Il ghiacciaio Ålfotbreen è in forte declino

Il ghiacciaio Ålfotbreen poggia su sporgenze di arenaria tra i fiordi della costa occidentale della Norvegia

0
102
Il ghiacciaio Ålfotbreen é in forte declino
Il ghiacciaio Ålfotbreen é in forte declino

Il ghiacciaio Ålfotbreen poggia su sporgenze di arenaria tra i fiordi della costa occidentale della Norvegia. La calotta glaciale è vulnerabile ai cambiamenti di temperatura ed è in declino dalla fine degli anni ’90.

Adagiato su un paesaggio di ciottoli di arenaria, il ghiacciaio norvegese Ålfotbreen è in declino dalla fine degli anni '90.
Adagiato su un paesaggio di ciottoli di arenaria, il ghiacciaio norvegese Ålfotbreen è in declino dalla fine degli anni ’90.

Ålfotbreen: una formazione geologica unica

L’Ålfotbreen, il 25° ghiacciaio più grande della Norvegia, copre la sommità di un paesaggio unico in un’area conosciuta come bacino dell’Hornelen. Il bacino si è formato in seguito alla collisione delle placche tettoniche e successivamente si è assottigliato circa 400 milioni di anni fa, nel periodo Devoniano.

Le sporgenze montuose di arenaria corrono da nord a sud e sono spesso fiancheggiate da scogliere alte fino a 100 metri. Mentre Ålfotbreen si sta ritirando, la geologia unica di questo paesaggio sta venendo alla luce.

Il ghiacciaio ha subito drammatiche oscillazioni della sua massa superficiale tra l’inverno e l’estate. Questo in parte è dovuto alla sua posizione lungo la costa occidentale, che riceve circa 600 centimetri di precipitazioni annuali, rendendolo uno dei luoghi più piovosi d’Europa.

Ålfotbreen è aumentato di massa man mano che la neve si è accumulata durante l’inverno ma ne ha persa altrettanta durante l’estate. Le ondate di calore hanno sciolto il manto nevoso all’inizio della stagione, esponendo prima le superfici ghiacciate più scure.

Impatto climatico su Ålfotbreen

Gli scienziati hanno confrontato gli accumuli invernali dei ghiacciai con le perdite estive per tenere traccia di come la loro massa stia cambiando di anno in anno: un calcolo noto come bilancio di massa superficiale (tipicamente misurato in metri equivalenti all’acqua, ovvero la profondità dell’acqua che si avrebbe se il ghiaccio si sciogliesse). La direzione norvegese per le risorse idriche e l’energia ha mantenuto un registro di 60 anni della massa di Ålfotbreen, che è stato raccolto sul campo e segnalato al World Glacier Monitoring Service.



Gran parte della superficie di Ålfotbreen è costituita da neve sopravvissuta a 1-3 estati, nota come firn, che è una fase di transizione verso la formazione del ghiaccio del ghiacciaio. Sebbene gli inverni nevosi abbiano portato alla crescita della calotta glaciale tra il 1989 e il 1995, da allora ondate di caldo più frequenti e intense hanno contribuito al declino del ghiacciaio.

“Ci sono stati molti anni recenti – nel 2017, 2018, 2021, 2022 e 2023, per esempio – in cui il ghiacciaio ha perso la maggior parte della sua massa prima della fine della stagione di scioglimento”, ha detto Mauri Pelto, glaciologo del Nichols College. “Questo sta portando al declino dei ghiacciai”, ha aggiunto. 

Immagine satellitare del ghiacciaio Ålfotbreen in Norvegia, catturata il 23 agosto 2003.
Immagine (1) satellitare del ghiacciaio Ålfotbreen in Norvegia, catturata il 23 agosto 2003.
Immagine satellitare del ghiacciaio Ålfotbreen in Norvegia, catturata il 4 settembre 2022.
Immagine (2) satellitare del ghiacciaio Ålfotbreen in Norvegia, catturata il 4 settembre 2022.

La coppia di immagini sopra ha mostrato Ålfotbreen durante le estati del 2003 e del 2022. Il 3 agosto 2003, a più di un mese dalla fine della stagione di scioglimento, il ghiacciaio aveva già perso tutta la sua copertura nevosa, il che ha portato ad una grande diminuzione di volume (3 metri di acqua equivalente). Allo stesso modo, nel 2022, il 4 settembre il ghiacciaio non aveva più gran parte della sua copertura nevosa, determinando una perdita di massa netta, sebbene non così grave come nel 2003.

Negli ultimi dieci anni (2013-2022), il World Glacier Monitoring Service ha riferito che Ålfotbreen ha perso in media 1,07 metri equivalenti di acqua ogni anno. In circa la metà delle estati degli ultimi due decenni, sul ghiacciaio al termine della stagione di scioglimento non è rimasta alcuna copertura nevosa.

“La mancanza di una zona di accumulo persistente ha suggerito che il ghiacciaio non può sopravvivere al clima attuale”, ha sottolineato Pelto.

Pelto ha condotto una revisione dei dati sul bilancio di massa del World Glacier Monitoring Service per 37 ghiacciai montani in tutto il mondo nel 2022, e ha scoperto che 34 di essi avevano perso massa. L’analisi ha rilevato che, in media, i ghiacciai hanno ridotto di più di un metro il loro volume in quell’anno e che la perdita del manto nevoso a livello globale è accelerata nel tempo.

2