L’AI ci consentirà di parlare con gli animali

Gli esseri umani sono un passo più vicini al parlare con gli animali poiché le nuove tecnologie consentiranno ai robot abilitati all'intelligenza artificiale (AI), di comunicare con specie diverse

998
L'AI ci consentirà di parlare con gli animali
L'AI ci consentirà di parlare con gli animali

Gli esseri umani sono un passo più vicini al parlare con gli animali poiché le nuove tecnologie consentiranno ai robot abilitati all’intelligenza artificiale (AI) di parlare con specie diverse.

La civiltà in cui abitiamo è piena di suoni che non possono essere ascoltati. I pipistrelli cinguettano e parlano a ultrasuoni; gli elefanti ringhiano segreti a infrarossi l’uno all’altro; e gli ecosistemi costieri sono club acquatici brulicanti di crepe, sibili e scatti della vita marina.

L’umanità non aveva idea che quei rumori esistessero da millenni. Tuttavia, con l’avanzare della tecnologia e lo sviluppo delle AI, è aumentata anche la nostra capacità di ascoltare.

Droni, registratori digitali e intelligenza artificiale stanno già consentendo agli esseri umani di ascoltare i suoni della natura in modi nuovi, alterando il campo dell’indagine scientifica e offrendo il potenziale intrigante che i computer potrebbero eventualmente permetterci di comunicare con gli animali.

Gli esseri umani sono un passo più vicini alla comunicazione con gli animali, grazie alle nuove tecnologie che consentono ai robot alimentati dall’intelligenza artificiale di dialogare con varie specie.

Karen Bakker, una professoressa dell’Università della Columbia Britannica, ha recentemente rivelato che questa innovazione viene utilizzata per parlare con api, delfini ed elefanti e ha lanciato un avvertimento sullo sviluppo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

AI abilitata alla comunicazione animale 

Bakker ha espresso, in un’intervista con Vox, che questa innovazione solleva una questione etica molto importante, poiché la capacità di comunicare con altri esseri viventi può sembrare affascinante, ma ha il potenziale per generare un maggiore senso di connessione o un senso di dominio e ingannevole capacità di controllare la fauna nativa che le persone non sono mai state in grado di controllare come esseri umani.

Bakker, ha menzionato l’applicazione dell’AI per conversare con le api. Ha osservato che un team di studio tedesco ha codificato i messaggi delle api su un robot inviato all’interno di un alveare.

Ha rivelato che il robot è stato in grado di istruire le api mellifere a smettere di muoversi usando la loro comunicazione di danza oscillante e può anche ordinare alle api mellifere dove e come volare per trovare una certa fonte di nettare. Il prossimo passo in questo studio sarà quello di impiantare tali robot negli sciami di api mellifere in modo che gli alveari abbraccino questi robot come parte della loro società fin dall’inizio. Bakker ha evidenziato che l’umanità potrebbe avere “potere senza precedenti” sugli alveari, “addomesticandoli”.

Capire cosa sentono gli esseri umani

Secondo Bakker, che esplora le moderne tecnologie nel suo lavoro The Sounds of Life: How Digital Technology Is Bringing Us Closer to the Worlds of Animals and Plants, questi problemi non dovrebbero dissuadere gli scienziati dall’esplorare la comunicazione animale. Ma l’obiettivo dell’innovazione è che con questi principi esistenti, in futuro, le persone avranno una capacità molto maggiore di sintonizzarsi con i suoni della natura e capire ciò che sentono.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Bakker crede anche che crei una vera sensazione di stupore, meraviglia e un profondo senso di connessione. E ha aggiunto che è lì che spera che gli esseri umani possano portare tale tecnologia. Ha anche affermato nell’intervista a Vox, che l’applicazione dell’IA nel collegamento con gli animali è sostanzialmente diversa da come l’umanità ha provato in passato.

Ad esempio, ha definito l’insegnamento del linguaggio umano o dei segni alle scimmie un “atteggiamento molto centrato sull’uomo”. Ora, secondo un rapporto di The US Sun,  scienza e la tecnologia si stanno concentrando sulle abitudini e sui modelli di molti animali. 

Bakker ha spiegato che il processo inizia con la registrazione dei suoni che animali e piante producono per rilevare schemi e “associarli ai comportamenti per cercare di determinare se ci sono informazioni complesse trasmesse dai suoni”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Quello che i ricercatori stanno facendo non è cercare di insegnare alle specie il linguaggio umano, ma piuttosto compilare, essenzialmente, dizionari di segnali e quindi tentare di capire cosa significano quei segnali all’interno di quelle specie”, ha concluso.