade e attraverso i campi, sono diventati virali sui social media cinesi durante il fine settimana. Zhengzhou, una città di 12 milioni di abitanti, il mese scorso ha imposto misure di blocco radicali dopo aver identificato alcune dozzine di casi di Covid-19.

La struttura di Foxconn ha lottato per controllare un focolaio da metà ottobre, anche se l’azienda non ha rivelato il numero di infezioni tra i suoi lavoratori. Mercoledì, la Zhengzhou Airport Economy Zone, dove si trova lo stabilimento Foxconn, ha annunciato nuove misure di blocco.

Mentre l’esodo di Foxconn ha messo sotto i riflettori l’epidemia di Zhengzhou, le autorità sanitarie della città hanno cercato di dissipare i timori dell’opinione pubblica. Lunedì, la commissione sanitaria municipale di Zhengzhou ha pubblicato su WeChat un articolo dal titolo: “Il Covid non è così orribile, ma prevenibile e curabile“.

Huang, l’esperto del Council on Foreign Relations, ha affermato che le idee sbagliate sul virus complicheranno le cose se la Cina a un certo punto decidesse di allontanarsi dalla politica zero Covid. “Anche se in futuro la Cina volesse cambiare la narrativa e minimizzare la gravità della malattia, alcune persone potrebbero non accettarla“, ha affermato.

Con l’avvicinarsi dell’inverno, gli esperti avvertono che la Cina potrebbe essere colpita da una nuova ondata di infezioni e da un nuovo ciclo di blocchi draconiani. Intanto, la Cina ha riportato 2.755 infezioni locali per martedì, il conteggio giornaliero più alto da agosto.

A giudicare dalla situazione in Cina, prima o poi ci sarà un grave focolaio. La Cina ha dispiegato enormi sforzi e pagato un costo pesante per impedire che ciò accada, ma alla fine non sarà in grado di impedire la diffusione di una malattia così altamente infettiva”, ha affermato Jin.