Guerra Russia Ucraina: il punto della situazione

Gli Stati Uniti stimano che nel corso della guerra 20.000 soldati russi siano morti in cinque mesi; due vittime civili negli ultimi attacchi russi contro l'Ucraina

0
355
Guerra Russia Ucraina: il punto della situazione
Guerra Russia Ucraina: il punto della situazione

Sono passati oltre 400 giorni dallo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina. Secondo le stime USA, negli ultimi cinque mesi l’esercito russo avrebbe subito oltre 20mila vittime nei combattimenti contro l’esercito ucraino, principalmente nella regione di Bakhmut. Metà di queste sarebbero avvenute all’interno del gruppo Wagner. La Russia ha lanciato un nuovo attacco missilistico sull’Ucraina orientale, provocando incendi, mietendo due vittime tra i civili e danneggiando dozzine di case e altri edifici presso la città di Pavlohrad. Le due morti sono state annunciate dal presidente Volodymyr Zelenskiy lo scorso 1° maggio tramite un suo discorso video.

Guerra Russia Ucraina: il discorso di Zelenskiy

Zelenskiy ha spiegato durante il suo recente discorso: “Altre quaranta persone (donne, bambini, uomini) sono state curate per ferite e ferite”. Zelenskiy ha anche detto che un ragazzo di 14 anni è stato ucciso vicino alla sua scuola quando è stata colpita da una bomba nella regione di Chernihiv, vicino al confine russo. Un’esplosione nella regione occidentale di Bryansk, al confine con l’Ucraina, ha fatto deragliare un treno merci russo lunedì, ha dichiarato il governatore locale in un post sui social media. “Un ordigno esplosivo non identificato è esploso, a seguito del quale è deragliata una locomotiva di un treno merci”, ha detto il governatore di Bryansk Alexander Bogomaz su Telegram, aggiungendo che non sono state segnalate vittime. Le autorità russe affermano che la regione, che confina con Ucraina e Bielorussia, ha subito numerosi attacchi da parte di gruppi di sabotaggio filoucraini nei 14 mesi successivi all’invasione russa.

La risposta degli ucraini

Contrattacchi ucraini hanno estromesso le forze russe da alcune posizioni nella città orientale assediata di Bakhmut, ma la situazione rimane “abbastanza difficile”, ha detto un alto generale ucraino. Tuttavia, il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra, ha aggiunto, tramite alcune dichiarazioni riportate dal Guardian: “Allo stesso tempo, in alcune parti della città, il nemico è stato contrattaccato dalle nostre unità e ha lasciato alcune posizioni”. Syrskyi ha fatto le osservazioni mentre visitava le truppe in prima linea domenica, hanno detto i militari.

Il capo della milizia privata Wagner ha rinnovato il suo appello al ministero della Difesa russo per aumentare le spedizioni di munizioni ai suoi combattenti che cercano di impadronirsi di Bakhmut. Yevgeny Prigozhin si è spesso scontrato con l’establishment della difesa di Mosca sulla condotta della campagna russa in Ucraina e quello che dice è un supporto insufficiente fornito ai suoi soldati Wagner. In un video pubblicato sul suo canale Telegram, Prigozhin ha affermato di aver bisogno di almeno 300 tonnellate di proiettili di artiglieria al giorno per l’assalto, ha riferito Reuters.

Le terribili opere di difesa militare costruite dalla Russia

Dall’estate scorsa la Russia ha costruito “alcuni dei più estesi sistemi di opere difensive militari visti in qualsiasi parte del mondo da molti decenni” nelle aree che controlla in Ucraina e nelle sue regioni di confine, ha dichiarato il Ministero della Difesa britannico nella sua ultimo aggiornamento dell’intelligence.



I commenti controversi di Astakhov

ll ministero degli affari esteri polacco ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna l’ex difensore civico dei bambini della Russia, Pavel Astakhov, per i commenti che ha fatto alla TV di stato russa secondo cui l’assassinio degli ambasciatori rientra “nel quadro del diritto internazionale“, con specifico riferimento all’ambasciatore polacco. La Polonia ha invitato la Russia “a garantire la sicurezza di tutti i diplomatici in conformità con la Convenzione di Vienna”. Volodymyr Zelenskiy ha parlato con il primo ministro della Nuova Zelanda, Chris Hipkins. Il presidente ucraino ha affermato di avere discusso di “un’ulteriore cooperazione in materia di difesa e questioni umanitarie” e “della necessità di un ulteriore consolidamento dei paesi della regione del Pacifico nel sostenere l’Ucraina”.

2